martedì 13 novembre 2018

martedì 13 novembre 2018

MENU

Gabriella Anca Rallo è Commendatore della Repubblica

Sugnu sicilianu

La signora "Donnafugata" viene insignita del prestigioso titolo per i suoi meriti non solo nell'affermazione del vino siciliano nel mondo, ma anche per la sua valorizzazione del ruolo della donna. La cerimonia domenica 4 novembre a Trapani, in occasione della giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate


di Redazione SicilyMag

Gabriella Anca Rallo è stata insignita del titolo di Commendatore della Repubblica Italiana; l’alta onorificenza è stata attribuita alla signora “Donnafugata” per i suoi meriti in favore dell’affermazione del vino siciliano così come per la promozione del ruolo della donna nell’isola. Una vicenda umana e professionale – quella di Gabriella –esemplare: per la determinazione ed il successo con la quale ha perseguito i suoi obiettivi affrontando le difficoltà della vita e le sfide del lavoro. In seguito all’improvvisa scomparsa del padre, si trova alla guida dell’azienda agricola di Contessa Entellina. Sono gli Anni’70, nei territori dove il terremoto del Belìce aveva seminato distruzione;qui, con coraggio e testardaggine, avvia una lenta ma inesorabile conversione verso la qualità.

Gabriella Anca Rallo - ph B Pilotto

Lei che dopo gli studi classici a Firenze, il Diploma di traduttrice conseguito a Ginevra e la laurea in Scienze Politiche, era diventata insegnante di Lingua e Letteratura Inglese al Liceo, nel giro di pochi anni, lascia la scuola per dedicarsi completamente alla viticoltura. Insieme al marito Giacomo Rallo, Gabriella condivide la visione di una nuova Sicilia del vino, e per realizzare il loro sogno danno vita a Donnafugata, come ha voluto che si chiamasse la loro azienda, con il logo che tratteggia la testa di una donna con i capelli al vento. Un nome che non è solo evocativo del Gattopardo e delle colline del Belìce alle quali Tomasi di Lampedusa si ispira, ma che presto si rivela come un manifesto identitario: Donnafugata è un’azienda in fuga, in moto perpetuo verso traguardi sempre nuovi e più avanzati.
Gabriella viaggia in lungo e in largo, dalla Francia alla California e ne trae spunto per un’interpretazione originale e innovativa del potenziale vitivinicolo siciliano.Chiama a raccolta i migliori consulenti, riduce le produzioni per ettaro, valorizza i vitigni autoctoni ed al contempo sperimenta le varietà internazionali. Per questi motivi Gabriella è considerata una pioniera ed una protagonista della rinascita del vino siciliano.

La famiglia Rallo nella tenuta di Contessa Entellina - ph Gambina

Determinante è stato il suo ruolo anche nell’ambito della comunicazione. La forza identitaria che Gabriella ha voluto imprimere all’azienda si esprime soprattutto attraverso le sue etichette che hanno contribuito a rendere famosa la Sicilia nel mondo: di straordinaria personalità sono le illustrazioni da cui traggono origine, vere opere d’arte create o ispirate da Gabriella che ha saputo avvalersi della collaborazione artistica di Stefano Vitale, riuscendo così a rendere ogni bottiglia di Donnafugata, l’icona di un universo simbolico di eccezionale forza immaginifica.
Etichette rivoluzionarie e riuscitissime, perché in esse Gabriella ha voluto portare i colori del sole, del mare, e della sua terra. Molto evocativi anche i nomi come Tancredi, Floramundi, Mille e una Notte o Fragore, l’ultimo vino di Donnafugata prodotto sull’Etna.

Dopo la scomparsa nel 2016 di Giacomo Rallo, Gabriella e i figli José e Antonio, ne portano avanti i valori e la visione. Dalla Sicilia occidentale, con le aziende agricole di Contessa Entellina e Pantelleria, a quella orientale, sull’Etna e a Vittoria, Donnafugata esprime il grande potenziale dei migliori territori vitivinicoli dell’isola, focalizzandosi su produzioni di pregio che sono esportate in oltre 60 paesi.
Tantissimi i messaggi di felicitazioni che le sono giunti in queste ore da parte di chi avendola conosciuta, ne apprezza la solarità, la fantasia, la simpatia contagiosa e l’eleganza naturale.

L’onorificenza di Commendatore attribuita con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sarà conferita a Gabriella Anca Rallo dal Prefetto di Trapani Darco Pellos nell’ambito delle celebrazioni della giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. La cerimonia si svolgerà domenica 4 novembre presso il monumento ai Caduti, in Piazza Vittorio Veneto a Trapani.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 02 novembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Salvatore Mauro: «L'arte non è un mestiere ma un'esigenza spirituale»

L'artista augustano, che si definisce "anomalo" per il suo essere anche curatore, dopo 18 anni trascorsi a Roma è rientrato a Siracusa dove gestisce AmMARE, un coworking aperto agli artisti in cui sabato 13 ottobre sarà inaugurata "Revolution", una mostra collettiva nata in occasione della Giornata del Contemporaneo per rendere l'arte accessibile a tutti

Andrea Calcione: «I miei fiori, belli da vedere e buoni da mangiare»

Viole, nasturzi, gerani, borraggine e bocche di leone sono alcune delle varietà che il giovane imprenditore coltiva in modo biologico in un agro di Motta Sant'Anastasia. Si tratta di fiori belli da guardare ma anzitutto commestibili, perché ricchi di sapore e nutrienti: un'usanza diffusa nell'antichità che rappresenta la nuova frontiera della cucina green, che ha già conquistato gli chef stellati

Andrea Graziano: «In "fuddese" racconto il territorio più autentico "meid" in Sicilia»

Forte di una lingua propria che sicilianizza i termini anglosassoni - «Il cibo buono deve arrivare a tutti» -, il fast food di qualità Fud Bottega Sicula creato dall'imprenditore catanese è arrivato a Milano. Graziano è il guru del "fud pipol", piccoli produttori che vivono della biodiversità agroalimentare: «Abbiamo messo insieme ciò che di buono fanno questi produttori»

Francesco Cafiso: «Col mio blues l'Etna sputa fuori le ingiustizie del popolo siciliano»

Affascina quando un luogo naturale è fonte di ispirazione per l'arte. Affascina di più quando quel luogo è il Vulcano siciliano, e l'artista è il sassofonista di Vittoria, autore del brano "Etna flow" il cui video suggestivo porta la firma di Gian Maria Musarra: «Come io utilizzo il sax per tirar fuori quello che ho dentro, così l’Etna si esprime attraverso i suoi crateri»

«L'Italia è il Paese del Processo del lunedì, rischia la cretinocrazia»

Nel suo "Sillabario dei malintesi", il giornalista e scrittore catanese evidenzia le contraddizioni, di ieri e di oggi, della dialettica del paradosso. Giudica eversivo il populismo oggi al potere in Italia perché abbagliato dall'idea della democrazia diretta: «Demagogia e incompetenza non sono la soluzione». E della sua Sicilia salva Palermo: «E' ridiventata capitale dell'umanesimo mediterraneo»

Amelia Bucalo Triglia, le tante vite della "signora del fuoco"

Giornalista, esperta di comunicazione ed organizzatrice di eventi. Una chiacchierata con la creatrice del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, recentemente nominata Cavaliere del Lavoro della Repubblica, che si racconta a partire dalla sua vita professionale intrecciata con pezzi importanti della storia più recente di Palermo