Inserito nel Recovery Plan il restauro del Castello della Colombaia di Trapani

Sicilia antica «Una notizia importantissima per tutta la Sicilia - ha detto l'Assessore Alberto Samonà - grazie alla quale si potrà recuperare un luogo unico per storia, bellezza e per la particolare posizione»

Il restauro del Castello della Colombaia di Trapani è stato ufficialmente inserito fra i progetti da finanziare con il Recovery Plan. Il governo nazionale, infatti, oggi ha reso noto il documento di dettaglio del “Pnrr, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” relativamente alla Cultura, nel quale con il “Piano strategico grandi attrattori culturali” saranno finanziati in totale 14 interventi in tutta Italia, fra cui c’è, appunto, il “Progetto integrato di restauro, fruizione e valorizzazione” del castello della Colombaia di Trapani, elaborato dall’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana.

Il Castello della Colombaia di Trapani

A renderlo noto è lo stesso assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà (Lega), che ha dato la notizia sui suoi canali social.
«L’inserimento ufficiale del restauro della Colombaia nel piano del Recovery è importantissimo per Trapani e per tutta la Sicilia – spiega l’assessore leghista – ed è un impegno mantenuto da parte del governo nazionale: ringrazio ancora una volta il Sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni per essersi adoperata in prima persona per l’accoglimento della proposta Governo Musumeci, grazie alla quale si potrà recuperare un luogo unico per storia, bellezza e per la particolare posizione, che permetterà di potenziare l’offerta culturale non soltanto di Trapani ma dell’intera Sicilia».

Lo scorso 23 marzo, il Ministero della Cultura aveva trasmesso ufficialmente il progetto relativo all’isola della Colombaia al Ministero del l’Economia come uno di quelli da finanziare, e oggi, con la pubblicazione del Piano “Next generation Eu – Cultura” si è avuta la conferma del suo inserimento

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.