Le visioni oniriche del Maestro Giuseppe Guzzone

Arte Dopo alcuni anni di assenza l'artista militellese torna ad esporre a Catania un nuovo ciclo di opere interamente realizzato per gli spazi della Catania Art Gallery, a cura di Marcello Panascìa

Visioni incantevoli e oniriche, immagini che sgorgano dalla fantasia e dal realismo in cui filtra un amore incantato per la natura, un carattere entusiasta e vitale, sempre alla ricerca di armonia ed equilibrio. Dopo alcuni anni di assenza torna ad esporre nella “sua” Catania Giuseppe Guzzone, artista contemporaneo di notevole pregio, con un nuovo ciclo di opere interamente realizzato per gli spazi della Catania Art Gallery.
Martedì 18 giugno alle ore 19 il vernissage della mostra personale “Giuseppe Guzzone – Visionario”, curata da Marcello Panascìa.
Giuseppe Guzzone, di origini militellesi, è considerato tra i più interessanti nomi dell’arte contemporanea nazionale, e svolge una intensa attività espositiva dal 1975, anno in cui ha partecipato alla X Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma.

Giuseppe Guzzone, Isola dormiente

Giuseppe Guzzone, Isola dormiente

«Si è poco prudenti ancora oggi nell’indagare gli equivoci cui può dar luogo la definizione di arte realistica – scrive Marcello Panascìa nel catalogo della mostra -, l’ipotesi formale di realismo come imitazione pedissequa e oggettiva della realtà. Dato questo assunto, è impossibile leggere i dipinti di Giuseppe Guzzone diversamente da come lui li ha pensati, e sarebbe ingannevole catalogare le sue immaginifiche creazioni nel genere pittorico del paesaggio e del vedutismo di maniera. Infatti non in luoghi fisici egli ci conduce, ma nei territori irreali d’una dimensione onirica: una “irrealtà” tradotta in materia pittorica, risolta nella percezione fenomenica d’una spazialità scenica di rara finezza cromatica e compositiva, secondo il paradigma di un’arte che pensa sé stessa e di una tecnica consustanziale all’arte. La bellezza di queste sue opere non risiede infatti nei punti di rapporto e proporzione col reale, ma in quella forma peculiare dell’indole lirica di un trascendentalismo plastico che fu peculiare della grande pittura metafisica e del realismo magico del Novecento».

Le opere del maestro Guzzone risplendono di una brillante ispirazione, sono creazioni coinvolgenti dai colori tenui che seducono, perché dialogano segretamente con l’umanità, invitandola ad una continua scoperta. Al centro dei suoi quadri ci sono isole misteriose, dipinte con i toni leggeri e delicati del turchese, dell’ocra e del giallo, solitarie in mezzo al mare. Sono isole, si, ma anche personaggi appartenenti a un tempo sospeso, a un luogo altro, a un mondo immaginario.
Isole in scenari immaginari, quelle di Guzzone, che sembrano ricollegarsi soprattutto all’idea del paesaggio come specchio dell’anima umana: luogo e non luogo, luogo reale e simbolico insieme, che suggerisce desideri, suggestioni, nostalgia, capacità di sognare e volontà di astrazione poetica.

Giuseppe Guzzone, Isola di sorgenti tra cielo e mare

Giuseppe Guzzone, Isola di sorgenti tra cielo e mare

«Sono antropomorfe le isole dipinte da Guzzone – scrive Alessandro Riva nel catalogo della mostra -, e rimandano alla tradizione di molta pittura surrealista, a cominciare da quella di Alberto Savinio, di cui Guzzone riprende chiaramente suggestioni, temi ed elementi ricorrenti, non disconoscendo però neppure alcuni riferimenti a un clima di ritorno tutto mentale al mezzo pittorico, condito da forti richiami alla pratica appropriazionista e citazionista tipica del periodo d’oro del Post Modem, tra gli anni Settanta e gli Ottanta, di cui le diverse ma adiacenti scuole dell’Anacronismo e dell’Ipermanierismo rimangono i massimi esempi».

La mostra “Giuseppe Guzzone – Visionario”, accompagnato da un catalogo, il n. 28 della collana Edizioni Elefantino, con testi critici dello stesso Marcello Panascia e di Alessandro Riva, è visitabile fino al 9 luglio (da lunedì a sabato ore 10.30-20. Ingresso libero)

GIUSEPPE GUZZONE
Nasce a Militello Val di Catania (Ct) nel 1952. Consegue gli studi all’Istituto Statale d’Arte di Caltagirone diplomandosi poi all’Accademia di Belle Arti di Catania, corso di scultura. Inizia nel 1971 le prime ricerche nel campo dell’incisione. Nel 1975 partecipa alla “X Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma” e all’esposizione “I Convegno Regionale di Ecologia città di Noto”. Nel 1976 comincia a insegnare all’Istituto Statale d’Arte di Catania; durerà sei anni. Espone nel frattempo a “Sicilia in Arte”, Municipio di Conegliano Veneto; vince a Messina il “I Premio nazionale Antonello da Messina” e tiene una personale alla galleria «La Rada» di Catania. Nel 1982 inizia ad insegnare al Liceo Artistico di Catania e inaugura tre mostre personali una delle quali allestita nella Galleria “L’angolo” di Catania. Seguiranno numerose mostre personali in spazi istituzionali e privati, e la partecipazione ad importanti rassegne collettive. Vive e lavora a Catania.

Informazioni
Giuseppe Guzzone – Visionario
Curatore Marcello Panascìa
dal 18 giugno al 9 luglio 2019
Catania Art Gallery
via Caronda, 48/a – Catania

Orari: da lunedì a sabato h 10.30-20
Catalogo: n. 28 della collana Edizioni Elefantino
con testi critici di Marcello Panascia e Alessandro Riva

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.