Tra Marzamemi e Portopalo ritrovata un’antica ancora in pietra

Il team del recupero, a destra il regista Gian Paolo Cugno

Il team del recupero, a destra il regista Gian Paolo Cugno

Venerdì mattina, nei fondali marini antistanti la costa tra Marzamemi e Portopalo, è stata ritrovata un’antica ancora litica. A fare la straordinaria scoperta, lo scorso 20 agosto, è stato il noto regista Gian Paolo Cugno durante una escursione subacquea, che ha saputo riconoscere immediatamente il reperto grazie al particolare buco presente sulla pietra. Il ritrovamento è stato segnalato alla Soprintendenza del mare e venerdì 15 settembre l’ancora è stata recuperata dal gruppo di sommozzatori del diving Cachalote di Marzamemi guidati da Matteo Azzaro e dallo stesso Gian Paolo Cugno, sotto il coordinamento dell’archeologo Nicola Bruno, della Soprintendenza.
Il reperto si trovava parzialmente insabbiato sul fondale a 2 metri di profondità. L’ancora, ovalizzata, del peso di 35 chili e 45 centimetri di altezza, è il primo esemplare ritrovato nei fondali marini della zona sud e sembrerebbe di straordinaria valenza storica, e presto sarà esposta nell’ex palmento Di Rudinì, a Marzamemi, dove verrà studiata dagli esperti.
«Si tratta di un’ancora a un foro largamente diffuso nel Mediterraneo – ha detto il sindaco di Pachino Roberto Bruno – anche se non è databile senza un contesto ben preciso. Veniva costruita priva di angoli per non arrecare danni alle imbarcazioni. Il nostro mare ancora una volta ci svela i suoi segreti che, di volta in volta, ci raccontano la storia del nostro territorio, della Sicilia e dell’intero Mediterraneo. Siamo felici di ospitarla tra i pezzi pregiati della collezione di reperti subacquei che ospitiamo al Di Rudinì, una struttura che diventa sempre più centro culturale e punto di riferimento per l’attività di recupero e valorizzazione dei ritrovamenti archeologici, grazie al supporto e agli studi dei ricercatori dell’università americana di Stanford».

 

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.