“Ghostrain”, torna l’America iblea di Stefano Meli

Musica Nuovo disco per il musicista ragusano un anno da “Psychedelic Indiana Blues”. Tornano i sentieri polverosi e disertori della musica di frontiera con un disco inquieto, lontanamente psichedelico, acustico e strumentale

È un disco che evoca strade, confini, incontri probabili “Ghostrain”, il nuovo album del musicista ragusano Stefano Meli. Treni vuoti e senza fermate che corrono verso il nulla salutati da cani solitari che abbaiano in lontananza, piccoli passi e cieli sconfinati, “un disco sporco di silenzio e di orizzonti muti, che bagna passeggeri distratti affamati di niente”. Ad appena un anno da “Psychedelic Indiana Blues” Stefano Meli torna a percorrere in “Ghostrain” i sentieri polverosi e disertori della musica di frontiera con un disco inquieto, lontanamente psichedelico, acustico e strumentale.

Copertina dell'Album Ghosttrain di Stefano Meli

Copertina dell’Album Ghosttrain di Stefano Meli

Dieci tracce affidate alla cura delle sue chitarre, protagoniste degli unici dialoghi presenti in questi brani, e agli echi di batteria di Sebastiano Cataudo, i brani si consegnano senza indugi alle risonanze letterarie di John Steinbeck, Brendan Behan ed Erskine Caldwell. Nessuna parola (parlata, se non altro) e pochi strumenti: registrati in presa diretta senza il passaggio da computer al “Little Lost Cat Studio”, minuscolo studio disperso nelle campagne di San Giacomo a Ragusa, e affidati successivamente al mix&mastering di Carlo Natoli e ai muri di pietra antica del “Phantasma Studio” di Ragusa.

Pubblicato dalla Seltz Recordz, costola della storica Viceversa Records, e distribuito da Audioglobe, “Ghostrain” sarà disponibile in anteprima streaming venerdì 25 settembre sul sito Mescalina.it e il giorno successivo in vendita in tutti gli store fisici e digitali.

Stefano Meli

Stefano Meli

#audio#/docs/silence.mp3#

Ascolta “Silence tratto da “Ghostrain” di Stefano Meli

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.