Parlare inglese aiuta a trovare lavoro: i trucchi per impararlo

Lavoro Imparare le lingue oggi è fondamentale, non solo per i giovani che ancora devono affrontare il primo impatto con il mondo del lavoro, ma anche per i meno giovani che desiderano o hanno la necessità di riqualificarsi. Purtroppo, però, i dati relativi alle competenze in inglese in Italia non sono affatto buoni. Secondo gli ultimi studi di settore, infatti, la Penisola si piazza soltanto al 26esimo posto nella classifica dei paesi europei e al 36esimo posto se si considera quella globale

Imparare le lingue oggi è fondamentale, non solo per i giovani che ancora devono affrontare il primo impatto con il mondo del lavoro, ma anche per i meno giovani che desiderano o hanno la necessità di riqualificarsi. Purtroppo, però, i dati relativi alle competenze in inglese in Italia non sono affatto buoni. Secondo gli ultimi studi di settore, infatti, la Penisola si piazza soltanto al 26esimo posto nella classifica dei paesi europei e al 36esimo posto se si considera quella globale. Numeri che fanno riflettere se si pensa da noi a scuola studiano l’inglese più di 17 milioni di giovanissimi. Se le prossime generazioni fanno ben sperare, quelle attuali arrancano: sempre secondo le ultime analisi, il 40% degli intervistati ha dichiarato di aver perso almeno un’opportunità lavorativa a causa delle scarse competenze linguistiche.

Perché oggi è così importante conoscere l’inglese?

Parlare una lingua come l’inglese apre le porte a numerose opportunità in ambito professionale, considerando che è parlata in più di 40 nazioni al mondo. Ciò significa che, acquisendo delle buone competenze, si può davvero migliorare la propria posizione lavorativa. Oltre alla possibilità di lavorare all’estero o in patria in settori come quello del turismo, oggi l’inglese serve pure nei mestieri digitali dato che il web parla perlopiù questa lingua. Chi vuole fare carriera nel settore del digital marketing, infatti, non può fare a meno di conoscerlo, soprattutto per quel che riguarda la formazione e l’aggiornamento. Infine, imparare l’inglese significa avere l’opportunità di sentirsi realmente cittadini del mondo, proprio per la caduta della maggior parte delle barriere linguistiche.

I consigli per avvicinarsi alla lingua inglese

L’inglese non è una lingua difficile e il suo successo è dovuto in larga parte alla semplicità della sua sintassi che è molto diversa dall’italiano, quindi va approcciata nella maniera giusta e studiata seriamente. Una delle prime cose da fare consiste nel fissare bene a mente le regole grammaticali di base, ad esempio imparando quali sono i verbi più usati in inglese, tra cui troviamo i 20 selezionati da Babbel, che tornano molto utili nelle conversazioni quotidiane, tanto in ambito lavorativo quanto nel privato. Un altro suggerimento consiste nell’unire la teoria alla pratica, dunque approfittando di ogni occasione per fare conversazione in inglese, possibilmente con un madrelingua o un esperto. Poi è chiaro che le letture in inglese e la visione di film e serie TV in lingua originale possono aiutare tantissimo, perché così si allenano il cervello e le orecchie. Persino i podcast, in un’era digitale e tecnologica come questa, possono diventare delle risorse davvero preziose per l’apprendimento delle lingue.

I trucchi più utili per prendere confidenza con la lingua

L’apprendimento delle lingue è una cosa seria e non esistono scorciatoie, ma alcuni trucchi possono in effetti facilitare un po’ le cose. Ad esempio lo studio mnemonico del vocabolario, che permette di espandere la conoscenza dei termini inglesi, così da avere maggiori opzioni durante la costruzione di una frase. Può tornare utile, per quanto possa sembrare strano, anche parlare da soli a voce alta. In questo modo è possibile notare tutti quei piccoli errori di pronuncia o quei particolari passaggi che ci mettono in difficoltà. È utile, poi, studiare fissando degli obiettivi a breve-medio termine e premiarsi quando vengono raggiunti, per poi passare allo step successivo. Questo va fatto per favorire la motivazione, perché è sbagliato approcciare l’inglese come un obbligo: soltanto divertendosi si facilita l’apprendimento, quindi bando alla noia e agli esercizi ripetitivi e monotoni.

Concludendo, l’inglese è una lingua fondamentale ai giorni nostri e per fortuna è alla portata di tutti a patto di approcciarla correttamente.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.