Alkantara, le radici della musica fanno festa in Sicilia

Eventi Dal 22 giugno al 16 settembre a Catania e nei suoi dintorni la rassegna di musica folk e world ideata e organizzata dall’Associazione culturale Darshan

Ritorna l’Alkantara Fest, dodicesima edizione della rassegna itinerante di musica folk e world in provincia di Catania. Si comincia al Castello Ursino di Catania con una succosa anteprima all’insegna delle nuove frontiere del folk contemporaneo: gli etnei Oi Dipnoi incontrano le influenze del folk di Les Poules à Colin, provenienti dal Québec. Saranno le atmosfere di ispirazione celtica dei canadesi Les Poules à Colin, introdotti dai catanesi Oi Dipnoi ad aprire il prossimo il 22 giugno la rassegna di musica folk e world ideata e organizzata dall’Associazione Culturale Darshan, da sempre attiva nel campo delle tradizioni musicali etniche e popolari, con la direzione artistica di Mario Gulisano: «L’idea è quella di rivalutare le tradizioni musicali siciliane mettendole in relazione con quelle europee. Il punto d’arrivo sarà creare un senso critico nello spettatore, dimostrando come vi siano punti di contatto in culture apparentemente lontane».

Les Poules à Colin

Les Poules à Colin

L’evento, che fa parte del Calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico cofinanziato dall’Assessorato regionale del Turismo e Spettacolo, riprenderà nel mese di agosto e settembre e vedrà avvicendarsi sui palchi della provincia di Catania diversi ospiti di calibro nazionale ed internazionale. Alkantara Fest è nato in territorio etneo e in particolare nella valle dell’Alcantara, e già dai suoi esordi ha saputo catalizzare l’interesse e la curiosità di tutto il territorio facendo parlare di sé anche a livello nazionale. E lo ha fatto decidendo di scommettere sui valori della tradizione, ossia quel filo sottile che collega il nostro popolo con la storia delle proprie origini culturali. Gulisano: «Solo investendo su musica, cultura e turismo, come risulta dagli sforzi degli enti organizzatori e promotori, seppur con esiguità di risorse, ma puntando a valorizzare le peculiarità del territorio, ci auguriamo che la nostra Isola potrà al più presto ritrovare energia e passione per il rilancio della propria identità. Con Alkantara Fest viaggeremo idealmente nell’Europa attraverso eventi che collegheranno la nostra Isola attraverso i Balcani fino all’estremo nord est. Anche la linea grafica di quest’edizione, in cui campeggia l’immagine di un ambiente agropastorale, sottende al collegamento con antiche radici comuni alle quali i nostri popoli fanno tutti riferimento, oltre a rimandare alle culture popolari che ci uniscono da millenni per storia e tradizione. La musica farà da sfondo nel palcoscenico naturale delle bellezze architettoniche dei centri etnei, a cominciare proprio dal Castello Ursino, esaltandone all’occhio e all’orecchio dei visitatori qualità e ricchezza».

Oi Dipnoi

Oi Dipnoi

Primo appuntamento dunque il 22 giugno a Catania con l’energia travolgente del giovane folk canadese di Les Poules à Colin. Il loro stile musicale è fresco, appassionato e originalissimo. Pur mantenendo viva la tradizione musicale francofona del Québec, la loro rilettura del folk utilizza con grande abilità altri linguaggi musicali, dal jazz e pop, al folk e bluegrass. Non a caso alcuni di loro sono musicisti di formazione classica, mentre altri hanno un background jazzistico. Aprirà la serata la nuova tradizione del trio catanese Oi Dipnoi, progetto attivo ormai da un triennio e artefice del CD “Bastrika”, prodotto in Ungheria lo scorso anno, in cui i tre musicisti rimescolano sapientemente l’uso degli strumenti tradizionali come zampogna, organetto e marranzano per riproporre un folk moderno, originale e di nuova scrittura.

Ciatuzza

Ciatuzza

Gli eventi riprenderanno poi il 5 agosto a Piedimonte etneo, in piazza Madre Chiesa, con il concerto della band serba Naked in cui saranno protagoniste le danze e i ritmi balcanici ed in particolare le contaminazioni di stile. A seguire un doppio appuntamento il 25 e il 26 agosto, questa volta al Castello Ursino di Catania. Giovedì 25 agosto, qui sarà di scena la Sicilia, con “Vuci ri donna” una serata dedicata interamente alle voci femminili: le catanesi Rita Botto e Giada Salerno, in arte Ciatuzza, le interpreti, che rivisiteranno il canto siciliano al femminile tra brani della tradizione e nuova scrittura. Le accompagneranno musicisti d’eccezione: la Botto sarà affiancata da Raffaele Gulisano degli Uzeda e Davide Urso de i Beddi, Ciatuzza da Danilo Pavone. Il 26 agosto invece spazio alle contaminazioni mediterranee balcaniche degli ungheresi Meszecsinka, trascinati dal fascino e dalla versatilità della vocalist Annamari Oláh.

Ulteriori due appuntamenti sono in via di definizione presso il comune di Acireale, amministrazione che già per il terzo anno ha aderito alla rete con entusiasmo ed interesse, e che ospiterà due spettacoli in piazza Duomo nella parte centrale del mese di agosto.

Rita Botto

Rita Botto

Ultima sezione a settembre, per l’appuntamento forse più atteso con una delle stelle emergenti della nuova scena folk internazionale, l’incantevole cantante e violinista estone Maarja Nuut (il 10 settembre al Castello Ursino di Catania) che ha appena pubblicato il suo primo cd dal titolo “Une meeles” (letteralmente “Un sogno”) in cui esplora le infinte possibilità del suo strumento e del canto tradizionale originario avvalendosi dell’utilizzo dell’elettronica moderna per ricreare un paesaggio sonoro che riporta idealmente l’ascoltatore nei boschi e nelle pianure innevate del suo Paese. Chiuderà gli eventi lo spettacolo del folk-singer inglese Richard Grainger (il 16 settembre al Castello Ursino di Catania) con chitarra e voce, come nella più classica delle tradizioni, accompagnato dal virtuoso organettista Chris Parkinson e dalla violinista Helen Lancaster. Il trio canterà le storie dei minatori e dei pescatori della sua Terra, il nord dell’Inghilterra, nell’area industriale di Scarborough, città di mare carica di arte e tradizioni, che ispirò Stoker a scrivere Dracula nonché il grande cantautore inglese Martin Carthy nell’interpretazione del celebre brano tradizionale Scarborough Fair, reso poi celebre negli anni ’80 dal duo Simon & Garfunkel. Introdurrà la serata il set acustico di un brillante chitarrista catanese, Giuseppe Lombardo, in arte LOmB, già apprezzato come leader di Baffos e Zuma, e qui in esclusiva veste unplugged.

Richard Grainger

Richard Grainger

Il festival si arricchirà anche quest’anno della preziosa collaborazione dell’Associazione di promozione sociale Vita 21, che si occupa delle famiglie con bambini affetti da Sindrome di Down. In particolare verrà realizzata una giornata di workshop musicale gratuito con le famiglie e i bambini in attività didattiche e di laboratorio. L’evento si svolgerà il 3 luglio a Nicolosi, presso l’hotel Biancaneve dove si svolge la “IV Settimana Estiva” e si concluderà con l’esibizione del trio folk Oi Dipnoi.

La manifestazione si avvale da quest’anno anche dalla partnership dell’Institut Culturel Français di Palermo e del management ungherese Mediaevent, organizzatore del prestigioso festival Babel Sound, con cui Alkantara Fest è gemellato.

Programma

Anteprima: 22 giugno – Catania, Castello Ursino
Les Poules À Colin (Québec), opening: Oi Dipnoi (Sicilia): le nuove frontiere del folk contemporaneo
Ingresso € 5

5 agosto – Piedimonte Etneo, piazza Madre Chiesa
Naked (Serbia): danze e ritmi dai Balcani
Ingresso libero

25 agosto – Catania, castello Ursino
Vuci Ri Donna: Rita Botto & Ciatuzza (Sicilia)
Con Ciatuzza e Danilo Pavone; e Rita Botto, Raffaele Gulisano e Davide Urso
Ingresso € 10, ridotto € 8 per studenti e over 65

26 agosto – Catania, castello Ursino
Meszecsinka (Ungheria): contaminazioni world da Oriente a Occidente
Ingresso € 10, ridotto € 8 per studenti e over 65

10 settembre – Catania, Castello Ursino
Maarja Nuut (Estonia): “Une meeles” folk & live electronics
Ingresso € 10, ridotto € 8 per studenti e over 65

16 settembre – Catania, Castello Ursino
Richard Grainger Trio (UK): folk from the Moors
opening: LOmB (Sicilia)
Ingresso € 10, ridotto € 8 per studenti e over 65

Attività collaterali
Comune di Nicolosi, laboratorio di musicoterapia per bambini affetti da Sindrome di Down con il gruppo Oi Dipnoi (Sicilia)
Organizzazione: Associazione Culturale Darshan
Patrocinio e contributo: Regione Siciliana, Assessorato Turismo Sport e Spettacolo, Comune di Catania, Comune di Acireale, Comune di Piedimonte Etneo
Allestimenti tecnici: AMS Service
Grafica: Giuseppe Lombardo
In collaborazione con: Institut Culturel Français, Palermo, MediaEvent, Hungary, Associazione Vita 21, Associazione Areasud, Associazione Il Tamburo di Aci
Partner: Babel Sound, Ungheria
Informazioni e prenotazioni: tel. 3495149330

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.