Un milione e 200 mila euro alla scuola Bartolo di Pachino

Formazione e ricerca La somma dalla Regione Siciliana al Libero consorzio comunale di Siracusa per fronteggiare il grosso debito nei confronti della proprietà dell'immobile che ospita la scuola pachinese sotto sfratto per morosità

Un milione e 200 mila euro per far fronte all’emergenza dell’Istituto “Bartolo” di Pachino. È la somma stanziata ieri con D.D.G. n. 449 dalla Regione Siciliana a garanzia del diritto allo studio e destinata al Libero Consorzio Comunale di Siracusa. Un primo passo che da qui a breve potrebbe portare a una definitiva soluzione.

«Soddisfatto sí, ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia». Con queste parole Antonio Boschetti, dirigente dell’Istituto “Bartolo” di Pachino – scuola che rischia lo sfratto, a seguito del mancato pagamento dell’affitto ai proprietari dell’immobile da parte dell’ex Provincia di Siracusa, ente gravato da dissesto finanziario – ha accolto l’intervento dell’assessorato regionale alle Autonomie locali e della Funzione pubblica. «Il decreto firmato ieri rappresenta un primo significativo e fondamentale passo che permetterà ad alunni, docenti e personale di riprendere le attività didattiche. Una boccata di ossigeno dopo le ultime settimane caratterizzate da grande apprensione, con il serio rischio di vedere sfumare i sacrifici di quanti in questi anni, a vario titolo, hanno lavorato per fare del “Bartolo” un Istituto di eccellenza. Sia chiaro però che il nostro obiettivo è ben altro: occorre risolvere una volta per tutte e in modo definitivo la vicenda. In altre parole – ha chiosato il dirigente Boschetti – l’odierno intervento della Regione ci soddisfa, ma noi puntiamo a ben altro, all’acquisto dell’immobile. Per questo continueremo a vigiliare affinchè il diritto allo studio sia garantito in tutte le sedi. Non vorremmo trovarci fra qualche mese o all’inizio del prossimo anno con lo spauracchio dello sfratto».  

Istituto Michelangelo Bartolo di Pachino

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.