Tutti i segreti del friscalettu siciliano

Formazione e ricerca Tre giorni per riscoprire lo strumento della tradizione agropastorale mediterranea con Carmelo Salemi, uno dei più brillanti esecutori di friscalettu. Dal 27 al 30 aprile Milo ospiterà "Workshop sul Friscaletto siciliano": non solo lezioni (gratuite) per imparare a suonare, ma anche laboratori per imparare a costruirli e una mostra dedicata agli antichi strumenti popolari

Carmelo Salemi (ph Nunzio Bruno)

Carmelo Salemi (ph Nunzio Bruno)

Se la Sicilia fosse un suono, sarebbe quello fresco, vivace e vibrante del friscalettu. Strumento elementare nella struttura (è ricavato dalla canna di fiume) appartiene alla tradizione agropastorale mediterranea di cui è stato per secoli la colonna sonora nelle lunghissime giornate che i pastori – già al tempo dei Greci – trascorrevano in solitudine, fra le greggi al pascolo. Proprio a questo strumento è dedicato il “Workshop sul Friscalettu Siciliano”, in programma a Milo dal 27 a al 30 aprile, di cui sarà protagonista Carmelo Salemi, clarinettista, polistrumentista ma soprattutto uno dei più brillanti esecutori di questo allegro strumento. Si tratta di un progetto multifunzionale e interattivo che momenti di studio, laboratorio, lezioni e spettacolo. Accanto alle lezioni gratuite destinate a studenti e appassionati di musica popolare che vogliono imparare a costruirsi da soli e a suonare il proprio friscalettu, figurano momenti di studio, con un seminario di approfondimento, una mostra di antichi strumenti popolari e il concerto finale con il maestro Salemi.

Giuseppe Severini

Giuseppe Severini

Si comincia lunedì pomeriggio, alle ore 17, con l’inaugurazione della mostra e con il seminario di studi. Ospiti del sindaco di Milo, Giuseppe Messina, e Carmelo Salemi, il curatore della mostra Maurizio Cuzzocrea e il costruttore di strumenti tradizionali Giuseppe Severini. Da martedì 28 aprile, invece, e per tre giorni, il nuovo Museo Virtuale del Vino e della Musica (via Etnea, accanto al Municipio di Milo) si trasformerà in un laboratorio sonoro dove costruire il friscalettu e imparare a suonarlo. «Le lezioni sono gratuite – spiega Salemi – e rivolte a un pubblico trasversale, diciamo dai 5 ai 90 anni: daremo a tutti la possibilità di conoscere da vicino la natura, la storia e le leggende legate a questo antico strumento. Ma anche di poterlo creare da soli e imparare a suonarlo».

Maurizio Cuzzocrea

Maurizio Cuzzocrea

Ogni lezione avrà la durata di due ore, si prevedono esercitazioni pratiche e prove collettive cui si potrà assistere anche come uditori. Giovedì 30, a (ore 20) il concerto “Folk Revolution” del maestro Salemi – da anni impegnato a ricostruire il repertorio strumentale siciliano tramandato per via orale – al quale potranno partecipare anche gli allievi del corso di Milo. «Abbiamo voluto realizzare questo workshop sul friscalettu – spiega il sindaco Giuseppe Messina – per riscoprire, come comunità, il senso delle tradizioni siciliane e di quella cultura che accomuna le nostre famiglie e ci avvicina tutti. Un patrimonio di saperi antichi da recuperare, condividere e trasmettere ai nostri giovani come valore per il futuro».
La manifestazione, ideata dal Comune e realizzata con il sostegno dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana tramite la Soprintendenza di Catania, sarà curata dalle associazioni culturali Darshan e da Areasud.
Per le iscrizioni contattare il Comune di Milo al numero 095-955.423

 

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.