Etnafjord

Eventi Il quartetto vocale Kraja e il trio siciliano Oi Dipinoi insieme per I-Art a Misterbianco, Selinunte, Ragusa e Catania

Oi Dipinoi

Oi Dipinoi

Tra il mar Baltico e il Mediterraneo. Un percorso suggestivo tra le sonorità delle due opposte sponde dell’Europa è “Etnafjord” la produzione originale dell’associazione culturale Darshan per il Festival I-Art che martedì 14 luglio debutta a Misterbianco (ore 22, Chiostro della Biblioteca Concetto Marchesi) per poi fare tappa a Marinella di Selinunte (15/07, ore 22), Ragusa (Castello di Donnafugata 16/07, ore 22) e concludere a Catania, nella corte del Castello Ursino il 17 luglio (ore 21).

Kraja

Kraja

«Si tratta di una produzione originale – spiega Mario Gulisano (Darshan) – che nasce dall’incontro di due realtà di mare apparentemente lontane fra loro, dalle falde dell’Etna ai fiordi scandinavi. Una collaborazione fra il quartetto vocale Kraja, formato da quattro cantanti svedesi note in campo internazionale, e il trio siciliano Oi Dipnoi, artefice di un intrigante rielaborazione della tradizione siciliana in chiave contemporanea ma tendenzialmente strumentale. Una inedita combinazione di polifonia vocale in lingua svedese sorretta dall’intreccio armonico intessuto da organetto, contrabbasso e percussioni. Il risultato sarà una miscela di sonorità originali e innovative che proietteranno la Sicilia nella scena del folk contemporaneo internazionale».
Per Etnafjord suoneranno insieme le svedesi Lisa Lestander, Frida Johansson, Eva Lestander, Linnea Nilsson cui è affidata la parte vocale della partitura, e i siciliani – Valerio Cairone (organetto, zampogna, violoncello), Marco Carnemolla (contrabbasso, voce) e Mario Gulisano (tamburello, cajon, marranzano, dumbek, voce) cui è affidata l’impalcatura strumentale del progetto musicale Etnafjord.

Tutti i concerti sono gratuiti. In caso di spazi chiusi l’ingresso degli spettatori è consentito fino a esaurimento dei posti disponibili.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.