Bene la didattica a distanza dell’Università di Catania, un sondaggio fra gli studenti la premia

Formazione e ricerca Un sondaggio condotto dall’Ateneo, al quale hanno preso parte oltre 28 mila studenti sugli oltre 40 mila interpellati, rivela che la didattica ‘emergenziale’ a distanza messa in campo dall’Università di Catania nel periodo marzo-giugno viene premiata dalla maggioranza degli studenti i quali durante il lockdown hanno potuto proseguire i propri studi, sostenere esami e concludere la propria carriera tramite le lauree "on line"

La didattica ‘emergenziale’ a distanza messa in campo dall’Università di Catania nel periodo marzo-giugno viene premiata dalla maggioranza degli studenti che, anche in una situazione di estrema difficoltà come quella del lockdown hanno potuto proseguire i propri studi, sostenere esami e concludere la propria carriera tramite le lauree in modalità ‘on line’.

È quanto rivela un sondaggio condotto nelle scorse settimane dall’Ateneo, promosso su impulso degli organi di governo e dal Presidio di qualità e realizzato con il coordinamento della ‘cabina di regia’ della Comunicazione e dell’Area dei sistemi informativi, al quale hanno preso parte oltre 28 mila studenti sugli oltre 40 mila interpellati. 

Tra questi, l’89% ha affermato che “l’Università di Catania ha permesso ai propri studenti di affrontare gli studi in maniera adeguata tramite le lezioni on line”. L’81% degli interessati ha inoltre espresso un parere positivo per quanto riguarda l’organizzazione degli esami di profitto e delle lauree, nelle modalità a distanza.

Molto elevato anche il gradimento relativo alla valutazione sul modo in cui l’Ateneo ha affrontato l’emergenza sanitaria anche in termini di comunicazione agli studenti, l’85%; un dato, questo, che si affianca al 90% di intervistati che “reputano adeguata la capacità con cui Unict ha affrontato questa imprevista situazione di emergenza”. 

La sede centrale dell’Università di Catania

L’indagine premia dunque la pronta risposta dell’Ateneo alla situazione di blocco delle attività in presenza, dato che già dal 9 marzo in poi – pochissimi giorni dopo il decreto del lockdown – la piattaforma MsTeams ha consentito l’erogazione delle lezioni on line, praticamente senza interruzioni rispetto al calendario didattico. Il piano straordinario di didattica a distanza è stato supportato dalla stesura e pubblicazione delle linee guida per l’utilizzo della piattaforma, trasmesse poi a tutta la comunità accademica tramite circolari su lezioni, esami e lauree a distanza, dalla realizzazione di comunicati e prodotti audio-video per la promozione della Dad, diffusi anche tramite i canali social ufficiali, e da un servizio di assistenza tecnica realizzato dall’Asi.

Di tutto rilievo anche i ‘numeri’ relativi all’iniziativa Coursera for Campus. Nel periodo di interruzione delle attività in presenza, l’Università ha infatti aderito a un catalogo di alta formazione on line che ha permesso a oltre 7000 studenti regolarmente iscritti alle lauree triennali e magistrali, ai master, ai dottorati di ricerca e alle scuole di specializzazione dell’Università di Catania di avere accesso gratuito a circa 3.800 corsi di alta qualità e 400 specializzazioni, tenuti principalmente in lingua inglese, forniti da importanti università e aziende internazionali. Oltre 16 mila i corsi seguiti dagli iscritti Unict per un totale di 53.789 ore di lezione: tutte attività certificabili utili al riconoscimento dei crediti del tirocinio curriculare obbligatorio in questa particolare situazione di emergenza.

Elevatissima anche la frequenza degli Open Days in versione digitale, tramite il sito aunpassodate.unict.it appositamente dedicato all’orientamento e alla presentazione dell’offerta didattica. Circa 9 mila utenti del sito web per un totale di 32 mila visualizzazioni delle pagine, 50 mila persone raggiunte tramite social.

Vale la pena infine di segnalare anche il grandissimo successo dalla versione ‘home edition’ della tradizionale rassegna Learn by Movies, che propone ogni anno ai catanesi, non solo universitari, le migliori pellicole della stagione cinematografica in lingua originale. Oltre 7000 utenti hanno infatti usufruito delle proiezioni on line dei film inseriti in cartellone dal 20 al 27 aprile, comodamente dal divano di casa propria, rispondendo entusiasticamente all’appello #buioinsalotto.  

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.