A Erice torna Sicilia en Primeur, vetrina del vino siciliano

Calici & Boccali Dal 27 aprile all'1 maggio torna in presenza nel borgo medievale trapanese, con la 18esima edizione, la finestra internazionale del vino siciliano, organizzata da Assovini Sicilia. Un’edizione attesa dove il tema scelto è “Back to the roots, la Sicilia che vive il futuro”. Laurent de la Gatinais, presidente di Assovini Sicilia: «L’Isola è pioniera nella vitivinicoltura sostenibile 4.0»

Sicilia en Primeur, la finestra internazionale del vino siciliano, torna in presenza nella cittadina di Erice. Il borgo medievale trapanese ospiterà nei luoghi più iconici e rappresentativi la 18esima edizione confermando la sua natura di centro storico- culturale e scientifico. Un’edizione attesa dove il tema scelto “Back to the roots, la Sicilia che vive il futuro”, rappresenta non solo un messaggio di sostenibilità della produzione siciliana, ma anche un modello estremamente attuale e pioniere di futuribilità della vitivinicoltura dell’isola. Oltre a presentare in anteprima i vini dell’annata precedente, l’evento ideato e organizzato da Assovini Sicilia farà conoscere alla stampa italiana ed internazionale la straordinaria varietà vinicola con una serie di degustazioni di oltre 500 vini delle cantine di Assovini Sicilia.

Sicilia en Primeur è anche un’occasione per promuovere il patrimonio vitivinicolo e storico-archeologico siciliano attraverso gli enotour che ospitano la stampa nazionale ed estera, sottolineando che in Sicilia il binomio vino e cultura è sempre più vincente. «Il tema scelto per questa edizione “Back to the roots. La Sicilia vive il futuro”, assume un valore significativo ed attuale perché mette la produzione vitivinicola siciliana al centro del dibattito sui cambiamenti climatici, e candida l’Isola a pioniera nella vitivinicoltura sostenibile 4.0 anche in questo nuovo contesto – afferma Laurent de la Gatinais, presidente di Assovini Sicilia -. La Sicilia grazie alla sua privilegiata posizione, alle sue caratteristiche pedoclimatiche e geopedologiche, dimostra di poter governare le conseguenze del climate change. La capacità dei produttori e del territorio siciliano di adattarsi negli anni a determinate condizioni estreme-dalla scarsità idrica alle elevate temperature- hanno permesso di acquisire un know-how che oggi è alla base di un modello siciliano di vitivinicultura sostenibile, oltre che la chiave di successo. A giocare un ruolo fondamentale nel futuro vitivinicolo siciliano sono le variabili come la biodiversità, le buone pratiche tradizionali, le tecniche agronomiche attuali e sostenibili, le varietà autoctone. Tutti elementi che insieme alla ricerca, lo studio, le sperimentazioni, la qualità della produzione, fanno della Sicilia un laboratorio vitivinicolo unico e una guida nella gestione sostenibile dei cambiamenti climatici».

Laurent de la Gatinais, presidente Assovini Sicilia

In questa edizione 2022, dopo due anni di assenza, si ritrovano in Sicilia giornalisti nazionali, europei, internazionali, oltre alla stampa regionale. Dopo gli enotour, dal 27 al 29 aprile, appuntamento ad Erice il 30 aprile con il convegno e apertura di Sicilia en Primeur 2022. Numerosi gli ospiti che daranno un contributo tecnico-scientifico al tema di Sicilia en Primeur “Back to the roots. La Sicilia che vive il futuro”. In programma, gli interventi del professore Antonio Zoccoli, (Presidente Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – “Non c’è vino senza neutrino”), il professore Marco Moriondo (Istituto di Bioeconomia del CNR di Firenze “Cambiamento del clima: impatti osservati ed attesi in viticoltura”) e l’enologo Mattia Filippi (Uva Sapiens- “Le buone pratiche delle aziende siciliane a seguito dei cambiamenti climatici”).  A moderare il convegno sarà il giornalista Massimo Giletti. Tra le novità, uno speciale focus sul catarratto con la masterclass condotta dal professore Nicola Francesca “Il Catarratto: Tempo e Altitudine per generare la bellezza di un aroma”. L’anteprima dei vini dell’ultima annata sarà al centro dei walk-around tasting, da sempre occasione di confronto e incontro tra la stampa e i produttori di Assovini Sicilia. Le degustazioni tecniche a cura dell’AIS, Associazione italiana sommelier, in calendario l’1 maggio, chiuderanno Sicilia en Primeur 2022.

L’8% del vino italiano è prodotto in Sicilia, l’Isola al top per qualità

Anche in questa ultima edizione si conferma il contributo di Unicredit, in qualità di main sponsor, che da anni condivide e sposa pienamente la visione di promozione di Assovini Sicilia. Tra gli sponsor istituzionali, anche l’Assessorato regionale Agricoltura, il comune di Erice, Verona Fiere, l’ Istituto Alberghiero  di Erice, oltre ai venti sponsor privati che hanno dato il loro contributo in questa 18esima edizione. «Sicilia en Primeur è un appuntamento importante per il settore vitivinicolo siciliano perché ne rappresenta l’eccellenza – chiude il presidente di Assovini Sicilia, de la Gatinais -. Assovini Sicilia gioca un ruolo fondamentale nel farsi portavoce di nuove soluzioni e capire le sfide. Oggi, il settore vitivinicolo è rappresentato per oltre il 94% da tre pilastri: Assovini Sicilia, il Consorzio di Tutela vini DOC Sicilia, la Fondazione SOStain Sicilia.  Insieme, potremmo guidare il cambiamento».
Assovini Sicilia è un’associazione che riunisce 90 aziende vitivinicole siciliane di piccole, medie o grandi dimensioni, che condividono principalmente tre elementi: il controllo totale della filiera vitivinicola, dal vigneto alla bottiglia; la produzione di vino di qualità imbottigliato; la visione internazionale del mercato. Sicilia en Primeur è l’evento annuale di Assovini Sicilia rivolto alla stampa nazionale, internazionale e ai professionisti di settore. È un momento per conoscere le aziende di Assovini Sicilia e le maggiori attrazioni artistiche, archeologiche e paesaggistiche dell’isola.



Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.