Il 5 febbraio Londra guarda in diretta la Festa di Sant’Agata

La sera di lunedì 5 febbraio un gruppo di Londinesi si riunirà nel centro della capitale britannica, a Piccadilly, per guardare in diretta, via internet, le immagini della Festa di Sant’Agata e commentarle in lingua inglese. L’iniziativa, organizzata dalla community no-profit “SicilyCulture”, accende i riflettori sulla Festa da una prospettiva straniera ed approfondisce i temi culturali legati alle celebrazioni agatine. L’incontro si svolge al ristorante siciliano “Tasting Sicily Enzo’s Kitchen” dove i partecipanti – per la maggior parte britannici – faranno tesoro dell’occasione per degustare piatti tipici catanesi tra cui la Pasta alla Norma, la Parmigiana ed il dolce tradizionale di Sant’Agata.

Messa dell'Aurora, l'uscita di Sant'Agata - ph Sicilymag.it

Messa dell’Aurora, l’uscita di Sant’Agata – ph Sicilymag.it

Anche il vino è made in Catania perché offerto dall’azienda “Vini Gambino” di Linguaglossa alle pendici dell’Etna. L’evento è supportato da “SicilyUnlimited” che organizza visite culturali in Sicilia per viaggiatori britannici, e da “Etnacoffee”.
«La Festa è ricca di Storia e tradizioni – spiega la fondatrice di SicilyCulture Francesca Marchese – ed i londinesi sono curiosi di saperne di più. La Sicilia sta vivendo un momento di popolarità straordinaria, grazie agli episodi di Montalbano trasmessi dalla BBC nei mesi scorsi e grazie alla nomina di Palermo Capitale dell Cultura. Catania merita di essere conosciuta anche grazie alla Festa dedicata alla propria Patrona».
A valorizzare l’incontro anche il giornale “Londonist” (860mila likes su Facebook) che ha inserito l’appuntamento di SicilyCulture tra gli eventi più interessanti della settimana nella metropoli inglese.
Tra gli eventi precedenti organizzati da SicilyCulture, i meeting con la scrittrice Simonetta Agnello Hornby, il giornalista BBC Dan Saladino e l’attore Marco Gambino.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.