giovedì 23 novembre 2017

giovedì 23 novembre 2017

MENU

Hit Parade, la mia vita in 30 canzoni secondo Luigi Pulvirenti

Libri e fumetti

Il giornalistica e scrittore catanese nel suo ultimo libro, edito da Algra, non stila una classifica ma concentra in 30 racconti, ciascuno legato ad una canzone, il proprio rapporto con la musica: «Perché, spesso, sono proprio le canzoni a ricostruire la nostra biografia. Presentazione il 24 novembre al Machiavelli di Catania


di Redazione SicilyMag

"Quella volta che ci ritrovammo in macchina a cantare a squarciagola "Se telefonando" di Mina, mentre tornavamo da una notte di bagordi e spensieratezza trascorsa in una discoteca della riviera. O quell’altra che rimasi imbottigliato nel traffico ma non mi importava più di tanto: la radio stava passando quel pezzo uscito fuori da chissà quale curva della mia memoria di bambino, di cui ignoravo quale fosse il gruppo, o artista, che l’aveva cantato, e aspettai trepidante che il deejay desse quelle informazioni - cosa che poi non fece -".

Luigi Pulvirenti e il suo libro

Quanto volte sarà capitato, nella vita di ciascuno di noi? Ascoltare una canzone e riandare ad un ricordo scolpito nella mente, di un momento della nostra vita indissolubilmente legato ad essa. Prende le mosse proprio da qui Hit Parade, quarta opera letteraria dello scrittore, giornalista e pubblicitario catanese Luigi Pulvirenti. Trenta racconti ispirati a trenta canzoni, sullo sfondo di ottant’anni di storia dell’Italia, per raccontare l’importanza della musica nella vita delle persone. «Non è una classifica, o una compilation - precisa subito Pulvirenti - e la scelta del titolo vuole proprio rovesciarne il significato comune, quella di voler classificare a tutti i costi qualcosa. Nel nostro caso, la musica. «Hit Parade è il racconto, semplicemente, della mia educazione sentimentale alla musica. Dentro ci sono le canzoni che mi hanno segnato, non necessariamente conosciute al grande pubblico, ma che hanno voluto dire qualcosa per me. E l’invito che faccio - conclude l’autore - a chi leggerà il libro è di prenderne solo spunto, quasi fosse un pretesto per raccontare il rapporto che ciascuno ha avuto con la musica che ha attraversato la propria vita. Perché, spesso, sono proprio le canzoni a ricostruire la nostra biografia».

Esattamente quello che è accaduto a Pulvirenti, che nei trenta racconti ricostruisce le sue esperienze di vita, private e professionali; tra librerie di Georgetown, Washington, ambigui locali di Pechino, musicisti di strada a Londra, pianoman in servizio nell’Upper East Side di New York, noiosi pomeriggi estivi trascorsi a casa, escursioni sull’Etna e spiagge solitarie e desolate nell’estremo sud della Sicilia. Il quadro è quello di una vita segnata dal tempo in quattro quarti del pop rock inglese degli anni ’80, della psichedelia stile Pink Floyd, delle armonie swing alla Sergio Caputo, frammiste a tanta musica italiana venuta fuori dal palco italico per eccellenza: quello dell’Ariston, di Sanremo.

I 30 brani citati nel libro: Change The World (Eric Clapton, Phenomenon, 1996); Fall On Me (R.E.M. Album Document, 1987); Buonumore (Denovo, Venuti Dalle Madonie A Cercar Carbone, 1989); La Donna cannone (Francesco De Gregori, La Donna cannone, 1983); Smoke Gets In Your Eyes (Harbarch-Kern, Platters, 1959); Non dimenticar le mie parole (Alberto Rabagliati, 1935); Piano Man (Billy Joel, Piano Man, 1973); Spicchio di luna (Sergio Caputo, Sabato italiano, 1983); I Still Haven’t Found What I’m Looking For (U2, The Joshua Tree, 1987); Us And Them (Pink Floyd, The Dark Side Of The Moon, 1971); Camera a sud (Vinicio Capossela, Camera a sud, 1992); Just Breathe (Pearl Jam, Backspacer, 2009); 1979 (Smashing Pumpinks, Mellon Collie And The Infinite Sadness, 1995); The Last Goodbye (Jeff Buckley, Grace, 1994); Here Comes The Hotsteppers (Ini Kamoze, Here Comes The Hotstepper, 1994); Lately (Stevie Wonder, Hotter Than Julie, 1980); Non volevo (Rosario Di Bella, in gara al festival di Sanremo, 1993); Purple Rain (Prince And The Revolution, Purple Rain, 1984); Quando (Pino Daniele, Sotto ’o sole, 1991); Gli impermeabili (Paolo Conte, Paolo Conte, 1984); Come dentro un film (Luca Barbarossa, Come dentro un film, 1987); È non è (Niccolò Fabi, La cura del tempo, 2003); Summer (Joe Hisaishi, L’estate di Kikujiro, 1999); Echi d’infinito (Venuti-Kaballà, Antonella Ruggiero, Big Band, 2005); La fila degli oleandri (Gianni Bella, La fila degli oleandri, 1991); Silvia lo sai (Luca Carboni, Luca Carboni, 1987); Venderò (Edoardo Bennato, La torre di Babele, 1976); La verità (Brunori Sas, A casa tutto bene, 2017); Grande Joe (Banco Del Mutuo Soccorso, festival di sanremo, 1985); Io faccio ’o show (Renzo Arbore, Discao Meravigliao, 1988).

Il libro, in uscita per i tipi di Algra editore, battagliera casa editrice catanese diretta da Alfio Grasso, è disponibile dal 7 novembre nelle librerie di tutta Italia. La prima presentazione è prevista a Catania, al Teatro Machiavelli, venerdì 24 novembre, alle 20, con la partecipazione dello sceneggiatore televisivo Davide Chiara e dei giornalisti e critici musicali Luigi D’Angelo e Gianni Caracoglia.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 08 novembre 2017
Aggiornato il 13 novembre 2017 alle 19:33





TI POTREBBE INTERESSARE

Carlo Loforti: «Mimmo Calò è un concentrato di palermitanità, senza peli sulla lingua»

Il personaggio nato dalla penna dello scrittore e psicologo palermitano, arrivato al grande pubblico con "Appalermo, Appalermo" (tra i finalisti del XXVIII Premio Italo Calvino), con il suo modo divertente e odiabile è protagonista anche di "Malùra", il nuovo romanzo dal ritmo incalzante edito da Baldini & Castoldi. IL24 novembre la presentazione a Catania

Iole Pappalardo: «L'uomo non tarpi le ali alla donna, l'amore è libertà»

La scrittrice catanese nel suo secondo romanzo "Sulle ali della felicità" (NullaDie Edizioni) tocca vari rapporti d’amore, da quello tra due amanti, a quello tra figlia e padre, passando per quello tra madre e figlia e, perché no, anche da quello tra amiche: «L’amore non può essere dolore e prigione ma libertà, rispetto, amicizia»

C'è Malùra a Palermo, Carlo Loforti viaggia tra le nevrosi siciliane

Esce il 2 novembre il nuovo romanzo dello scrittore palermitamo, già finalista al Premio Calvino con il precedente "Appalermo, Apppalermo!". Con il suo stile asciutto e sarcastico "Malùra" è un viaggio tra Sicilia e Calabria che punta dritto alle nevrosi di oggi

Jim Tatano: «Dalla Sicilia a Roma per scompigliare l’establishment»

Nuova presentazione editoriale il 26 ottobre a Mussomeli per il giovane scrittore e giornalista nisseno autore de "La ragnatela del potere" romanzo costruito sulle nervature di una struttura sociale intrigata e misteriosa, massonica e oscura, in cui non esistono certezze

“Sicilian Comedi” di Cappellani: «La Sicilia è buttanismo e grazia»

I patti sono chiari: «Dovete prendermi come uno scrittore che non ha una portata morale». 10 anni dopo “Sicilian Tragedi”, c’è tanta provocatoria meraviglia nella storia di mafiosi di “Sicilian Comedi", trasposizione siculocentrica dello shakespeariano "Sogno di una notte di mezza estate", un carro trionfale di buttanazze, figure femminili intelligenti, scaltre e senza scrupoli

Giacomo Cacciatore: «Emanuele Piazza vittima di una Palermo che non perdona la fantasia»

Tra realtà e finzione, lo scrittore palermitano ha costruito “Uno sbirro non lo salva nessuno. La vera storia di Emanuele Piazza, il Serpico palermitano" sull'assenza dell'ex poliziotto che nel 1990 finì vittima della lupara bianca armata da un intrigo di servizi segreti, mafia, omertà, e amicizie tradite: «Emanuele amava Serpico, ho creato aperture più letterarie su di lui che immagina di rivivere scene del film»