Pescaturismo, i ristoranti che dicono sì al marchio di qualità

Turismo L’intervento è realizzato con il supporto dell’Assessorato regionale alla pesca e cerca di spostare il focus della promozione sugli aspetti economici e sul ritorno di economia per i pescatori e gli operatori del comparto. Attualmente sono venti i ristoranti selezionati nel progetto-pilota che si riconoscono nel marchio “Selected Quality”

Il Distretto turistico Pescaturismo e Cultura del Mare ha realizzato il primo marchio di qualità che punta sulla filiera corta del mare. Attraverso il marchio “Selected Quality” saranno selezionati quei ristoranti di pesce che garantiscono un pescato di zona, il rispetto del lavoro dei pescatori, ed una elaborazione delle pietanze nel rispetto dei sapori della tradizione.

Si tratta di un intervento realizzato con il supporto dell’Assessorato regionale alla pesca che cerca di spostare il focus della promozione sugli aspetti economici e sul ritorno di economia per i pescatori e gli operatori del comparto.

logo turismo e cultura del mare in Sicilia

logo turismo e cultura del mare in Sicilia

Attualmente sono venti i ristoranti selezionati nel progetto-pilota. I ristoranti saranno parte integrale dell’offerta turistica che il distretto sta mettendo a punto. In tal modo si intende investire sul forte legame tra turismo ed agroalimentare.

Questi i ristoranti selezionati: Sensation White (Petrosino – Tp), O Winebar (Balestrate – Pa), Arabesque (Terrasini – Pa), Trattoria “Da Franco” (Isola delle Femmine –Pa), Il Faraglione (Ustica – Pa), Da Franco Testaverde (Mondello – Pa), Trattoria Da Piero (Mondello – Pa), Simpathy (Mondello – Pa), Vecchia marina (Cefalù – Pa), I Rizzari (Brucoli/Augusta – Sr), La Cialoma (Marzamemi/Pachino – Rg), Armenia al Porto (Pozzallo – Rg), Il Conte nero (Scoglitti/Vittoria – Rg), Viri cu cè (Scoglitti/Vittoria).

L’elenco dei ristoranti selezionati è presente sul sito del marchio selectedquality.it, dal sito è possibile scaricare il disciplinare ed il form per sottoporre la propria candidatura ed essere inseriti nella selezione.

«È un chiaro esempio – afferma Giovanni Callea, amministratore delegato del distretto turistico – della strategia che il distretto sta adottando intervenendo oltre i rigidi confini geografici descritti dai comuni aderenti al distretto, perché il prodotto Sicilia è uno soltanto; al contempo immaginiamo tutte le risorse dell’isola: agricole, ittiche, monumentali, climatiche al servizio della progettualità turistica, perché ogni emozione è funzionale all’industria turistica».

Pescaturismo

Pescaturismo

I ristoranti Qualità Selezionata, aderiscono ad un disciplinare volontario, predisposto dal Distretto turistico Pescaturismo e Cultura del Mare. Il disciplinare garantisce a consumatori e viaggiatori che le pietanze contrassegnate sul menù dal marchio “Selected Quality” sono realizzati con pescato fresco locale, nel rispetto della stagionalità del pesce e dei cicli riproduttivi. Le pietanze privilegiano pesce azzurro e di piccola taglia, la cui pesca è meno impattante nei confronti dell’ecologia del mare.

Pur se non regolamentato dal disciplinare, i ristoratori “Selected Quality” hanno generalmente stipulato accordi con le imbarcazioni e riconoscono a queste un equo compenso per tutto l’anno. Sostengono e partecipano pertanto all’equilibrio di questa preziosa filiera. Il comparto gastronomico, pertanto, crea il collegamento indispensabile tra i produttori ed i consumatori facendo ricorso in molti casi alla tradizione gastronomica, assumendosi in tal modo anche la responsabilità di custodirla e riattualizzarla. I ristoranti Qualità Selezionata offrono così l’opportunità di partecipare all’esperienza di mare in Sicilia.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.