FestiWall, Ragusa diventa città della street art

Arte Dal 21 al 27 settembre la zona del sud della città iblea sarà affidata a cinque protagonisti italiani delle arti di strada

Ha preso definitivamente il via la macchina di FestiWall. Frutto di un lavoro ininterrotto svolto durante i mesi estivi, il
programma del festival di street art patrocinato dal Comune di Ragusa ha preso la sua forma concreta: è delle ultime ore la
comunicazione ufficiale, diramata via social dagli stessi soggetti organizzatori dell’evento, Extempora e S/Oggetti negativi, dei
nomi dei cinque artisti che arricchiranno il panorama urbano di Ragusa Sud tra il 21 e il 27 settembre.
Ecco, dunque, i cinque che guideranno questa chiamata alle arti di Ragusa.

FestiWall

Pixel Pancho, street artist di Torino considerato uno dei migliori artisti del circuito e specializzato in grandi murales, la sua
missione è portare in giro per il mondo un nuovo dialogo tra il mondo umano e quello meccanico: un’umanità di metallo che
richiama l’immaginario di un’intera generazione e si configura come una riflessione sull’esistenza tout court.

FestiWall

Moneyless, visual artist milanese, nato e cresciuto nel mondo dei graffiti della metropoli lombarda dei primi anni ’90, il suo stile
è caratterizzato da un forte astrattismo e da una cruda espressività che si riverbera sullo spazio creando seducenti forme
geometriche.

FestiWall

Daniel Eime, classe 1986, attivo da più di dieci anni nell’ambiente dell’arte urbana, è cresciuto da sempre in mezzo ai linguaggi
artistici. E’ con lo stencil che Eime consolida il proprio stile, partendo da una base fotografica dalla quale fa germinare una
nuova composizione con più sezioni della stessa immagine: aggiungiamo a tutto questo una forte componente di realismo e
avrete una nuova oggettività filtrata dal suo sguardo.

FestiWall

Natalia Rak si avvicina alla street art solo un paio d’anni fa ma è già uno dei nomi di punta del circuito: apprezzata per i suoi
vibranti ritratti large-scale e per l’istinto con cui, armata di bombolette, gestisce la scala cromatica dei suoi lavori, alterna alle
operazioni di street art la professione di illustratrice, pittrice e graphic designer.

FestiWall

Millo, classe 1979, si è fatto conoscere nella scena della street art mondiale vincendo nel 2014 la B.Art competition e
aggiudicandosi così la possibilità di dipingere tredici muri nella città di Torino. Roma, Milano, Londra, Parigi e Rio De Janeiro
sono solo alcune delle tante città dove è possibile ammirare i suoi lavori su enormi pareti: opere che si distinguono per la
tessitura di intricate linee su cui campeggiano figure che strizzano l’occhio al mondo dei fumetti.

I cinque artisti realizzeranno altrettante opere di arte pubblica sulle facciate cieche di cinque palazzi della città, pubblici e privati,
nel corso di una lunga festa che darà la sveglia a Ragusa Superiore, richiamando appassionati del genere e turisti.
Collateralmente, la città sarà vissuta tramite laboratori di street art e workshop, musica live e tante altre sorprese che verranno
svelate nel corso dei prossimi giorni.
Primo dei grandi eventi che animeranno il festival è il live della storica formazione hip hop romana Colle der Fomento,
accompagnata per l’occasione dal duo Soulcè & Teddy Nuvolari, che apriranno il concerto in pizza San Giovanni la sera del 25.
Il festival è patrocinato dal Comune di Ragusa, per altre info consultare il sito http://festiwall.it.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.