Nuova eruzione dell’Etna, chiude l’aeroporto di Catania. Stop ai ciclomotori

Chi viene e chi va Nuovo stop momentaneo dello scalo etneo dopo la pioggia lavica dovuta alla nuova eruzione vulcanica. Il sindaco ferma i ciclomotori per 48 ore

Sac, la società di gestione dell’aeroporto di Catania comunica che, a causa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale ricaduta di copiosa cenere vulcanica, la pista dello scalo aeroportuale è al momento chiusa perché contaminata ed è in corso l’attività di pulizia e bonifica. I voli in arrivo saranno dirottati a Comiso. Per info sui voli dirottati o cancellati si prega di rivolgersi alle compagnie aeree o verificare la situazione in tempo reale sul sito dell’Aeroporto www.aeroporto.catania.it e sui profili Facebook e Twitter dell’aeroporto.

La pista dell’aereoporto di Catania

Al fine di tutelare la pubblica incolumità dalla copiosa caduta di cenere vulcanica oggi pomeriggio sul territorio urbano il sindaco Salvo Pogliese, ha firmato un’ordinanza che vieta temporaneamente, per le prossime 48 ore, la circolazione dei mezzi a due ruote (motocicli), imponendo la riduzione della velocità di percorrenza delle automobili e degli autocarri a 30 Km orari come limite massimo in tutte le strade del territorio comunale. Il sindaco ha anche disposto che già in serata si avvii una nuova raccolta della cenere vulcanica e ai cittadini viene raccomandata la massima prudenza e di limitare gli spostamenti ai soli casi di effettiva necessità.

Il primo cittadino ha anche ordinato di depositare in contenitori di piccole dimensioni, in prossimità dei cassonetti utilizzati normalmente per il conferimento dei rifiuti, la sabbia vulcanica eliminata dagli spazi privati;  nelle zone della raccolta porta a porta, è fatto obbligo di conferire la cenere in contenitori separati insieme alla frazione del vetro.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.