Marzamemi a Catania

Eventi Il 18 e il 19 giugno, per il festival Porte aperte, la Scuola Superiore di Catania ospita un'anteprima della kermesse cinematografica

Il Festival del Cinema di Frontiera fa tappa a Catania. La popolare kermesse cinematografica – in programma come tradizione a Marzamemi dal 20 al 26 luglio prossimo – vivrà quest’anno una stimolante anteprima alla Scuola Superiore di Catania. Giovedì 18 e venerdì 19 giugno, due ricche serate – entrambe a partire dalle ore 17 fino alle 23 – che si terranno presso l’aula magna e il piccolo anfiteatro dell’istituto, anticiperanno i temi della XV edizione del Festival. Ci sarà spazio per documentari, cortometraggi, filmati inediti e omaggi ai grandi artisti che in passato hanno scelto la Sicilia come oggetto delle loro rappresentazioni cinematografiche. Il rapporto tra pellicole e territorio, inteso come luogo di espressione di usi, costumi e tradizioni siciliane, sarà al centro di dibattiti e riflessioni che si alterneranno con le proiezioni cinematografiche. A “Marzamemi a Catania” saranno presenti il direttore artistico del Festival del Cinema di Frontiera, Nello Correale, il critico cinematografico Sebastiano Gesù, e l’attore e drammaturgo Moni Ovadia. Questo evento fa parte della rassegna Porte Aperte dell’Università di Catania.

marzamemi02

Programma

18 giugno

ore 17.00 – 18.20 (Aula Magna)

Sud: Rito e magia
La Lucania di Levi e De Martino. Il documentarismo etnografico di Luigi di Gianni, Cecilia Mangini, Gianfranco Mingozzi.
Luigi Di Gianni: Il male di San Donato, 10’.20’’; Nascita e morte a San Cataldo, 9’.40’’
Cecilia Mangini: Stendalì (1960), testo di Pier Paolo Pasolini -10’
Gianfranco Mingozzi: La Taranta (1962) testo di Salvatore Quasimodo -18’.10’’
Introducono Lina Scalisi e Sebastiano Gesù

ore 18.30 – 20.00 (Aula Magna)
Omaggio a Manoel De Oliveira

Famalicão
(1941), 22’; Il pittore e la città (O Pintor e a Cidade) (1956), 26’; Manuel de Oliveira a Catania -Intervista Inedita di Sebastiano Pennisi, 10’. Ne discutono Livio Marchese e Sebastiano Pennisi

ore 20.30 – 21.10 (Piccolo Anfiteatro)
Cinema all’Anfiteatro

Cinema e Cibo

Quando l’Italia mangiava in bianco e nero, filmati LUCE
Sicilianima: Il gusto di Nello Correale

ore 21.15 (Corte della Scuola)
Anticipazioni di “gusto” con vini delle Cantine Paternò, pani di grani antichi della F.lli Vescera e pomodorino di Pachino DOP

ore 21.40 (Piccolo Anfiteatro)
Las Patronas
di Javier García
A seguire Discorsi su Cinema, Cibo e Territorio con Nello Correale, Fabrizio Carrera (Cronache di Gusto) e Roberto Bruno (Sindaco di Pachino)


19 giugno

ore 17.00 – 18.30 (Aula Magna)
In ricordo di Pier Paolo Pasolini per i 40 anni dalla sua scomparsa

La ricotta
di P.P.Pasolini con Orson Welles (100 anni dalla nascita del grande regista/ attore), 35’
Pasolini e L’Etna
documentario di montaggio a cura di Sebastiano Gesù e Sebastiano Pennisi, 35’
Introducono Luciano Granozzi e Stefania Rimini

ore 18.40 – 20.00 (Aula Magna)
Oltre lo sguardo la memoria
Il cinedocumentario di Leonardo Sciascia
Gela antica e nuova
di Giuseppe Ferrara (1964), 33’; Radiografia della Miseria di Piero Nelli (1967), 16’
Ne discutono Antonio Di Grado e Alessandro De Filippo

ore 20.30 – 21.15 (Piccolo Anfiteatro)
Cinema all’Anfiteatro
Sicilanima: ritratti siciliani

u cuntu, u cantu, il gesto il suono di Nello Correale

ore 21.30 (Piccolo Anfiteatro)
Magna Grecia 2015
Ecuba
di Giuliana Berlinguer e Irene Papas, 2004, 84′ – film inedito in possesso della Cineteca Nazionale
A seguire i discorsi sul Dramma antico in Sicilia
con Moni Ovadia, Mario Incudine e Giuseppe di Pasquale.
Modera Sebastiano Gesù

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.