Con Fabrizio Pulvirenti “Sintonie Simetine” va on line ma da fine giugno torna il pubblico

Eventi I dialoghi culturali condotti dal giornalista Salvo Fallica, con il nuovo ciclo di iniziative on line - ospite il noto medico-infettivologo e scrittore - è ripartita con migliaia di visualizzazioni. E' già nella seconda metà di giugno sono previsti degli eventi con la partecipazione del pubblico nel cortile della biblioteca di Paternò, nel pieno rispetto del distanziamento sociale e delle normative in merito

A Paternò “Sintonie Simetine. Dialoghi ai piedi dell’Etna” con il nuovo ciclo di iniziative culturali on line è ripartita con migliaia di visualizzazioni. E’ già nella seconda metà di giugno sono previsti degli eventi con la partecipazione del pubblico, nel pieno rispetto del distanziamento sociale e delle normative in merito. Mentre molte manifestazioni culturali purtroppo vengono annullate in Sicilia e nel resto d’Italia, a Paternò la cultura viene posta fra le priorità e si è lavorato in preparazione della ripartenza grazie alla disponibilità di diversi intellettuali. I dibattiti con il pubblico previsti per la seconda metà di giugno saranno possibili perché l’8 giugno in Sicilia ripartirà la congressistica e la convegnistica. A Paternò gli eventi con il pubblico saranno comunque realizzati all’aperto nel cortile della biblioteca.

Riguardo il primo evento post-lockdown è stato un successo. Il dibattito on line con il noto medico-infettivologo e scrittore Fabrizio Pulvirenti – su temi di grande attualità – ha avuto migliaia di visualizzazioni sulle diverse piattaforme multimediali in cui è stato pubblicato. Il dibattito è visibile nella pagina Facebook ufficiale del Comune di Paternò.

La cultura che riparte lanciando idee concrete. E con volontà di aiuto alla collettività. Prestigiosi protagonisti della scienza, della medicina, dell’economia, esponenti del mondo sociale e culturale, aiutano ed aiuteranno con idee concrete la comunità nella fase della ripartenza. I dibattiti sono condotti dal giornalista Salvo Fallica, coordinatore culturale di “Sintonie Simetine. Dialoghi ai piedi dell’Etna”, manifestazione organizzata dal Comune di Paternò. Dato che molti cittadini hanno chiesto e chiedono alle istituzioni notizie sulle fasi della ripartenza e sul futuro, si è pensato di ripartire proprio dalle esigenze poste dall’opinione pubblica. Il dibattito con Pulvirenti è stato incentrato su come contrastare il Coronavirus, su come prevenirlo ora e nei prossimi mesi, nei luoghi di lavoro e nella vita quotidiana. Proprio per questi motivi il primo evento online della ripartenza di “Sintonie Simetine. Dialoghi ai piedi dell’Etna” è stato realizzato con un autorevole medico-infettivologo, scrittore e divulgatore. Si tratta di Fabrizio Pulvirenti, esperto di logistica sanitaria applicata ai vari settori, noto anche per essere sopravvissuto all’Ebola che contrasse durante una missione umanitaria in Sierra Leone.

Al dibattito in videoconferenza coordinato e condotto da Salvo Fallica, con protagonista il medico Fabrizio Pulvirenti, ha partecipato il sindaco di Paternò Nino Naso. Il dialogo partendo dall’attualità ha spaziato su diversi aspetti: dal contrasto al Coronavirus alle misure per la complessa fase della ripartenza. Fabrizio Pulvirenti nel dialogo ha spiegato cos’è il Coronavirus, perché è così contagioso. Si è soffermato sulle differenze fra quello che è accaduto in Lombardia e quello che è accaduto in Sicilia. E con notevole capacità dialettica ha delineato quali sono le misure più adeguate ed efficaci, sul piano della prevenzione del Coronavirus, nel mondo del lavoro: ad esempio nei piccoli negozi, nei servizi alla persona ma anche in aziende più grandi.
Fra i prestigiosi protagonisti del mondo culturale che hanno dato la loro disponibilità per il prossimo dibattito on line di “Sintonie Simetine. Dialoghi ai piedi dell’Etna” vi è il grande studioso di letteratura, scrittore, opinionista, Antonio Di Grado.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.