Con 13 nuove installazioni nascono i belvedere dell’anima di Fiumara d’arte

Premi e bandi Il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina, nell’ambito del progetto di ricerca FISR “La rifunzionalizzazione del contemporaneo” ha pubblicato il bando per la realizzazione di 13 installazioni temporanee artistiche (5 di artisti e designer junior, e 8 senior) all’interno del parco “Fiumara d’Arte” creato da Antonio Presti

Il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina, nell’ambito del progetto di ricerca FISR “La rifunzionalizzazione del contemporaneo” ha pubblicato il bando per la realizzazione di 13 installazioni temporanee artistiche all’interno del parco “Fiumara d’Arte”.  Il bando riguarda opere di design ambientale e della luce per la rigenerazione del museo a cielo aperto voluto dal mecenate Antonio Presti. Sono previste due sottosezioni, una (junior) aperta ad artisti, architetti e designer under 40, l’altra (senior) per maestri artisti, architetti e designer già affermati.

Antonio Presti

Le opere saranno realizzate e collocate temporaneamente nelle aree circostanti alle sculture monumentali appartenenti al museo d’arte contemporanea Fiumara d’Arte denominate “Monumento ad un Poeta Morto” di Tano Festa, “La Materia Poteva non Esserci” di Pietro Consagra, “Piramide – 38° Parallelo” di Mauro Staccioli, “Energia Mediterranea” di Antonio Di Palma, “Stanza di Barca d’Oro” di Hidetoshi Nagasawa, “Una curva gettata alle spalle del tempo” di Paolo Schiavocampo, “Labirinto di Arianna” di Italo Lanfredini, “Arethusa” di Piero Dorazio e Graziano Marini, “La via della Bellezza” di 40 artisti ceramisti.

Monumento per un poeta morto di Tano Festa

«Sono molto felice di intraprendere questo cammino di creatività con l’Università di Messina – dichiara l’artista e mecenate Antonio Presti –. In questo momento di emergenza e di depressione culturale, la nascita di queste nuove opere innesterà una nuova manifestazione di bellezza, una grande occasione di creatività aperta a tutte le arti, un’occasione di rigenerazione con lo sguardo al futuro, la possibilità di offrire anche questa grande opportunità di partecipazione e di educazione specialmente ai giovani artisti e architetti under 40. Le installazioni temporanee in continuità spirituale e fisica con le opere già esistenti creeranno dei belvedere dell’anima. Come in un viaggio le opere avranno una natura dinamica e di futuro in altri luoghi della Sicilia, luoghi incantati, sacri, come la grande madre Etna.  Questo cammino tra i “Belvedere dell’anima” consegnerà una nuova Visione”.

La materia poteva non esserci di Pietro Consagra

Il bando di concorso si articola in tre distinte sezioni tematiche: sculture ambientali; design paesaggistico; lighting design. Il numero di opere da realizzare è di 13  (numero 5 artisti under 40,  numero 8 artisti senior). Le opere dovranno avere un carattere monumentale (15-20 metri). Le opere saranno installate negli spazi adiacenti alle opere del museo a cielo aperto Fiumara d’Arte in un percorso rigenerato di bellezza rappresentato da diverse espressioni artistiche. Per “Lighting Design” s’intendono installazioni di luce monumentali (opere d’arte con linguaggio della luce, illuminazioni notturne di luce, proiezioni di immagini fotografiche, installazioni multimediali interattive). In un secondo momento, la Fondazione deciderà, in accordo con l’Università di Messina, dove e come spostare le opere in altri luoghi. Tutte le opere devono essere progettate con materiali compatibili a rimanere all’aperto ed avere caratteristiche di staticità strutturali.

Labirinto di Arianna di Italo Lanfredini

Gli artisti dovranno proporre i materiali più idonei (legno, paglia, ferro, acciaio corten, pietra, marmi, argilla, terracotta, materiali di riciclo, etc.). E’ opportuno che l’artista effettui un idoneo sopralluogo per prendere visione dell’area e dello spazio dove troverà collocazione l’opera d’arte. Per la realizzazione delle opere si dovranno rispettare le norme tecniche vigenti, con particolare riferimento alle disposizioni del Regolamento Urbanistico. Il budget totale previsto per scultura/installazione sarà dai 40 ai 50 mila euro ed includerà il compenso dell’artista e il costo dei materiali utilizzati. L’artista beneficiario è tenuto a presentare la rendicontazione delle spese sostenute unitamente a tutta la documentazione richiesta nelle tempistiche previste dal bando.

Una curva gettata alle spalle del tempo di Paolo Schiavocampo

Al concorso possono partecipare artisti, architetti e designer (italiani e stranieri) in due sottosezioni: junior (under 40) e senior (maestri già affermati)

Il bando è disponibile all’indirizzo: https://www.unime.it/it/dipartimenti/dicam/bando-di-concorso-opere-d%E2%80%99arte-di-design-urbano-ambientale-e-della-luce-la-0
La scadenza della presentazione della domanda è l’11 marzo 2021, alle ore 13. Info alla mail antoniopresti@fondazionefiumaradarte.org  e al telefono 349.2231802.

La piramide 38mo parallelo di Mauro Staccioli

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.