Cefalù: il sindaco ha incontrato il leader del Club Med perché il villaggio di Cefalù diventi polo del turismo di lusso

Il Sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, accompagnato dall’imprenditore Alberto Barranco, ha incontrato in una villa della cittadina normanna, Henri Giscard D’estaing, Chairman and Chief Executive della società Club Med. Il Leader della storica società che gestisce villaggi vacanza in tutto il mondo ha confermato il massimo impegno della società, anche attraverso il contributo del nuovo consorzio di investitori, guidato dalla società cinese Fosun, a realizzare in tempi brevi un investimento di circa 75 milioni di euro per fare del villaggio di Cefalù uno dei principali poli del turismo di lusso.

Il Sindaco di Cefalù, manifestando apprezzamento per la decisione, ha confermato il massimo impegno dell’Amministrazione per favorire la veloce conclusione dell’iter di approvazione del progetto, facendosi tramite, ancora una volta, presso la Regione siciliana per superare definitivamente gli ultimi ostacoli che impediscono l’avvio dei lavori. A tale scopo il Sindaco ha contattato telefonicamente il Presidente della Regione, Rosario Crocetta, ringraziandolo per la sensibilità che già in passato ha dimostrato consentendo il superamento di alcuni ostacoli burocratici e facendo rilevare, allo stesso tempo, che ad oltre un anno di distanza l’iter per l’autorizzazione all’avvio dei lavori, da parte della Regione, non si è ancora concluso.

Il Presidente della Regione, intervenuto telefonicamente, ha assicurato il massimo impegno per consentire l’avvio di un’opera importante per lo sviluppo del turismo siciliano. Il Leader del Club Med Henri Giscard D’estaing e il Sindaco di Cefalù hanno concordato anche un incontro, a breve, con i rappresentanti del consorzio Gaillon Invest II guidato dal gruppo cinese Fosun, che dovrà investire le risorse economiche per la realizzazione del nuovo club cinque tridenti di Cefalù.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.