I 50 anni di “Radio Partinico Libera”, la prima d’Italia voluta da Danilo Dolci

L'Isola e i media Mercoledì 25 marzo Radio 100 passi in collegamento con tante radio del territorio nazionale e con il circuito 100 passi medianetwork ricorderà l'emittente di Partinico voluta da Danilo Dolci, Franco Alasia e Pino Lombardo, e chiusa dopo sole 26 ore

Il 25 marzo 1970 da Partinico, centro della Sicilia occidentale, alle ore 17.30 iniziava la trasmissione della prima radio libera Italiana in FM. E’ Radio Partinico Libera, la “Radio dei poveri cristi” come venne chiamata, una iniziativa rivoluzionaria voluta da Danilo Dolci, con Franco Alasia e Pino Lombardo. La trasmissione proseguì per 26 ore, fino all’arrivo delle Forze dell’Ordine che sequestrarono le apparecchiature e denunciarono i responsabili.

50 anni dopo, il 25 marzo alla stessa ora, Radio 100 passi in collegamento con tante radio su tutto il territorio nazionale e con il circuito 100 passi medianetwork ricorderà quel giorno trasmettendo l’audio originale e un’inedita intervista all’unico superstite di quella radio, Pino Lombardo e Amico Dolci, figlio di Danilo.

Danilo Dolci

L’iniziativa è nata in collaborazione con il liceo delle scienze umane e linguistico Danilo Dolci di Palermo.
La trasmissione sarà rilanciata in contemporanea anche dalle radio del circuito 100passiMedianetwork e da altre emittenti collegate su tutto il territorio nazionale e sul web. La trasmissione a partire dalle 17.30 sarà ascoltabile da sito radio100passi.net , tramite la app scaricabile gratuitamente dagli store, sui social network e da tutte le radio collegate on air e sul web.

All’evento radiofonico avrebbero dovuto partecipare gli studenti del liceo in qualità di conduttori, ma le recenti restrizioni lo hanno impedito. Saranno comunque trasmesse le loro testimonianze.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.