Le Misericordie etnee consegnano mascherine alla Protezione civile di San Giovanni la Punta

Volontariato e Onlus I volontari etnei dell'associazione di primo soccorso e protezione civile hanno cosegnato un carico di mascherine del Dipartimento regionale della protezione civile ai sindaci di vari comuni del territorio

Il Comitato delle Misericordie della provincia di Catania ancora in prima linea nell’emergenza Coronavirus e al servizio della popolazione etnea. Diverse le Misericordie afferenti alla struttura di volontariato sanitario di secondo livello che nella giornata di ieri hanno collaborato con i sindaci dei propri comuni nella consegna delle mascherine chirurgiche consegnate dalla Regione Siciliana. 835 mila in tutto le mascherine provenienti dalla Cina nelle scorse settimane e che la Regione Siciliana sta distribuendo sul territorio anche attraverso la preziosa collaborazione dell’Esercito Italiano.
Tra i punti di consegna, anche la sede del Dipartimento Regionale della Protezione Civile a San Giovanni La Punta, dove questo preziosissimo materiale è stato affidato ai sindaci di diversi comuni etnei per poi essere ridistribuito alla popolazione. «Come Misericordie siamo presenti sul territorio e stiamo cercando di collaborare con i singoli COC, anche svolgendo ruoli di Responsabile di Funzione Volontariato ma anche Funzione Sanità – ha detto il presidente del Comitato provinciale Alfredo Distefano -. Qui ci troviamo come Misericordia di Pedara e proprio oggi stiamo collaborando nel prelevare le mascherine che saranno distribuite alla cittadinanza».

Tra i tanti sindaci presenti presso la sede del DRPC a San Giovanni La Punta, anche il primo cittadino di Pedara Antonio Fallica. «Oggi abbiamo ricevuto dal Dipartimento della Protezione Civile 17.000 mascherine, che verranno distribuite alla popolazione di Pedara dai volontari della locale Misericordia che ringrazio per la sua opera a supporto del COC».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.