“Turning the camera”, a Catania gli scatti del lockdown di Paolo Pellegrin

Il fotoreporter romano durante i mesi di lockdown ha deciso di rivolgere per la prima volta nella sua carriera l’obiettivo verso se stesso, sua moglie e le figlie: ne è venuto fuori un lavoro intimo e riflessivo che dal 16 maggio al 20 giugno sarà esposto ai piedi dell’Etna

Una pandemia inaspettata tanto quanto i successivi piani di contenimento del contagio, le restrizioni sociali, le chiusure totali (lockdown, divieti di spostamenti nazionali e di viaggi internazionali). In poche settimane le nostre vite sono cambiate, la nostra libertà è stata circoscritta come i nostri spazi vitali e qualcosa è cambiato a livello comunitario, mondiale e personale.

Paolo Pellegrin, fotografo di reportage nato a Roma, vive da anni tra Londra e la Svizzera, anche se è sempre in giro per il mondo, precisamente dove c’è una storia da raccontare o un evento da immortalare. Come quando, prima del lockdown dello scorso marzo 2020, si trovava in Australia, all’indomani degli incendi che l’hanno distrutta. Proprio in quei giorni, come ha raccontato lui stesso durante un’intervista, ha preso consapevolezza che la pandemia non riusciva a essere contenuta a livello mondiale e che lui e il resto della sua famiglia, rientrata in Svizzera, rischiavano di restare separati per un tempo indeterminato.
Decide, durante i mesi trascorsi insieme nelle alpi svizzere, di rivolgere per la prima volta nella sua carriera di fotogiornalista l’obiettivo verso se stesso, sua moglie e le due figlie. Da qui nasce un lavoro intimo e riflessivo, di cui una parte viene esposta nella mostra “Turning the camera”, a cura Annalisa D’Angelo, che sarà presentata il 16 maggio alle ore 18 allo spazio Plenum Fotografia Contemporanea di Catania, dove rimarrà fino al 20 giugno.

A horse, Svizzera 2020 – ph Paolo Pellegrin

Plenum – Fotografia Contemporanea è una galleria di fotografia contemporanea che nasce con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per la fotografia d’arte in Sicilia e nel sud Italia. La galleria si trova nel centro della città di Catania e vanta un’ampia area espositiva di oltre 60mq, oltre a un bookshop e a una sala lettura dove poter consultare i volumi presenti nella sua biblioteca. Accanto all’attività espositiva Plenum Gallery organizza incontri, workshop, stage e corsi, tenuti dai più autorevoli protagonisti del panorama fotografico italiano ed internazionale.

The table in the farmhouse, Svizzera 2020 – ph Paolo Pellegrin

Paolo Pellegrin è nato a Roma nel 1964. Dopo aver studiato architettura, il suo interesse si focalizza sulla fotografia. Dopo dieci anni all’Agence Vu, entra a far parte di Magnum Photos come nominee nel 2001, diventando membro a pieno titolo nel 2005. Ha lavorato a contratto per “Newsweek” per dieci anni. Nella sua carriera ha ricevuto molteplici riconoscimenti internazionali, tra cui il Robert Capa Gold Medal Award. Nel 2006 gli viene riconosciuto il W. Eugene Smith Grant in Humanistic Photography. Le sue foto sono state esposte in numerosi musei e gallerie tra cui: La Maison Européenne de La Photographie, i Rencontres d’Arles, il San Francisco Museum of Modern Art, la Corcoran Gallery of Art, il MAXXI di Roma, l’Aperture Foundation Gallery, il Foam Fotografiemuseum Amsterdam, e la Deichtorhallen di Amburgo.

La mostra è visitabile martedì e giovedì dalle 17.00 alle 19.00. Gli altri giorni su appuntamento, prenotando al numero 095-435932

Data

Dal 16 Mag 2021 al - 20 Giu 2021

Ora

18:00 - 19:00

Costo

Gratuito

Maggiori informazioni

Continua a leggere

Luogo

Plenum Fotografia Contemporanea
via Vecchia Ognina 142/b, Catania
Categoria

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.

Commenti

Post: 0