Galatea Ranzi presiede la giuria dell’Ortigia Film Festival

Visioni L'attrice sarà presidente di giuria del Concorso Lungometraggi Opere prime e seconde italiane e del Concorso Cortometraggi, con lei Andrea Carpenzano e Daniele Pecci. A capitanare la Giuria del Concorso Documentari ci sarà Pierfrancesco Li Donni, Presidente e tutor didattico del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo

Annunciate le giurie della dodicesima edizione di Ortigia Film Festival, il festival internazionale di cinema della città di Siracusa che si terrà dal 18 al 23 agosto.
Presidente di Giuria del Concorso Lungometraggi Opere prime e seconde italiane e del Concorso Cortometraggi sarà l’attrice Galatea Ranzi, con lei Andrea Carpenzano e Daniele Pecci.
Galatea Ranzi è una delle attrici più versatile del panorama italiano, diplomata all’Accademia Nazionale Silvio D’amico nel 1988, ha lavorato in numerose produzioni di teatri stabili sotto la direzione di Luca Ronconi, ricoprendo sempre ruoli da protagonista. Al cinema esordisce nel 1993 in “Fiorile” dei fratelli Taviani. Nel 2012, gira con Paolo Sorrentino, “La grande bellezza” (premio Oscar 2014), e riceve il premio Eleonora Duse per la carriera teatrale. Per Netflix è trai i protagonisti della serie “Baby”. Attualmente sta lavorando al monologo “In nome della madre”, testo di Erri de Luca, diretto da Gianluca Barbadori e “Lezione da Sarah” con la regia di Ferdinando Ceriani.

Galatea Ranzi – ph Stefano Cioffi

Daniele Pecci divide la sua carriera tra cinema, televisione e teatro, il successo personale arriva con lo sceneggiato di Rai 1 “Orgoglio” al quale seguono numerose serie italiane e internazionali. Il cinema arriva con “Fortapàsc” di Marco Risi, “Mine vaganti” di Ferzan Ozpetek, “Manuale d’amore” di Veronesi. Attualmente interpreta Stanley Kowalsky nel “Tram che si chiama desiderio” di T. Williams per la regia di P.L. Pizzi, che gli è valso il premio Flaiano 2020 come miglior interprete teatrale maschile. Il suo ultimo film, “Io sono babbo Natale”, recitato a fianco di Marco Giallini e Gigi Proietti e in uscita a dicembre 2020.

Andrea Carpenzano è un giovane e talentuoso attore, protagonista del film “La terra dell’abbastanza”, dei fratelli D’Innocenzo – che gli vale il plauso da parte della critica italiana e internazionale – e della pellicola sportiva “Il campione”, con Stefano Accorsi. Carpenzano parteciperà alla 77esima Mostra del cinema di Venezia con il film “Guida Romantica a posti perduti” di Giorgia Farina, di cui è protagonista insieme a Jasmine Trinca e Clive Owen.

A capitanare la Giuria del Concorso Documentari, Pierfrancesco Li Donni, Presidente e tutor didattico del CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia sede Sicilia e regista di “Loro di Napoli”, vincitore del miglior film italiano al Festival dei Popoli, del premio Télérama per il miglior film internazionale al Fipa di Biarritz e del Docs MX di Città del Messico. Nel 2020 “La nostra strada” è il miglior film italiano alla sedicesima edizione del Biografilm. La Giuria sarà composta dagli allievi della Scuola Nazionale di Cinema, sede Sicilia.

Pierfrancesco Li Donni

Per la sezione Concorso Lungometraggi opere prime e seconde italiane la Giuria assegnerà il premio Miglior Film OFF12, Premio Miglior Interprete OFF12, Premio SIAE Miglior Sceneggiatura OFF12.
Per la sezione Concorso Documentari la giuria assegnerà il premio “Sebastiano Gesù”al Miglior Documentario OFF12.
Per la sezione Concorso Internazionale Cortometraggi verranno assegnati il Premio Miglior Cortometraggio OFF12 e il Premio Rai Cinema Channel OFF12, Premio Laser Film OFF12.
Le giurie potranno inoltre attribuire alle opere in concorso, riconoscimenti e menzioni speciali.

Il pubblico di Ortigia Film Festival è giurato e da quest’anno assegna tramite votazione oltre al premio Miglior Film e Miglior Corto anche quello al Miglior Documentario. Il portale Cinemaitaliano.info in collaborazione con Ortigia Film Festival assegna due premi al Film e all’interprete dell’anno “Veramente Indipendente”.
Ortigia Film Festival, creato da Lisa Romano con la direzione artistica di Lisa Romano e Paola Poli, è realizzato grazie al sostegno del MiBACT, della Regione Siciliana, Assessorato Turismo Sport e Spettacolo, Dipartimento Turismo Sport e Spettacolo – Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto Sensi Contemporanei e del Comune di Siracusa.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.