Fund Raising Dinner

Eventi Martedì 4 ottobre a Giarre 40 chef ai fornelli a sostegno della ricerca contro la fibrosi cistica

Martedì 4 ottobre, nella Giornata nazionale del dono, a Radice Pura di Giarre si svolgerà il il Fund Raising Dinner 2: una straordinaria gara di solidarietà che avrà come speciali sostenitori una quarantina di chef dell’associazione Chic Charming Italian Chef, Federazione Italiana Cuochi, Associazione provinciale Cuochi Etnei e i pasticceri Conpait.

Già dal mattino (ore 10, Cantine Alta Mora di Cusumano, contrada Verzella Castiglione di Sicilia – Ct) gli Chic Chef, saranno impegnati una Jam Session unica nel suo genere: il B2B in The Kitchen Tour: produttori e gli chef daranno vita a un divertente confronto, dando libero sfogo alla creatività. I primi si presenteranno con un paniere di primizie del territorio, i secondi improvviseranno un piatto, dimostrando di saper conoscere i prodotti, sperimentarli e proporli attraverso creazioni ed impieghi innovativi.
Nel tardo pomeriggio, a partire dalle 19.30, prenderà il via Fund Raising Dinner 2, la lunga maratona, per una causa che sa di buono “con tutti i sensi”. L’evento nasce da un forte impegno dell’imprenditore Claudio Miceli, con la preziosa collaborazione del professor Giuseppe Magazzù, ordinario di Pediatria del Policlinico Universitario di Messina e pastpresident della Società Italiana Fibrosi Cistica (SIFC), e Liliana Modica presidente della sezione Messina della Lega Italiana Fibrosi Cistica, cui saranno devoluti gli incassi della serata.

Pietro D'Agostino

Pietro D’Agostino

In Sicilia ci sono 500 pazienti affetti da fibrosi cistica, 238 dei quali in cura nel reparto del Centro FC di Messina, il primo in Sicilia nato 25 anni fa. E’ qui che il prossimo gennaio, grazie alle nuove scoperte in laboratorio, potrà essere avviata una sperimentazione di nuove molecole che serviranno, da una parte, a correggere il difetto del cd canale del cloro, e dall’altra saranno potenziatori per un corretto suo funzionamento.
«Una parte dei fondi incassati verrà anche spesa per la campagna di sensibilizzazione alla donazione degli organi perché nella nostra regione il numero dei donatori è purtroppo drammaticamente crollato – ha annunciato la presidente Liliana Modica– il 50 per cento dei pazienti oggi ha già una età adulta, la loro aspettativa di vita è fortemente ridotta, e per loro l’unica speranza resta il trapianto dell’organo».
«Serve fare informazione, così come è necessaria la prevenzione per gli adulti che potrebbe essere portatori sani e non lo sanno – ha aggiunto il professor Magazzù – È possibile effettuare dei test del portatore sano ma al momento è molto costoso, per questo abbiamo sollecitato il ministero della Salute con un documento che contiene le proposte di intervenuto per noi più urgenti».

A “riscaldare” il palato e il cuore ci penserà la squadra stellata degli chef, capitanati dal direttore nazionale dell’associazione Raffaele Geminiani, dalla stella Michelin Pietro D’Agostino, rappresentante per la Sicilia CHIC CHEF, e Seby Sorbello, presidente APCE e presidente FIC Promotion, con il contributo anche dei pasticceri della CON.PA.IT che gratuitamente si sfideranno ai fornelli in suggestivi cooking show.
E con gli chef impegnati in cucina, toccherà ad altri far metter mani al portafogli dei tanti sostenitori che vorranno aderire all’iniziativa. Al mattatore Ruggero Sardo il compito di scandire i momenti più salienti, battere all’asta quadri, accessori, capi d’abbigliamento e servizi messi a disposizione dagli sponsor. Con lo stesso spirito solidaristico, parteciperanno alle serata, l’artista Laura Calafiore, la prima fast painter d’Italia che regalerà uno spettacolo pittorico-musicale unico nel suo genere, e l’attore Gino Astorina che in fatto di doni se ne intende: con l’ironia e la sagacia che lo contraddistinguono, non farà lesinare risate e generosità. Sono una cinquantina i produttori, i fornitori e gli albergatori che hanno dato il loro contributo.Tra gli chef che hanno aderito: Pietro D’Agostino, patron de “La Capinera” di Taormina, Seby Sorbello, “Sabir Gourmanderie” di Zafferana Etnea, Lino Scarallo, di “Palazzo Petrucci” a Napoli; Paolo Barrale del “Marennà” a Sorbo Serpico (Av); Angelo Sabatelli del “Ristorante Angelo Sabatelli” a Monopoli (Ba); Beppe Bonsignore de “L’Oste e il Sacrestano” a Licata (Ag); Accursio Capraro dell’ “Accursio Restaurant” a Modica (RG); Vincenzo Mannino e Giuseppe Pappalardo di Villa Ester a Palermo, Roberto Pirelli del “Vi.Di” a Noto (Sr), Giuseppe Raciti dello “Zash Country Boutique Hotel” a Riposto (CT); Massimo Mantarro del San Domenico Palace di Taormina, Tony lo Coco “I Pupi” di Bagheria, Simone Strano Palazzo Montemartini di Roma, Giovanni Cappello, pasticceria Cappello Palermo, Alfio Visalli “Blu Lac academy” di Acireale, Salvo Vicari, Ristorante Vicari Noto, (Sr) Marco Baglieri, Il Crocifisso di Noto, SR; Francesco Patti, ristorante “Coria” di Caltagirone, Ct; Dario Di Liberto de “Tocco Sicilian Ways”; Ninni Radicini de “Locanda Gulfi” a Chiaramonte Gulf, Rg; Giuseppe Torrisi, “Talè” di Piedimonte Etneo,Ct; Luca Giannone del “Galù” di Scicli, Rg; Elia Russo hotel Villa Neri a Linguaglossa, Ct; Angelo Raciti, agriturismo “Fossa Lupo” Aci Sant’Antonio, CT; Andrea Macca, del “Donna Carmela” di Riposto, Ct.. E ancora, Orazio Torrisi, Santino Tripoli, Lorenzo Scollo, Mario Failla, Piero La Torre.
Parteciperanno inoltre, docenti e alunni degli istituti alberghieri del territorio, “Giovanni Falcone” di Giarre, “Karol Wojtyla” di Catania, “Salvatore Pugliatti” di Taormina ed “Enrico Medi” di Randazzo.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.