C’è la siciliana Agrigento fra le 10 finaliste a Capitale italiana della Cultura 2025

Territori La città dei templi concorrerà per la vittoria finale con Aosta, Assisi (Perugia), Asti, Bagnoregio (Viterbo), Monte Sant’Angelo (Foggia), Orvieto (Terni), Pescina (L’Aquila), Roccasecca (Frosinone) e Spoleto (Perugia)

La Giuria per la selezione della “Capitale italiana della cultura” 2025 ha individuato i 10 progetti finalisti, presentati dalle seguenti città: Agrigento, Aosta, Assisi (Perugia), Asti, Bagnoregio (Viterbo), Monte Sant’Angelo (Foggia), Orvieto (Terni), Pescina (L’Aquila), Roccasecca (Frosinone) e Spoleto (Perugia). Le singole proposte saranno illustrate alla Giuria nel corso di audizioni pubbliche, così come previsto dal bando, che si svolgeranno in presenza nei giorni 20 e 21 marzo, a Roma, nella sede centrale del Ministero della Cultura.

La Valle dei templi e Agrigento in fondo

Soddisfatto il sindaco di Agrigento Francesco Miccichè: «Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a questo primo risultato e in particolare il Presidente dell’Ecua Nenè Mangiacavallo ed il Presidente dell’Associazione MeNO, Roberto Albergoni che ha redatto il dossier di candidatura. Il titolo del dossier, “Il sé, l’altro e la natura, relazioni e trasformazioni culturali”, esprime la nostra visione per la costruzione di futuro per la nostra città».

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "AGRIGENTO"

Il logo della candidatura di Agrigento capitale della cultura 2025

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.