Allo Stabile di Catania le “Baccanti” di Laura Sicignano

Dall’11 al 23 gennaio arriva nel teatro che l’ha prodotto la rilettura della Sicignano della tragedia di Euripide. Un’opera misteriosa e rivoluzionaria attorno al rito arcaico della distruzione e della rinascita

Un’opera misteriosa e rivoluzionaria attorno al rito arcaico della distruzione e della rinascita: così Laura Sicignano rilegge le Baccanti di Euripide, nel suo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Catania in tournée in tutta Italia fino alla fine di marzo. Un progetto artistico con cui Sicignano – che ha curato traduzione e adattamento insieme con Alessandra Vannucci – prosegue il percorso di ricerca iniziato nel 2019 con Antigone e dedicato al tema femminile come elemento di eversione nella tragedia classica. «L’autore sembra rinunciare definitivamente all’idea che vi sia una forza ordinatrice alla base del Cosmo – scrive Sicignano nelle note di regia -. Bacco nel nostro spettacolo è un’entità androgina ed eversiva. Gioca a dadi le vite degli uomini e si diverte. La divinità dai molti nomi e dalle molte storie che più di tutte tra i greci rappresenta il Caos è al tempo stesso il legame con la Zoè, la forza vitale che tutto attraversa. Dio e disordine finiscono per identificarsi, così come Penteo e Dioniso si contrappongono e si rispecchiano come due opposti che si attirano e si respingono. Baccanti è un mondo rovesciato dove il razionale, virile, Penteo, il re dalle certezze assolute, viene sedotto dall’ambiguo straniero, che lo irretisce in un gioco al massacro, dove sarà proprio la madre Agave a smembrarlo gioiosamente, mentre i vecchi Cadmo e Tiresia sono follemente sapienti e amorali, le donne non rispettano le regole e si inebriano danzando e fondendosi con la natura».

Lo spazio è quello di un museo infestato da presenze malefiche, che forse è la traduzione spaziale della mente di Penteo, interpretato da Aldo Ottobrino, uno spazio geometrico e razionale, ma minacciato da muffe e infiltrazioni, inquietudini e desideri violentemente repressi. Qui si manifestano apparizioni e scomparse di sogni e di inconfessabili desideri, in un circo demoniaco, dove regnano metamorfosi e travestimento. Su musica elettronica, le donne corrono con i lupi: streghe e femmine folli di Dioniso, interpretato da Manuela Ventura, le Baccanti – in scena Egle Doria, Lydia Giordano, Silvia Napoletano – sono un piccolo esercito impeccabile di principesse inservienti pronte a danzare e a sbranare, sfuggono allo stereotipo dello sguardo maschile e sono libere. «Baccanti – prosegue Sicignano – sembra citare a priori e contenere in sé gran parte del teatro futuro. Il rito arcaico che la attraversa è un rito di smembramento e rigenerazione, misterioso e profondamente radicato nella nostra cultura. In quest’opera Euripide sembra esprimere l’intuizione che nella cultura occidentale stia avvenendo una fine e un nuovo inizio».

Manuela Ventura è “Bacco” in “Baccanti” regia di Laura Sicignano

In scena ci sono poi Alessandra Fazzino nei panni di Agave, Antonio Alveario è Tiresia, Franco Mirabella è Cadmo e Silvio Laviano è il Messaggero. Le musiche sono eseguite dal vivo dal compositore Edmondo Romano, firma la scena e i costumi Guido Fiorato, i video sono curati da Luca Serra, le luci da Gaetano La Mela e i movimenti di scena da Ilenia Romano. Regista assistente è Nicola Alberto Orofino.

Dopo il debutto al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, lo spettacolo approda al Teatro Stabile di Catania dall’11 al 23 gennaio, quindi andrà al Teatro Nazionale /della Corte di Genova dal 26 al 30 gennaio, per tornare in Sicilia al Teatro Biondo di Palermo dall’1 al 6 febbraio. La tournée nazionale proseguirà al Teatro Elfo Puccini di Milano dall’8 al 13 febbraio, al Teatro Nuovo di Verona dal 15 al 20 febbraio, al Teatro Politeama Rossetti di Trieste dal 24 al 27 febbraio, al Teatro Sociale di Brescia dal 2 al 6 marzo, al Teatro Sannazaro di Napoli dall’8 al 13 marzo.

Baccanti o della potenza delle donne: «Dioniso è il dio della forza vitale» – SicilyMag Recensioni

 

Schedula per Ore

Le repliche

h 20.45 -
Martedì 11 gennaio
h 17.15 -
Mercoledì 12 gennaio
h 17.15 -
Giovedì 13 gennaio
h 17.15 -
Venerdì 14 gennaio
h 20.45 -
Sabato 15 gennaio
h 17.30 -
Domenica 16 gennaio
h 17.15 -
Martedì 18 gennaio
h 10 -
Mercoledì 19 gennaio
h 10 -
Giovedì 20 gennaio
h 20.45 -
Venerdì 21 gennaio
h 17.15 -
Sabato 22 gennaio
h 17.30 -
Domenica 23 gennaio

Data

Dal 11 Gen 2022 al - 23 Gen 2022

Maggiori informazioni

Continua a leggere

Luogo

Teatro Verga Catania
Catania via Giuseppe Fava 35
Categoria
Organizzatore: Teatro Stabile Catania
Telefono: 0957310856
Sito web: http://www.teatrostabilecatania.it/

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.

Commenti

Post: 0