Blog

Il premio Nobel 2021 per la letteratura e le fiabe finlandesi in copertina. In mezzo tanta Sicilia da leggere

Le letture consigliate da Salvatore Massimo Fazio

Blog Il premio 2021, Abdulrazak Gurnah per La nave di Teseo e le "Fiabe finlandesi" per Iperborea vanno in copertina. La Sicilia con Marietti 1820, Lunaria Edizioni e Bonfirraro confermano la bravura delle penne della Trinacria. Attesa finita per Etnabook: esce il secondo volume della III stagione!

Settimana con libri copertina che partono dalla Finlandia, attraversando il Premio Nobel 2021 per approdare alla qualità della Sicilia. E scalpitiamo per conoscerli: Sicilia la nostra meraviglia! Il tutto in due giorni: 9 e 10 dicembre.

Le uscite di giovedì 9 dicembre
Michel Maffesoli, Essere postmoderno, Armando Editore

Il concetto di postmodernità non è semplicemente una tendenza: è un modo di indagare il mondo e comprendere a fondo le società contemporanee, senza avere timore del loro cambiamento. Michel Maffesoli, inventore delle nozioni di “tribalismo” e “nomadismo”, evoca immagini e atmosfere del nostro tempo, analizzando figure suggestive che sono proprie della postmodernità. L’Autore affronta il ritorno dell’eterno bambino, la metapolitica e l’emergere di nuove religiosità, tracciando il quadro di una postmodernità “epinoica”, in cui l’uomo non è più padrone e dominatore della natura, ma comincia ad essere sua parte integrante.

L’autore
Professore emerito in Scienze Umane alla Sorbona, dove dirige il Centre d’étude sur l’actuel et le quotidienMichel Maffesoli è autore di numerosi libri. Tra le sue pubblicazioni più importanti in italiano, ricordiamo: Il tempo delle tribù (1988), Sul nomadismo (1997), La virtù del silenzio (2016) ed Ecosofia (2018).

Pasi Sahlberg, Lezioni finlandesi 3.0, Armando Editore

Che cosa possiamo imparare dal cambiamento educativo in Finlandia. Le prime due edizioni di Lezioni finlandesi hanno descritto come una piccola nazione nordica sia riuscita a costruire un sistema scolastico eccellente. Il terzo volume è un aggiornamento, corredato da materiali e strumenti pratici per insegnanti ed educatori, su tali pratiche. L’Autore fornisce un quadro completo e chiaro di come la Finlandia sostenga l’ambiente scolastico, in un mondo mai come oggi in preda a turbolenti cambiamenti. Nel mezzo di una crisi economica e della salute pubblica, Lezioni Finlandesi 3.0 incoraggia insegnanti, studenti e responsabili politici a pensare con audacia, e a guardare concretamente alle soluzioni per diminuire le diseguaglianze e migliorare la qualità dell’istruzione.

L’autore
Pasi Sahlberg è professore di Educazione Politica all’università di New South Wales a Sydney, Australia. I suoi libri investigano la sfida dell’educazione in un mondo sempre più globalizzato. È possibile seguire le iniziative e le pubblicazioni dell’Autore sul sito.

Giorgio Gruppioni e Silvano Vinceti, Dante e i suoi misteri,  Armando Editore

Come per tanti altri grandi personaggi della storia, anche la figura e molte vicende della vita e della morte di Dante Alighieri sono avvolte nel mistero, a partire dal luogo e dalla data della sua nascita, alle sue vere sembianze fisionomiche e alla causa della sua morte; per non parlare poi delle vicende rocambolesche delle sue spoglie mortali e dei dubbi sulla loro autenticità. Intorno a questi misteri è fiorita una sterminata letteratura nella quale, dalle labili o talora inesistenti informazioni storiche, sono state tratte interpretazioni e formulate ipotesi e congetture che hanno contribuito a stendere un velo che ha finito per celare o deformare la probabile verità dei fatti. Di questo e di altro si occupano gli autori in questo libro con l’intento di avvicinare il lettore alla figura e alla vicenda umana del nostro più grande poeta, senza rinunciare al fascino intrigante dei misteri trattati.

Gli autori
Giorgio Gruppioni, già professore ordinario di Antropologia nell’Università di Bologna e di Ecologia umana presso l’Università dell’Aquila, svolge la sua attività scientifica nel campo della biologia, ecologia e genetica dell’uomo, con particolare riguardo allo studio del rapporto uomo/ambiente e alla ricostruzione della storia, della vita e delle dinamiche bio-culturali delle comunità umane, anche attraverso l’esame dei resti umani d’interesse storicoarcheologico.
Silvano Vinceti, scrittore, autore e conduttore televisivo in Rai di programmi storico-culturali. Fra gli ultimi libri pubblicati, nelle nostre edizioni: L’enigma CaravaggioPorto Ercole l’ultima dimora di CaravaggioFrancesco il Rivoluzionario di Gesù, Leopardi il filosofo della speranzaAlla Ricerca della GiocondaIl Furto della Gioconda – un falso al Louvre? (2019) e Raffaello tra Leonardo e Michelangelo (2021). È Presidente del Comitato per la valorizzazione dei Beni Storici, Ambientali e Culturali. Ha concluso felicemente la ricerca dei resti mortali della modella della Gioconda.

Libro copertina al Premio Nobel 2021 per la letteratura Abdulrazak Gurnah con “Sulla riva del mare”, La nave di Teseo

Con questo romanzo più che mai attuale, sul tema dell’esilio e della migrazione, comincia la pubblicazione delle opere del Premio Nobel per la Letteratura 2021. Tra Oceano Indiano e Canale della Manica, Sulla riva del mare ci ricorda che il racconto e lo scambio di esperienze possono offrirci la possibilità di ritrovare noi stessi e gli altri. Il catalogo della casa editrice si arricchisce così non solo di una straordinaria voce della Letteratura mondiale, ma di un’altra autorevole voce delle Letterature del Continente Africano, cui La nave di Teseo ha rivolto sin dall’inizio la massima attenzione.
Il sessantacinquenne Saleh Omar è un mercante di Zanzibar, richiedente asilo in Inghilterra. Sindbad dei giorni nostri, Omar lascia una terra dove il genio del male si è incarnato in governanti ladri provvisti di ogni forma di moderna violenza politica: campi di concentramento, armi e uno stuolo di cortigiani. Al suo arrivo a Londra, all’aeroporto di Gatwick, Omar mostra un visto non valido, rilasciato in patria da un suo parente e acerrimo nemico, Rajab Shaaban Mahmud.
A Omar era stato suggerito di mostrare di non capire una parola di inglese, per cui l’assistente sociale che ha preso in carico il suo caso si trova costretta a chiedere la consulenza di un esperto di Kiswahili, uno dei dialetti dell’Africa Orientale: per ironia della sorte, l’interprete è Latif Mahmud, il figlio di Rajab, l’acerrimo nemico di Omar. L’uomo ha tagliato ogni ponte con la sua famiglia di origine dagli anni ’60, quando ha chiesto asilo come rifugiato in Inghilterra, dove vive nella nostalgia della sua terra. Ora, Omar si trova faccia a faccia con Latif in una cittadina inglese sul mare. Entrambi rifugiati, con una origine e un destino che li accomuna. Il figlio del persecutore di Omar è anche la persona che può salvarlo e dargli finalmente una nuova vita.
Dal premio Nobel per la Letteratura Abdulrazak Gurnah, un romanzo su due uomini che hanno scommesso tutto per cambiare vita, uno sguardo letterario implacabile sull’eredità dimenticata del mondo postcoloniale.

Ben Okri, Preghiera per i viventi, La nave di Teseo

La nuova raccolta di racconti di Ben Okri, vincitore del Booker Prize, mescola diversi piani di realtà, sempre in bilico fra l’oscurità e la magia. Irriverenti, incredibili, persino sconvolgenti, i racconti di questa raccolta ridisegnano i confini fra illusione e realtà.
Le storie sono ambientate a Londra, a Bisanzio, nel ghetto, sulle Ande, nella bottega di un tipografo in Spagna. Tra i personaggi, un assassino, uno scrittore, un detective, un uomo in una grotta e uno allo specchio, due bambini, la porta di una prigione e l’autore stesso. Un autore all’apice della sua potenza espressiva, che sa padroneggiare sapientemente il mezzo del racconto per far ridere il lettore, per farlo pensare, per fargli ribaltare completamente il punto di vista su ciò che lo circonda. Ventitré storie, ventitré mondi nei quali chiedersi dove sia il confine fra illusione e realtà.

William Faulkner, Bandiere nelle polvere, La nave di Teseo

Con Bandiere nella polvere, qui riproposto in una nuova traduzione dopo oltre 35 anni, La nave di Teseo aggiunge un altro imprescindibile tassello alla ripubblicazione delle opere di uno dei più grandi autori del Novecento americano, Premio Nobel per la Letteratura 1949.
Bandiere nella polvere è la prima opera di lungo respiro di William Faulkner. Pubblicato nel 1929 in una versione abbreviata (Sartoris), il romanzo ritornò alla sua forma originaria nel 1974. Vent’anni e undici romanzi prima del Nobel, si trovano già in questo scritto le caratteristiche salienti della produzione faulkneriana: l’incedere lento e spezzato della narrazione, il tema della rottura generazionale, l’ambientazione sudista nella contea di Yoknapatawpha.

Elena Pontiggia, Giorgio De Chirico, Gli anni quaranta, La nave di Teseo

L’autrice ripercorre momento dopo momento la vita e la ricerca di de Chirico durante un decennio emblematico, analizzando il pensiero dell’artista e le sue opere (tra cui il famoso Autoritratto nudo) e ricostruendo il rovente dibattito critico dell’epoca. Scopre così i punti di continuità fra la metafisica degli anni Dieci e la “metafisica della natura, il teatro della pittura” degli anni Quaranta.
Giorgio de Chirico è unanimemente considerato il maggior pittore italiano del Novecento e uno degli artisti europei più importanti dello scorso secolo. La sua pittura, ben conosciuta per alcuni periodi (la celeberrima stagione metafisica degli anni Dieci, l’epoca neoclassica e neoromantica degli anni Venti, gli anni Trenta, la neometafisica degli anni Sessanta), non è ancora stata indagata nel segmento cruciale degli anni Quaranta. È un momento di straordinaria vitalità nella ricerca dell’artista, che rientra in Italia nel 1939 con lo scoppiare della guerra e, dopo un breve soggiorno milanese e fiorentino, nel 1944 si stabilisce definitivamente a Roma. Nasce in questo periodo la sua pittura “barocca”, che dialoga con i grandi maestri del barocco europeo da Rubens a Van Dyck, ma anche con Raffaello, Ingres e molti altri. De Chirico scopre di quei maestri il segreto più nascosto, cioè l’uso di una “bella materia”, di una tecnica che esalta lo splendore della pasta pittorica. Guardando al Seicento e ritraendosi, in tutti i sensi, in vesti seicentesche, anticipa così il postmoderno. Vivacissimo è il suo repertorio tematico, che comprende ritratti, nature morte, paesaggi, temi mitologici e religiosi, omaggi a maestri antichi, rielaborazioni di propri soggetti precedenti. Una capillare cronologia in fondo al volume ricostruisce filologicamente per la prima volta, e con numerosi dati inediti, tutta la vicenda dell’artista (mostre, scritti, polemiche, eventi vari) nel decennio. Un ricco e coloratissimo repertorio iconografico, infine, arricchisce il volume, che pubblica tutti i principali dipinti di de Chirico dal 1939 al 1950, affiancandoli a illuminanti raffronti con i maestri cui si ispirava.

Le uscite di venerdì 10 dicembre

Un nuovo volume nella serie delle Fiabe Nordiche di Iperborea è libro contro copertina: AA.VV., Fiabe finlandesi, Iperborea

Foreste, laghi, isole, ghiaccio: il paesaggio che il popolo finlandese ha sempre avuto negli occhi non poteva che diventare lo sfondo per le sue fiabe. E la mitologia finnica, quella che anima il grande poema epico Kalevala, ne ha arricchito le trame, già ricche in una terra alla confluenza tra folklore occidentale e folklore russo: in Finlandia, una figura fiabesca universalmente nota quale la matrigna cattiva può spedire la figliastra a Hiisi, dimora di spiriti maligni autoctoni, e autoctoni sono anche i vetehiset, le divinità lacustri con cui deve vedersela il giovane che con il poco che ha va a cercar fortuna. In una natura numinosa, di cui sono gli sciamani a custodire i segreti, gli animali della foresta parlano, aiutano e tirano scherzi, un lupo addirittura canta in preda ai fumi dell’alcol; e la neve porta le tracce di un viavai di slitte, di sci e di navi portentose capaci di solcare anche la terra, i bracci di mare sono attraversati da ponti spuntati d’incanto e nel cielo si viaggia a dorso d’aquila o di gabbiano. Tutti vagano, in queste fiabe, tutti sono in cerca di qualcosa: Ilmarinen, il fabbro sempiterno, va a maritarsi, due ragazzi cercano i loro sette fratelli tramutati in cigni, Lippo, partito per la caccia, ritrova casa dopo anni grazie al figlio, che darà inizio alla storia della Lapponia, e c’è perfino chi cerca, e trova, la via che porta i finlandesi alla felicità. Nella trascrizione che ne ha fatto Eero Salmelainen a metà Ottocento, con il suo stile diretto, conciso e venato di ironia, queste fiabe si avvicinano alla freschezza del canto popolare e insieme, per l’immediatezza e il peculiare umorismo, anticipano la narrativa finlandese dei nostri giorni.

Speciale Sicilia

Roberta D’Ancona, Storie e sapori di Sicilia Viaggio dalla tradizione all’innovazione con diciannove chef, Bonfirraro

Già in vendita nei bookstore on line dal giovedì 2 dicembre, l’editore siciliano Bonfirraro pubblica un volume con 19 fornelli eccellenti della cucina siciliana, in un volume molto bello curato da Roberta D’Ancona. L’autrice, decide di affidarsi alla voce narrante di un grande conoscitore della storia della cucina siciliana, il palermitano Gaetano Basile, giornalista e scrittore, profondo studioso dei cibi tipici italiani.
Il testo prende in esame tutti gli aspetti peculiari della cucina tipica delle nove province dell’Isola, al fine di scoprire le principali differenze e i punti d’incontro. Partendo, dunque, da un’ideale divisione, all’interno del testo si scoprono i tratti caratterizzanti e distintivi della cucina della Sicilia Occidentale, di quella Centrale e di quella Orientale. Buona parte è dedicata ai cibi delle feste, agli aneddoti e curiosità sui piatti storici e gli ingredienti della cucina siciliana. L’autrice prende in esame le materie prime che hanno reso eccellente la cucina siciliana come il pane, la pasta, il riso, il pesce, la carne, i vegetali, le erbe aromatiche, gli agrumi e i dolci. A tavola con gli chef chiude l’opera, e si ha la conferma che la cucina siciliana moderna è una cucina innovativa.
Diciannove chef, alcuni dei quali stellati Michelin, selezionati dall’autrice hanno raccontato la loro concezione di cucina siciliana contemporanea realizzando un complesso ricettario, composto da tre ricette per ogni chef, correrdate dalle foto dei piatti.

I moderni monsù che ci hanno aperto le porte della loro cucina sono: Piergiorgio Alecci, Gaetano Basiricò, Giuseppe Biuso, Nunzio Campisi, Vincenzo Candiano, Giuseppe Costa, Pietro D’Agostino, Massimo D’Anna, Patrizia Di Benedetto, Paolo Di Domenico, Anna Fichera, Giuseppe Geraci, Alessandro Ingiulla, Tony Lo Coco, Gaetano Nanì, Giovanni Santoro, Angelo Treno, Marcello Valentino, Alfio Visalli.

Nino Buccellato, Opere complete, Marietti 1820
«Qualcuno dei critici mi ha rivolto, sia pure affettuosamente, l’accusa di essere uno scrittore “schivo”, “solitario”, “quasi sdegnoso”. Chi non mi conosce può pensare che io sia una specie di orso o un istrice. Non è affatto vero. Ritengo invece di essere un tipo socievole e amante della buona compagnia. Mi piace soltanto lavorare in silenzio. Proust dice che un libro  è figlio del silenzio».

L’autore
Nino Buccellato (Castellammare del Golfo, Trapani, 1915 – Roma 1983), poeta, scrittore, insegnante, giornalista, è stato rettore e preside dei Convitti nazionali di Stato, segretario particolare in vari Ministeri e sindacalista. Narratore sulle terze pagine di molti quotidiani (dal Giornale d’Italia alla Nazione, da Roma al Giornale di Sicilia), nel 1953 pubblica da Macchia il volume di racconti Il vulcano non si spegne. Seguiranno la raccolta di poesie Le soste (Vallecchi, 1966), definite da Ungaretti “notevoli” e tradotte anche all’estero, e Uomo di terra (De Luca, 1975). Nel 1979 riceve dal Presidente della Repubblica la medaglia d’oro al merito della cultura.

Ai bimbi pensa l’etnea Lunaria

Vanessa Viscogliosi e Tiziana Longo, UAU che giorni!, Lunaria Edizioni

Un libro inno alla vita e alla gioia delle piccole cose. Anche quando sembrano non avere senso. Basta poco per trasformare una giornata qualunque in un giorno UAU perché dietro le piccole cose si nasconde la bellezza che ci rende felici. Il profumo di un piatto cucinato dalla mamma, il rumore di una risata, un fiocco di neve tra le mani, la felicità si può guardare, ascoltare, annusare, toccare e pure assaporare. Pagina dopo pagina, colore dopo colore, UAU che giorni! accompagna i piccoli lettori alla scoperta delle sensazioni che si annidano dentro alla quotidianità, descrivendole attraverso i cinque sensi, per scovare la bellezza ed esclamare «UAU!». Che senso ha un giorno esplosivo o un giorno conchiglia? Cosa succede quando i giorni ficcano il naso o non si staccano dagli occhi? E, soprattutto, perché non si può proprio fare a meno dei giorni domenica? Una storia illustrata dai tratti poetici e delicati che insegna ai bambini a guardare ogni giorno con occhi curiosi, ad assaporarne tutte le sensazioni, perché ogni momento della vita può diventare indimenticabile.

Esce il tanto atteso secondo volume di Etnabook

AA.VV., Premio Letterario Etnabook Cultura sotto il vulcano 2021, NO_NAME

Le poesie, i romanzi in una pagina, le emozioni di un’annata complessa, dove si pensava d’esser usciti dalla pandemia e invece si è dovuto fronteggiare il tutto.



Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.