Catania Film Fest, riflettori sul cinema indipendente europeo

Eventi La undicesima edizione del festival cinematografico etneo si terrà dal 23 al 28 novembre da Zo Centro culture contemporanee con film inediti, ospiti internazionali e tanti eventi speciali. Il festival è diretto da diretto da Cateno Piazza, Emanuele Rauco e Laura Luchetti e organizzato dall’Associazione Culturale “Alfiere Productions” di Daniele Urciuolo

Il Catania Film Fest – giunto alla undicesima edizione – si terrà dal 23 al 28 novembre da Zo Centro Culture Contemporanee di Catania e prevede anche quest’anno tanti eventi, anteprime, una mostra su Vittorio De Seta, un focus sul nuovo cinema tunisino, una sezione dedicata al regista greco Yorgos Lanthimos e una dedicata alla musica, con presentazioni e incontri con ospiti. Oltre sessanta opere, provenienti da venti Paesi anche grazie alle sezioni Catania Italiana e Catania Europa. 

Il festival è diretto da Cateno Piazza, Emanuele Rauco e Laura Luchetti e organizzato dall’Associazione Culturale “Alfiere Productions” di Daniele Urciuolo, con il sostegno della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Sicilia Film Commission, nell’ambito del Programma “Sensi Contemporanei” e “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione”, e con il patrocinio di Enti pubblici e privati.

Cateno Piazza, founder e co-direttore artistico afferma: «Sono fiero di quello che abbiamo realizzato con questa undicesima edizione del Catania Film Fest, con una selezione che oltre ad accrescere il valore culturale ed artistico del festival, coinvolge ospiti di prestigio valorizzando concretamente il territoriodi Catania e della Sicilia come centro nevralgico della scena internazionale del cinema indipendente europeo».

«Il compito di un festival come il nostro è quello di condividere nuovi film indipendenti europei nonché far scoprire giovani talenti del cinema ad un pubblico di massa, con un’offerta artistica, sociale e formativa accessibile a tutti attraverso mostre, masterclass, proiezioni e unendo altre arti oltre al cinema come la musica e la fotografia», ha aggiunto Daniele Urciuolo, presidente e organizzatore del Festival.

In 11 sezioni, competitive e non, sono state selezionate oltre 60 opere tra lungometraggi, documentari e cortometraggi provenienti da 20 paesi europei. Apertura mercoledì 23 novembre alle ore 18 presso Zō centro culture contemporanee di Catania (piazzale Rocco Chinnici n. 6) con l’inaugurazione dell’XI edizione del Festival, con i saluti istituzionali, la mostra fotografica “Vittorio De Seta. Cinema di un maestro” a cura della Cineteca della Calabria e l’incontro sul cineturismo in Sicilia a cura di Enrico Nicosia (presidente Comitato Scientifico del Festival) e con la partecipazione di Nicola Tarantino (dirigente responsabile della Sicilia Film Commission).

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone e il seguente testo "CATANIA FILM FEST MOSTRA FOTOGRAFICA Vittorio De Seta. Cinema di un maestro 23 NOV 2022 Ore 18:00"

Si proseguirà alle ore 21 con l’evento “Omaggio a Battiato” a cura del Guarnieri Ensemble con un ospite Speciale, Luca Madonia (acoustic trio), in collaborazione con Zō centro culture contemporanee, uno spettacolo che, oltre a rendere viva la memoria e la straordinaria musica del maestro Franco Battiato, riuscirà a celebrare l’eredità morale ed estetica di questo singolare artista.

Claudio Giovannesi sarà il Presidente della giuria, il regista di “Fiore” e che ha conquistato l’Orso d’Argento alla Berlinale nel 2019 per la miglior sceneggiatura con “La Paranza dei Bambini”.

Un programma che si sviluppa in sei giorni, tra proiezioni, incontri, masterclass e presentazioni. Gli eventi speciali saranno a cura di Fonda Mood. Un focus sul nuovo cinema tunisino, una retrospettiva dedicata al regista greco Yorgos Lanthimos e la sezione Sinestetica, dedicata al suono e l’immagine, spingendosi oltre la ricerca delle sue ricombinazioni estetiche e sensoriali, a cura di Zō centro culture contemporanee.

Tra gli ospiti Erige Sehiri “online” presenterà il film “Under the fig trees”, candidato tunisino agli Oscar 2023 come Miglior Film Straniero (giovedì 24), Mario Venuti (venerdì 25), Claudio Fava (venerdì 25), Leo Gullotta (sabato 26), Manuela Ventura (sabato 26), Daniele Ciprì (sabato 26), Vincenzo Vivenzio (domenica 27), Giuseppe Marco Albano (domenica 27), Laura Giordani (lunedì 28).

 

Alessandra Ferrara, giovane attrice siciliana sarà la co-presentatrice della Cerimonia di Premiazione (domenica 27).

Tanti saranno i film proiettati: per la sezione “Catania Film Italiana 11” saranno Exuvia di Leonardo Silvestri, Invisibili di Federico Di Cicilia, Amore Postatomico di Vincenzo Caiazzo, Qualcosa brucia ancora di Daniele Gangemi, Quel posto nel tempo di Giuseppe Alessio Nuzzo, Figli del Minotauro/Storie di uomini e animali di Eugenio Attanasio e La carovana bianca di Angelo Cretella e Artemide Alfieri mentre per la sezione “Catania Film Europa 11” sono Hide and Seek di Victoria Fiore (UK), Perceived Reality di Gijs Besseling (Netherlands), Rue Garibaldi di Federico Francioni (Italy), Somehow di Aki T. Weisshaus (Germany), The Dance of Ali and Zin di Mehmet Ali Konar (Turkey), The Voice of Thaïs di David Casals Roma (Spain).

Per la sezione “Catania Corto Italiana 11” saranno proiettati Attack di Davide Santi, Al di là del mare di CarloAlberto Biazzi, Bimba di Federica Pace, Caccia al lupo di Giovanni La Pàrola, Come un animale di Antonio Petruccelli, Chiusi alla luce di Nicola Piovesan, Faccia di cuscino di Saverio Cappiello, Fili di memorie di Marco Latina, Incontro con Fellini di Giuseppe Alessio Nuzzo, Il Guerriero di Francesco e Gianmarco Latilla, La fornace di Daniele Ciprì, Libero di Maurizio Rigatti, Neve di Alessia Buiatti, Nina, Lellè e U Mari di Maria Giulia Mutolo, Ossa di Catrinel Marlon e Daniele Testi, Riders di Andrea Russo, Sissy di Eitan Pitigliani, Super Jesus di Vito Palumbo, Tana Libera Tutti di Valerio Filardo, Un’ora sola di Serena Corvaglia e Ziti di Rocco Buonvino.

Invece per i corti europei in concorso saranno proiettati Richter di Koloreto Cukali (Albania), Kids on the Moon di Dinko Draganovic (Austria), Good Night, Lily di Peter Vulchev (Bulgaria), Il Vespista di Francesco Crivaro (Estonia), Alex di Edouard Lemiale e Aretha Iskandar (France), Wonders of Berlin di Antonio Padovani (Germany), First Swim di Alexandros Kostopoulos (Greece), Reduction di Réka Anna Szakàly (Hungary), Figlio Santo (Holy Son) di Aliosha Massine (Italy), The Robot and The Butterfly di Gaile Garnelyte (Lithuania), Tramway di Bartosz Reetz (Poland), Das Duas, Uma, di Bernardo Gomes de Almeida (Portugal), The Breakdown di Giulio Mealli (Repubblica Ceca), Water and more water di Francesca Svampa (Spain), Courage di Star Bazancir e Jasmina Pusök (Sweden), Do this for me di Marnie Baxter (UK).

Per la sezione fuori concorso saranno proiettati I Vigneri di Elisabetta Cinà, Do not forget di  Carmen Longo e Una verità rubata di Rosa Maria Mauceri, “Corti Siciliani”; Roy dei registi Berkeley and Ross White, (UK); Dogtooth di Yorgos Lanthimos, “Retrospettiva – il cinema di Yorgos Lanthimos; Brotherhood di Meryam Joobeur, Chitana di Amel Guellaty In uncle salem country di Slim Belhiba, La voie normale e Under the fig trees di Erige Sehiri e Thick skin di Inès Arsi, in riferimento alla sezione “Catania Mediterranea. Focus sul nuovo cinema tunisino” ed infine, per la sezione “Sinestetica – Vedere il suono, sentire l’immagine” saranno proiettati: Contradict di Thomas Burkhalter e Peter Guyer (Switzerland), Delia Derbyshire: The Myths and The Legendary Tapes di Caroline Catz (United Kingdom) e Dusk Chorus di Alessandro D’Emilia e Nika Saravanja (Italia).

Altri numerosi ospiti presenti durante l’XI edizione, tra i quali: Edouard Lemiale (regista), Alhassan Jallow (attore), Vincenzo Caiazzo (Regista), Gijs Besseling (regista), Valentina Cerasuolo (co-autrice, co-sceneggiatrice e costumista), Isa Goldschmeding (autrice, attrice e produttrice esecutiva), Gianni Cannizzo (autore e produttore), Giuseppe Vasapolli (compositore), Giuseppe Alessio Nuzzo r), David Casals Roma (regista), Leonardo Silvestri (regista), Greta Salvati (aiuto regia e co-sceneggiatrice), Francesco Della Torre (Attore), Daniele Messina (Attore), Greta Salvati (aiuto regia e co-sceneggiatrice), Michele Palumbo (Montatore), Benedetta Mennini (responsabile comunicazione), Federico Di Cicilia (regista), Angelo Cretella (regista), Artemide Alfieri (regista), Federico Francioni (regista), Mehmet Ali Konar (regista), Antonio Padovani (regista), Maurizio Rigatti (regista), Daniele Gangemi (regista), Marnie Baxter (regista), Sara Huxley (Produttrice), Gaile Garnelyte (regista), Marco Latina (regista), Angelo Latina (direttore della fotografia), Giulio Mealli (regista), Francesco e Gianmarco Latilla (registi), Domenico Perrarella (Compositore), Vito Palumbo (regista), Erica Favia (produttrice), Gaspare Rizzo (Produttore), Serena Corvaglia (regista e produttrice) e Giulia Delvecchio (produttrice), Rocco Buonvino (regista), Rosa Maria Mauceri (regista), Alexandros Kostopoulos (regista), Aki T. Weisshaus (regista, sceneggiatore e produttore), Alicia Saleh (attrice), Jonas Bomba (sceneggiatore, direttore della fotografia), Alexander Peiler (attore e sceneggiatore), Maria Giulia Mutolo (regista), Eugenio Attanasio (regista), Francesco Crivaro (regista), Giovanni La Pàrola (regista), Francesca Svampa (Regista) e Carmen Longo (Regista e Attrice). Con Carloalberto Biazzi (regista), Ugo Menegatti (direttore della fotografia), Federica Pace (regista), Davide Santi (regista), Manuela Zero (cantante, attrice), Nino Rizzo (scrittore), Renato Scatà (critico cinematografico e scrittore), Elisabetta Cinà (regista), Salvo Foti (autore e produttore) e Serenella Fiasconaro (aiuto regia e segretaria di edizione) e Vincenzo Pennino (direttore della fotografia) e molti altri ospiti attesi, nazionali e internazionali.

Programma completo, prezzi e modalità di acquisto dei biglietti sul sito del festival al seguente link: https://cataniafilmfest.it/

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.