State aKorti, vince “Bellissima” di Alessandro Capitani

La proclamazione dei vincitori della IX edizione di State aKorti –Festival internazionale del cortometraggio umoristico, la rassegna di video ironici e corti nata per gioco da una costola della band goliardico-demenziale Stipsy King, è arrivata mentre François e le Coccinelle facevano scatenare il pubblico a suon di rock ‘n’ roll. La giuria composta da giornalisti, critici ed esperti della Settima Arte e presieduta dal critico Sebastiano Gesù ha decretato i Vincitori della IX edizione di State aKorti. Ad aggiudicarsi il premio Miglior Corto “Bellissima” di Alessandro Capitani (Italia), con la seguente motivazione: Con “Bellissima”, il regista Alessandro Capitani crea uno spaccato puntuale e ben strutturato di una Napoli colorita e piena di rumori dove si muove un gruppo di giovani, facendo ricorso a una rara vena umoristica e ad un bel carico di garbata ironia, evitando con perizia il pericolo di cadere in facili quanto banali sociologismi

Bellissima di Alessandro Capitani

Bellissima di Alessandro Capitani

Il premio Miglior colonna sonora originale, invece, è spettato a “A single Life” di Job, Joris e Marieke (Paesi Bassi) che ha intascato anche una menzione speciale della giuria insieme a “Papas dans Maman” di Bracq Fabrice (Francia). La tre giorni nella Terra di Bò a Viagrande ha confermato il suo ruolo di centro propulsore di novità, di cultura della risata. Non a caso, l’edizione targata 2016 ha visto nascere Bò Laugh, il festival della risata aprendo le porte alla musica, al cabaret, all’intrattenimento tutto sul filo dell’ironia e dell’umorismo.

Sugellate anche nuove collaborazioni come quella con il Festival Terre di Cinema di Vincenzo Condorelli che ha portato in anteprima il trailer dei corti realizzati durante il cinecampus internazionale dell’edizione 2016 del Festival svoltosi all’inizio di giugno proprio nella Terra di Bò. Un luogo dove – ormai è noto – stringere gemellaggi è all’ordine del giorno… Proprio come dimostra il corto “Fisolofia” di Nicola Palmeri (fotografia di Vincenzo Condorelli) con Antonello Puglisi, Stefano Chiodaroli, Nino Seviroli, Totò Costanza e Domenico Centamore, il cui trailer è stato presentato nel corso di State aKorti che (in un colpo solo) ha visto il matrimonio tra il MizzicaFilm (gemellato con State aKorti da 5 anni), il Festival Terre di Cinema e gli ospiti di State aKorti. La presenza in sala di Antonello Puglisi ha reso possibile la consegna del Premio alla Carriera – raccontata da una clip realizzata dal MizzicaFilm – che quest’anno Globus Magazine ha voluto conferirgli.

Anche quest’anno sono state assegnate le piante all’interno dell’Orto Bòtanico: la Hollywood Boulevard della Sicilia. Un Giardino Botanico dove i più importanti personaggi siciliani del mondo della cultura saranno rappresentati (anziché da una mattonella di cemento con il loro nome incastonato in una stella) da una pianta. E per il 2016 a ricevere questa onorificenza sono stati Ottavio Cappellani che per sé ha scelto il Carrubbo e al presidente della giuria di State aKorti, il critico Sebastiano Gesù, che per rappresentarsi ha scelto il cipresso.
Tutto questo grazie alla presenza di ben 4 direttori aristici: Carlo Lo Giudice (storico presidente di giuria), Nicola Palmeri, Simone Spitalieri e Claudia Fichera e all’impegno sempre rinnovato dell’ideatore del Festival Riccardo Di Bella. Il concorso è patrocinato da Mibact (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) Direzione Generale Cinema, Agenzia per la Coesione Territoriale del Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Sicilia-Assessorato al Turismo, Sport e spettacolo – Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo, Sicilia Film Commission, Sensi Contemporanei, FCS – Coordinamento dei Festival del cinema in Sicilia, Codacons, Città Metropolitana di Catania, Comune e Pro Loco di Viagrande

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.