Per due week-end dieci luoghi di Palermo aprono di notte

Scoprire di notte il clone della Natività trafugata o che le cupole del centro storico sono bellissime quando le ritagli dal buio; che l’Archivio storico sorge su un’antica sinagoga e che al Museo delle Marionette i pupi stringono la mano ai burattini; che la chiesa di San Giorgio la costruirono i genovesi e San Giovanni si deve alla Congregazione della Nazione dei Napoletani. Queste e tante altre curiosità sui luoghi di Palermo, esattamente dieci, potranno essere scoperte il 24 e il 25 febbraio e poi il 3 e 4 marzo dalle ore 20 alle ore 24, grazie alle visite guidate organizzate da Le Vie dei Tesori per la BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, promossa dall’assessorato comunale alla Cultura.

Oratorio di San Lorenzo - ph Igor Petyx

Oratorio di San Lorenzo – ph Igor Petyx

Dieci tesori, strettamente legati all’identità mediterranea della città, alle sue stratificazioni e incroci di culture: l’Oratorio di San Lorenzo con gli stucchi di Serpotta e il “clone” della Natività trafugata, capolavoro di Caravaggio in fuga tra le isole del Mare Nostrum; San Giovanni dei Napoletani, una delle chiese delle Nazioni “straniere”; il Museo delle Marionette e le collezioni di opere del Sud del mondo; i saloni affrescati di Palazzo Bonocore, nella piazza simbolo della città; la Biblioteca comunale, che racconta la storia del Mediterraneo; l’Archivio Storico comunale sorto su una sinagoga ebraica; le terrazze del SS. Salvatore con la vista sulle cupole di notte; la chiesa di San Giorgio dei Genovesi, che racconta la presenza di un’altra grande nazione marinara in città; la chiesa del Piliere, che richiama la spagnola Madonna del Pilar (solo sabato, non domani); il Conservatorio, custode da 400 anni della complessa identità musicale della città.

Museo delle Marionette Antonio Pasqualino - ph Igor Petyx

Museo delle Marionette Antonio Pasqualino – ph Igor Petyx

Ma non si tratterà di semplici visite: il pubblico passerà attraverso “porte di luce”, installazioni curate da Sinergie Group, create da Luca Pulvirenti. All’Oratorio di San Lorenzo potrà scoprire la mostra Natività di Daniele Franzella ispirata alla tela trafugata di Caravaggio, ma si potrà anche assistere, alle 20, al live di Alessandrio Librio, “Orient/Occident” ispirato all’incontro di sonorità multiculturali. Fuori percorso, ma aperta all’Oratorio di San Mercurio, anche la mostra Sacrosanctum, 16 opere di arte contemporanea ispirate al sacro. I visitatori verseranno 1 euro per sostenere il restauro di un bene della città, che potrà essere votato sul sito www.leviedeitesori.com

I SITI

Archivio Storico Comunale | via Maqueda 157
Biblioteca Comunale | piazza Casa Professa 18
Chiesa di san Giorgio de’ Genovesi | piazza S. Giorgio de’ Genovesi
Chiesa di San Giovanni de’ Napoletani | corso Vittorio Emanuele 36
Chiesa del Piliere | piazzetta Angelini 1
Chiesa del SS. Salvatore | corso Vittorio Emanuele Porticciolo di Sant’Erasmo
Conservatorio di Musica V. Bellini | via Squarcialupo 2
Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino | piazzetta A. Pasqualino
Oratorio di San Lorenzo | via Immacolatella 5
Palazzo Bonocore | piazza Pretoria 2
Oratorio di San Mercurio | cortile S. Giovanni degli Eremiti 2

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.