martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

Il Genio di Leonardo Da Vinci in mostra a Palermo

Arte

Si inaugura a Palazzo Bonocore il 13 aprile la mostra “Leonardo da Vinci la Ragione dei Sentimenti”


di Redazione SicilyMag

In occasione delle celebrazioni vinciane del cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci anche Palermo celebra il genio italiano con la mostra “Leonardo da Vinci la Ragione dei Sentimenti” Macchine, Disegni e Anatomia, che sarà allestita a Palazzo Bonocore dal 13 aprile al 29 settembre.

L’esposizione curata da Alberto D’Atanasio, rappresenta un’occasione unica per ammirare e comprendere in una visione d’insieme la straordinaria complessità del Genio nella pittura del suo tempo, indiscusso simbolo dell’arte e della creatività italiana, e considerato unanimemente il più importate tra i protagonisti della cultura, non solo del Rinascimento ma di tutti i tempi e di tutto il mondo. “Leonardo da Vinci la Ragione dei Sentimenti” è una mostra inedita per la sua spettacolarità e al visitatore il racconto del genio di Leonardo, la sua scienza ed eclettismo nelle varie discipline. Un progetto espositivo che fa proprio il concetto di edutainment, ossia la realizzazione di un genere d’intrattenimento culturale e family oriented, formativo e spettacolare.
Pittura, scultura, architettura, Leonardo da Vinci ha lasciato traccia delle sue idee attraverso schizzi, disegni, appunti, e disegnatore instancabile: non furono molti i dipinti che completò, mai soddisfatto del proprio lavoro, ma i disegni e gli schizzi sono giunti a noi in numero consistente. Il disegno diventa anche uno strumento attraverso il quale condurre e registrare, nelle sue carte, le indagini scientifiche rivolte ai campi più disparati del sapere, una pratica dunque in cui l'intento della rappresentazione è inscindibile dal processo della conoscenza e riflette ricerche, esperienze, invenzioni, riflessioni, seguendo i processi creativi e conoscitivi della sua mente. I disegni anatomici di Leonardo da Vinci sono in genere ammirati per il loro carattere analitico e per la precisione grafica, o sono studiati nella prospettiva delle scoperte scientifiche cui l’artista può essere pervenuto in campi strettamente anatomici o in quelli d’indagine patologica.

L’esposizione presenta circa trenta modelli di macchine edili, militari e per il volo esattamente riprodotte dai disegni contenuti nei codici leonardeschi. Le “macchine”, prodotte in legno, metallo e stoffa, in scala o a grandezza naturale (che occupano uno spazio di circa 200 mq.) sono state ricostruite da abilissimi artigiani fiorentini sotto la supervisione di esperti ingegneri. Sono state messe insieme didascalie da leggere e macchine da toccare, per un percorso di facile lettura.
La mostra, infatti, è volutamente didattica, l’interattività delle macchine e la loro sperimentazione rendono unica l’esperienza. La visita permette ai visitatori grandi e piccini di divertirsi e imparare scoprendo con curiosità i fondamentali princìpi studiati da Leonardo e ancora oggi applicati. L’obiettivo della mostra è far interagire il pubblico, per comprendere ciò che Leonardo ci ha lasciato in eredità. Grazie a delle manovelle è possibile muovere i macchinari ideati da Leonardo per vedere la loro funzione. Inoltre, a fruizione del pubblico, saranno disponibili le copie dei Codici Leonardeschi che ancor di più esplicano l’alto valore scientifico e culturale della mostra.

Palazzo Bonocore
piazza Pretoria, Palermo
Biglietti: €12 biglietto intero;
ridotto a € 10 over 65 e personale docente ed educativo del Ministero per la Pubblica istruzione;
ridotto € 8 giovani fino a 18 anni, studenti universitari, gruppi, disabili e convenzioni;
Gratis bambini fino a 5 anni.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 21 marzo 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Salvatore Tudisco: «Con l'Etna hai il contatto con le origini del mondo»

Si intitola "Idda a muntagna" la mostra, a cura di Anna Priolo e Francesco Messina, dell'artista taorminese al Museo vulcanologico di Nicolosi dove saranno esposte dal 14 al 28 luglio alcune delle sue opere fotografiche e scultoree

Marsala omaggia il M° Consagra, la scultura “divertimento del vivere”

A 50 anni dalla pubblicazione de “La città frontaleè dedicata al maestro grande mostra a cura di Sergio Troisi, visitabile dal 6 luglio

Le visioni oniriche del Maestro Giuseppe Guzzone

Dopo alcuni anni di assenza l'artista militellese torna ad esporre a Catania un nuovo ciclo di opere interamente realizzato per gli spazi della Catania Art Gallery, a cura di Marcello Panascìa

Caravaggio a Siracusa, fierezza e verità in una pennellata

Sarà esposto fino al 10 gennaio, alla Soprintendenza della città aretusea, "Per una crocifissione di Sant'Andrea", una delle due versioni che Michelangelo Merisi dipinse sul tema, e proveniente dalla collezione Sprier di Londra. Lo affiancano due dipinti dell'allievo siracusano Mario Minniti, il "Miracolo della vedova di Naim" e "Maddalena ai piedi della croce"

Con "Ciclopica" Siracusa inaugura una stagione di grande arte

In esposizione fino al 30 ottobre all'ex Convento San Francesco, la mostra curata da Vincenzo Sanfo che raccoglie un centinaio di sculture di 80 grandi artisti internazionali. Un primo passo della sinergia tra il Comune aretuseo e Sicilia Musei, che ha prodotto l'evento, e che vedrà ad aprile l'arrivo in città della "Crocifissione di Sant’Andrea" di Caravaggio

Quella liason pericolosa tra Kim e Donald è un gioco da bambini

Fino al 24 marzo al padiglione Zac dei Cantieri alla Zisa di Palermo la mostra Pyongyang Rhapsody - The Summit of Love di Max Papeschi e Max Ferrigno che deride i tratti infantili dei due bizzarri capi di Stato