martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

In scena la vita di Giovanni Grasso, "attore che da Catania girò il mondo"

Teatro

Con gli attori del workshop Art to be actor, il 27 e il 28 luglio a Catania Marcello Cappelli e Lucia Sardo firmano "Vita straordinaria ri Don Giuanni Grasso -Lu grandi atturi ca pattennu ri Catania furriau lu munnu", omaggio al grande attore catanese con la drammaturgia di Biagio Guerrera, le scene di Luca Ruzza e le musiche di Colapesce


di Redazione SicilyMag

E' Lorenzo Urciullo, in arte Colapesce, a curare le musiche originali dello spettacolo "Vita straordinaria ri Don Giuanni Grasso - Lu grandi atturi ca pattennu ri Catania furriau lu munnu". Il cantautore siciliano si è infatti da poco aggregato al gruppo (Lucia Sardo e Marcello Cappelli alla regia, Biagio Guerrera alla drammaturgia, Luca Ruzza alle scene e alle proiezioni) che sta curando l'allestimento dello spettacolo ispirato all'arte scenica di Giovanni Grasso, che debutterà in prima assoluta il 27 e 28 luglio al Cortile Platamone di Catania. «Siamo davvero felici che anche Colapesce abbia voluto aderire al progetto che ha raccolto alcune delle personalità più interessante del mondo della cultura e dello spettacolo siciliano e intende valorizzare e restituire alla città la figura di un grande attore qual era Giovanni Grasso», spiega il regista Marcello Cappelli. Intanto si prova ogni giorno, nella sala del teatro Stabile di Catania a Palazzo della Cultura, per "montare" lo spettacolo che vedrà in scena con gli otto giovani attori selezionati al termine del laboratorio teatrale avviato lo scorso febbraio: Paola Andolina, Simona Buscemi, Gioacchino Cappelli, Tommaso Mirabella, Cristiano Pluchino, Benedetta Scuto, Rosario Tedeschi, Salvatore Tornitore. Saranno loro a far rivivere l'arte di Giovanni Grasso, l'attore catanese che agli inizi del Novecento stupì i grandi del teatro internazionale e recitò da protagonista nel film "Sperduti nel buio" diretto da Nino Martoglio, una delle prime pellicole del cinema muto italiano.

Giovanni Grasso nel 1921

Lo spettacolo é realizzato nell'ambito del progetto Art to be actor - The experience of Giovanni Grasso, curato dall'associazione MandaraKè e realizzato con il contributo della comunità europea attraverso i fondi del Programma Erasmus+ EAC/A/14/15. La prima parte del progetto, il laboratorio teatrale condotto da Marcello Cappelli e Lucia Sardo, ha coinvolto 18 giovani attori in un percorso di alcuni mesi con tre momenti di stage sulla biomeccanica teatrale (Gennadi Bogdanov), l'Opera dei Pupi (Compagnia Fratelli Napoli) e la Commedia dell'Arte (Ferruccio Merisi e Claudia Contin Arlecchino). Al termine del laboratorio, lo scorso maggio sono stati selezionati gli otto attori che porteranno in scena lo spettacolo e che ne hanno dato in anteprima alcuni frammenti venerdì scorso al Taormina Film fest.

Biagio Guerrera, Marcello Cappelli, Colapesce, Lucia Sardo

Marcello Cappelli e Lucia Sardo sullo spettacolo: «Trovarsi di fronte ad un materiale così vasto e sorprendente come la carriera artistica e umana di Giovanni Grasso e da questo cercare di tirarne fuori uno spettacolo che non sia una semplice cronaca né un’emulazione pedissequa del suo modo di recitare, non è stato semplice. Grasso nel corso degli anni è stato rivisitate essenzialmente da compagnie amatoriali, con i loro modelli interpretativi che hanno cercato di ricalcare quello che è rimasto nella memoria dell’arte dell’attore. Personalmente sono stato affascinato non solo dalle sue interpretazioni, che d’altra parte si rifanno solo a descrizioni poiché quasi nulla è rimasto del suo lavoro se non foto o spezzoni di film - peraltro di difficile reperimento - ma dalla sua forza che si è nutrita esclusivamente dell’Opera dei Pupi, quindi della tradizione. E allora quello su cui ho operato parte da questo, dal dare valore a quei sentimenti e principi che vengono espressi in questo contesto e che è stato il materiale che ha maggiormente coinvolto i miei giovani attori. Miei in quanto la maggior parte di essi non ha mai avuto esperienze teatrali e hanno seguito un percorso formativo che mette insieme avanguardie teatrali e tradizioni. Abbiamo voluto conoscere entrambi gli aspetti e da qui gli incontri sulla Biomeccanica, la Commedia dell’arte, l’opera dei Pupi, U balletto, l’arte della scherma del coltello, l’acrobatica e il Cunto. Queste sezioni sono state curate da maestri riconosciuti e di ognuna abbiamo accolto l’essenziale. Questi meravigliosi “giocattoli” sono diventati gli elementi di lavoro degli attori, tutti giovanissimi: io mi sono affidato al loro sentire e l’ho tradotto in scene, un pamphlet che ho affidato alle mani sapienti in primis di Lucia Sardo, per ritrovare quella verità espressiva che le è propria, a Biagio Guerrera per il linguaggio - soprattutto in dialetto siciliano - di cui è un maestro riconosciuto, e a Luca Ruzza che ha immerso il nostro mondo con immagini e macchinari capaci di realizza un “sogno”».

Grasso in abiti di scena

Lo spettacolo teatrale "Vita straordinaria ri Don Giuanni Grasso - Lu grandi atturi ca pattennu ri Catania furriau lu munnu" è la naturale conclusione della parte del progetto che ha messo al centro le pratiche dell’attore attraverso un laboratorio, realizzato da marzo a maggio, rivolto a giovani attori, diretto da Lucia Sardo e Marcello Cappelli e stage intensivi sulle radici della formazione di Grasso, l’Opera dei Pupi e La Commedia dell’Arte, e sugli sviluppi del metodo Grasso che si inserisce a pieno titolo nella ricerca dell’attore nei primi del ‘900 (Stanislavskij, Mejerchol’d, Graig): L’attore biomeccanico, l’esperienza di Mejerchol’d, condotto dall’attore russo Gennadi Nikolaevic Bogdanov; La recitazione dei pupi siciliani, incontri diretti da Fiorenzo Napoli, della compagnia di Pupi Fratelli Napol; La commedia dell'arte, diretto da Ferruccio Merisi e Claudia Contin. Scuola Sperimentale dell'Attore di Pordenone. Il tessuto dello spettacolo prende spunto dalla vita e dalle opere messe in scena dall’attore catanese e dal fenomeno che ha rappresentato il suo arrivo sulle scene internazionali, cercando di focalizzare l’attenzione sul rapporto tra tradizione e innovazione e su come la tradizione costituisca un’ossatura fondamentale per accedere all’innovazione.In un’epoca in cui per i giovani è difficile ritrovare dei valori basilari, la tradizione rappresenta quell’ancora di salvezza che riesce a portare alla realizzazione di nuove tematiche ed esperienze.La vita di Giovanni Grasso rappresenta in qualche modo questo percorso e mostra una necessità di comunicazione che riesce a travolgere con la sua forza schemi e gabbie intellettuali. I protagonisti dello spettacolo sono dei giovani che fanno proprie queste tematiche e che cercano delle risposte efficaci ad un periodo storico che offre pochi appigli alle emozioni. L’emozione, la tragicità, la morte e, perché no, l’amore e i sentimenti che un teatro popolare rappresenta possono essere il motore di un rinnovamento necessario in questo complicato momento storico.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 13 luglio 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Ecco il bando per il nuovo direttore dello Stabile di Catania

Già annunciato, il Cda del Teatro Stabile di Catania, presieduto da Carlo Saggio, ha indetto il bando per trovare il nuovo direttore dell’ente. Candidature e curricula dovranno essere inviati via pec entro del 18 del 15 novembre. E' richiesto un progetto triennale che deve far mantenere all'ente la qualifica di “Teatro di rilevante interesse culturale”

Il Centro Zo porta Daniel Pennac in scena a Catania

Lo spettacolo con lo scrittore francese fa parte della 12esima edizione della rassegna di teatro contemporaneo Altrescene che da ottobre a maggio propone 16 spettacoli

Moni Ovadia passa il testimone del Regina Margherita ad Aldo Rapè

Presentata la stagione 2017/2018 del teatro comunale nisseno firmata per il terzo anno consecutivo dallo strepitoso interprete della cultura yiddish che si è congedato da Caltanissetta a conclusione del suo incarico triennale, proponendo come suo successo l'attore e regista nisseno, che vanta un'esperienza internazionale

Lo Stabile di Catania in cerca d'autore si affida a Michele Placido

L'attore e regista pugliese firma i pirandelliani "Sei personaggi" con cui l'ente teatrale etneo apre il 17 ottobre la stagione della speranza. Sarà lui il deus ex machina per il rilancio dopo la fase dell'abisso? Sarà lui il prossimo direttore artistico? Placido nicchia ma non dice no. Tra una settimana il bando che potrebbe incoronare nuovamente Orazio Torrisi

Con l'Inda il modello Siracusa
è pronto a varcare le frontiere

Presentata a Roma la stagione 2018 di rappresentazioni classiche. Il commissario Pier Francesco Pinelli parte dai 140 mila spettatori del 2017 e annuncia una tournée in Grecia. Il direttore artistico Roberto Andò punta su Emma Dante per "Eracle" di Euripide, Yannis Kokkos per "Edipo a Colono" di Sofocle, e Giampiero Solari per la commedia "I Cavalieri" di Aristofane

Il Ditirammu chiude. Elisa e Giovanni Parrinello: «Così voleva papà Vito»

L'annuncio dei figli del compianto Vito Parrinello, fondatore del teatrino palermitano, alla fine della rassegna "Il Baglio di Vito" e consegnato ad un lettera-testamento letta al pubblico: «Così papà Vito aveva lasciato scritto, l'1 ottobre si chiude. E noi spegniamo le luci, non possiamo reggere i costi. Nella Palermo capitale dei giovani, i giovani se ne vanno». Il Comune offre spazi ai Cantieri culturali alla Zisa