Il seme ritrovato, avventure libresche per giovani lettori

Eventi Il 19 marzo alla Biblioteca Comunale “Vincenzo Bellini” di Catania la festa della lettura e della scrittura animata dai ragazzi del progetto ScorriBande. L'iniziativa, coordinata dall’associazione “Le città inVisibili – Ricerca e produzione di attività espressive”, partirà dalla presentazione della fiaba originale “Il seme perduto” (edito da Splen edizioni) che è nata dal progetto

Trenta ragazzi per una grande banda. Saranno loro, i ragazzi del progetto ScorriBANDE, avventure libresche per giovani lettori ad animare la Festa della lettura e della scrittura dal titolo Il seme ritrovato. Una festa itinerante e modulare che si svolgerà sabato 19 marzo, a partire dalle 16 nelle sale interne e nel giardino della Biblioteca Comunale “Vincenzo Bellini” via Passo Gravina 19/Via Spagnolo 17 a Catania e che sarà, appunto, guidata dai giovanissimi studenti tra gli 8 e gli 11 anni provenienti dalle classi quarta, quinta della Primaria e prima della secondaria.
Ad aprire il pomeriggio – coordinato dall’associazione “Le città inVisibili – Ricerca e produzione di attività espressive” con la direzione artistica di Mario Giuffrida – sarà, proprio alle 16 la presentazione della fiaba originale “Il seme perduto” (edito da Splen edizioni) che è nata dal progetto. Alla presentazione parteciperà l’assessora alla Cultura del Comune di Catania, Barbara Mirabella. Seguiranno poi i tanti giochi e le attività pensate per i partecipanti: Caccia al libro, TaN GrAM, Dammi tre parole, Fiabe in Gioco, Memory book, ScorriBANDE teatrali!, I Leggistorie, Il mischiastorie, Indovina chi?


I laboratori sono progettati, realizzati e condotti dalla Banda della Biblioteca composta dai piccoli e le piccole Ambra Amara, Alessandro Bilotta, Mila Bonanno, Cloe Borgia, Rachele Campo, Giovanni Ciatto, Domenico Di Bella, Crisleine Faranda, Leonardo Fiorista, Mattia Garaffa, Lavinia La Rosa, Francesco Mirabella, Tancredi Mosconi, Violante Mosconi, Elsa Ragusa, Anita Vinci.
L’accoglienza e l’animazione di alcuni dei laboratori, invece, sono curate dai giovanissimi Lorenzo Amoroso, Alessandra Aruta, Sarah Balsamo, Sofia Bannò, Alessandro Caristia, Danilo De Francisci, Elisa De Pasquale, Katia Di Marca, Aurora Grasso, Ginevra La Spina, Simone Musmeci, Chiara Passaro, Andreea Daiana Preda, Serena Lucia Randazzo, Enrico Villari, in rappresentanza delle Bande di via Salemi.

I ragazzi di ScorriBande al lavoro

«Il progetto ScorriBANDE – spiega Mario Giuffrida – nasce nell’ambito del Bando “Città che legge 2019 – Progetto “Leggo, Racconto, Scrivo” Finanziato dal CEPELL – Centro per il libro e la lettura. Il percorso si è snodato tra ottobre e dicembre 2021 con quattro laboratori di lettura e scrittura finalizzati alla realizzazione di una fiaba originale. Sono stati coinvolti circa sessanta ragazzi provenienti da tre prime classi della scuola media dell’I.C. ”S. Giuffrida” all’interno dello stesso istituto e circa venti bambini provenienti dalle quarte e quinte di alcune primarie con i laboratori in biblioteca. Siamo davvero felici di aver portato ai ragazzi questa esperienza che culmina in questa originalissima Festa della lettura interamente gestita e “autoprodotta” da questi ragazzi tra gli 8 e gli 11 anni”. E che continua a pulsare tra le pagine del libro Il seme perduto, una fiaba originale “innestata” su “Il racconta Fiabe” di Luigi Capuana in cui “centottanta mani si sono prese cura di novanta cuori dipingendo un fantastico futuro fatto di storie e avventure da condividere con tutti, per affrontare con spirito nuovo la vita di tutti i giorni e le difficoltà che essa comporta, coltivando la pianta dell’Utopia».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.