Notomusica, l’estate delle contaminazioni musicali

Eventi Dall'8 luglio al 19 agosto la 43a stagione di concerti organizzata dall'Associazione concerti Città di Noto che vede il passaggio di testimone dal fondatore Corrado Galzio al nuovo presidente Giuseppe Landolina. Grandi spettacoli e concerti in cartellone, da Dee Dee Bridgewater a Ramin Baharami e Danilo Rea, da "Maria de Buenos Aires" a Bruno Canino

Tre anni fa ha tenuto il suo ultimo strabiliante concerto proprio a Notomusica, poi lo scorso novembre ha compiuto 98 anni e Corrado Galzio ha scelto con la classe e l’eleganza che gli sono proprie di ritirarsi dalle scene. Era consapevole che la sua creatura, il festival internazionale da lui fondato nel 1976 e presieduto fino alla scorsa edizione, avrebbe proseguito nel suo prestigioso percorso. Il grande pianista netino, ora presidente onorario, ha infatti affidato la continuità del suo meraviglioso progetto alla squadra che lo affiancato per tante stagioni, e in particolare a Giuseppe Landolina, che gli succede come presidente, e a Ugo Gennarini, rimasto alla direzione artistica dopo averla a lungo condivisa con lo stesso Galzio. Con loro continuano ad operare gli altri componenti il direttivo, Alberto Frasca, Giuseppe Di Giovanni e Rina Rossitto, insieme al segretario generale Urbano Pannuzzo.

Un profondo ringraziamento per la straordinaria opera svolta da Corrado Galzio è venuto dal sindaco Corrado Bonfanti nel corso della presentazione del nuovo cartellone, che il primo cittadino ha voluto ancora una volta a Palazzo Ducezio, sede del Municipio, a sottolineare il sostegno dell’amministrazione comunale. E un folto pubblico di appassionati è intervenuto alla presentazione coordinata dalla giornalista Caterina Andò nel segno di un vero e proprio tributo al patron di Notomusica, rappresentato per l’occasione dalla figlia Anna Maria.

«Il maestro Galzio – ha sottolineato il sindaco Bonfanti – è stato un indiscusso precursore della bellezza di Noto, celebrata attraverso l’impegno indefesso, misto alla passione e all’amore smisurato per la sua amata musica. Con la costituzione dell’Associazione Concerti Città di Noto ha donato al nostro Comune un patrimonio di conoscenze e di relazioni che, negli anni, si sono sempre più consolidate. È grazie a lui ed ai suoi instancabili collaboratori che Notomusica è arrivato alla 43a edizione, arricchita anche quest’anno dalla presenza di musicisti di fama internazionale, tra i migliori interpreti di classica e jazz. Il passaggio di consegne con il nuovo presidente Giuseppe Landolina arriva nel segno della continuità. Quella continuità che come amministrazione comunale condividiamo e apprezziamo con lo stesso spirito di collaborazione profuso in questi anni verso l’Associazione Concerti Città di Noto».

Sul richiamo artistico e culturale della manifestazione si è soffermata Giusy Sortile, assessore comunale al Turismo. E su qualità e rigore puntano le linee direttrici tracciate dal neopresidente Giuseppe Landolina: «Al maestro Galzio questa Città sarà sempre grata per i suoi inestimabili doni: l’Associazione Concerti e il prestigioso Festival Internazionale Notomusica. Il nuovo Consiglio direttivo, conscio del difficile compito che lo aspetta, è consapevole che la priorità è garantire il presente e progettare il futuro, con occhio attento al cambiamento».

L’esaltante cartellone, illustrato dal direttore artistico Ugo Gennarini, non tradisce certo le aspettative. Dall’8 luglio al 19 agosto si succederanno nove appuntamenti da non perdere, ospitati nel Cortile del Collegio dei Gesuiti: da un’interprete mitica come Dee Dee Bridgewater, in esclusiva per la Sicilia, al ritorno di Nicola Piovani; dal duo pianistico Ramin Bahrami e Danilo Rea al superbo sestetto Servillo, Girotto, Bosso, Di Castri, Marcotulli, Barbieri; protagonisti di una rassegna che ha pochi eguali anche in ambito nazionale.

Dee Dee Bridgewater

Dee Dee Bridgewater

S’inaugura con un capolavoro di Astor Piazzolla, la Tango operita Maria de Buenos Aires, con il Piazzolla Ensemble, regia di Salvo Piro (8 luglio), una produzione della Camerata Polifonica Siciliana. Un pianista del calibro di Bruno Canino sarà il solista ospite della Mediterranean Chamber Orchestra diretta da Gaetano Adorno (12 luglio); sarà poi la volta del duo formato dal violoncellista Luca Pincini e dalla pianista Gilda Buttà (22 luglio). Non poteva mancare l’appuntamento sinfonico, che quest’anno vede alla ribalta la rinomata Quirat Symphonic Orchestra e il pluripremiato violino solista Sergej Girshenko; sul podio Giovanni Ferrauto, direttore d’orchestra e compositore di chiara fama (31 luglio).

Maria de Buenos Aires

Maria de Buenos Aires

“An evening with Dee Dee Bridgewater” è un invito all’esclusiva soirée musicale con la cantante afroamericana di Memphis, autentica leggenda vivente del jazz, che si esibirà con la formidabile HJO Jazz Orchestra, diretta da Benvenuto Ramaci (2 agosto).

Le canzoni di Adriano Celentano saranno reinterpretati in chiave jazz dal magnifico sestetto formato da Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax), Fabrizio Bosso (tromba), Furio Di Castri (contrabbasso), Rita Marcotulli (pianoforte) e Mattia Barbieri (batteria) (6 agosto).

Nicola Piovani, al pianoforte, ripercorrerà insieme al proprio ensemble le sue più belle colonne sonore, da “Ginger e Fred” a “La vita è bella”, che gli è valsa il Premio Oscar (9 agosto). Dopo il recital pianistico di Gloria Campaner, virtuosa straordinariamente versatile (16 agosto), il gran finale ripropone la contaminazione tra classica e jazz con il celebre duo pianistico formato da Ramin Bahrami e Danilo Rea (19 agosto).

 

Tutti gli eventi avranno inizio alle ore 21,15. Info www.notomusicafestival.com, associazioneconcerti@tin.it

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.