mercoledì 24 luglio 2019

mercoledì 24 luglio 2019

MENU

Federica Reale, grinta ed eleganza per la giovane pianista catanese

Recensioni

Ospite della Società Catanese Amici della Musica, con un repertorio otto-novecentesco la 18enne concertista ha convinto il pubblico accorso per lei al Kakane palace Hotel di Catania


di Anna Greco

Sabato 11 maggio si è svolto al Katane Palace Hotel di Catania un interessante concerto di pianoforte, penultimo appuntamento musicale della stagione “Florilegi sonori” della Società Catanese Amici della Musica, sotto la direzione artistica di Anna Rita Fontana. Riflettori puntati per l’occasione su un altro giovane talento catanese, che ha riscosso ampio consenso di pubblico, ovvero la diciottenne pianista Federica Reale, già piazzatasi brillantemente in diversi concorsi nazionali e internazionali, tra primi premi (“Pietro Argento International Music Competition” e “Giulio Rospigliosi”) e primi premi assoluti (Concorso Europeo di Esecuzione Musicale “Città di Siracusa”, Concorso Nazionale “Antonio Trombone” e Concorso Internazionale “Gianluca Campochiaro”).

Federica Reale

Munita di considerevole bagaglio tecnico ed elegante gestualità, la giovane pianista ha affrontato con grinta un articolato programma immergendosi con passione in un repertorio otto-novecentesco a lei congeniale. Già sin dalla prima parte, col Preludio e fuga in sol minore n.22 op. 87 di Dmitrij Shostakovich, di tangibile ascendenza bachiana, e con la Sonata op.11 n. 1 di Nikolay Medtner, ben resa nel suo corposo sviluppo accordale con appigli neoclassici, si profilavano limpidità di suono e accortezza nei dosaggi dinamici, due aspetti costanti nell’esecuzione della Reale, suffragati da ammirevoli capacità interpretative, data la così giovane età. Ciò affiorava non da meno nei pezzi a seguire, come nella Ballata n. 4 in fa minore op. 52 di Fryderyk Chopin (a chiusura della prima parte) improntata ad equilibrio espressivo senza eccessi di “rubato”, e nella Kreisleriana op. 16 di Robert Schumann, eseguita nella seconda parte. In entrambe le composizioni infatti la pianista ha dipanato una bella cantabilità, protesa ora allo slancio lirico, ora a momenti raccolti e sognanti, espressione entrambi della duplice personalità schumanniana che si rispecchia in questo caso nel personaggio bizzarro di Kreisler (tratto dalla poetica di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann) come in altri ambiti letterari lungo uno spiccato phantasieren che connota la scrittura pianistica del musicista sassone.

Un altro momento del concerto della Reale

Calorosa a fine serata la risposta della platea, con reiterati applausi alla bravissima pianista, la quale concedeva due bis: il Preludio n. 4 di Fryderyk Chopin e lo Studio op. 8 n. 2 di Skryabin.

Fiori alla fine per la giovane pianista catanese



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 13 maggio 2019
Aggiornato il 20 maggio 2019 alle 23:05





TI POTREBBE INTERESSARE

Silvio Laviano fa rivivere Enoch Arden. Pura poesia

L'attore catanese, giunto alla sua maturità artistica, per la rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica” ha donato al pubblico nell’incantevole scenario del cortile di Villa San Saverio, una vera e propria chicca

Con "Astolfo sulla luna" il cunto di Cuticchio ci riporta sulla terra

Il Maestro cuntista e puparo palermitano, a Catania per "Porte aperte Unict", parte dall'Orlando Furioso di Ariosto narrato secondo l'antica tecnica del cunto per portare il pubblico a nuove riflessioni sull'oggi

Il Simurgh Ensemble ammalia Catania con la cultura persiana

L'ultimo concerto della fortunata stagione della Camerata Polifonica Siciliana diretta dall'infaticabile Giovanni Ferrauto ha trasportato gli ascoltatori nell’atmosfera suggestiva di una civiltà antichissima

Gran varietà Siracusa, la Lisistrata di Solenghi e l'imperativo del "facce ride'"

Nonostante un'ottima Elisabetta Pozzi, la corale messinscena firmata dall'attore e regista genovese per la stagione classica al Teatro Greco, tradisce le aspettative sconfinando spesso in un triviale varietà televisivo che ha divertito la gran parte del numeroso pubblico accorso per la prima ma che non ha rispettato alla lettera il mandato dell’Inda che l'ha commissionata

Un sanguigno Pirrotta ricrea il pathos dell'Iliade

Protagonista del primo appuntamento della rassegna Il Bellini nel Barocco l'attore palermitano, accompagnato dal flauto del M° Vella, ha trasmesso tutta la sofferenza della tragica morte di Ettore e dell’odio di Achille

HJO Jazz Orchestra, il lato swing dei cartoni animati

Per il cartellone "Un palcoscenico per la città" della Camerata Polifonica siciliana con il Teatro Massimo Bellini, la nota jazz orchestra catanese, diretta da Sebastiano Benvenuto Ramaci, ha portato sul palco del Sangiorgi di Catania la magia delle colonne sonore dei film d'animazione