AstraZeneca sospeso per gli under 60 in Sicilia

Omnibus I due eventi non sono collegati ma il caso vuole che alla notizia della morte della giovanissima Camilla Canepa a Sestri Levante si somma quella della sospensione "immediata" e "in via cautelativa" delle somministrazioni di vaccino AstraZeneca agli under 60 in Sicilia. La direttiva è di Mario La Rocca, dirigente generale del Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico della Regione siciliana

I due eventi non sono collegati ma il caso vuole che alla notizia della morte della giovanissima Camilla Canepa a Sestri Levante si somma quella della sospensione “immediata” e “in via cautelativa” delle somministrazioni di vaccino AstraZeneca agli under 60 in Sicilia. La direttiva porta la firma di Mario La Rocca, dirigente generale ad interim del Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico della Regione siciliana che comunica la novità ai manager delle aziende sanitarie siciliane e ai commissari Covid di Palermo, Catania e Messina. Causa della  sospensione mirata del vaccino anglo-olandese agli under 60 “alla luce delle recenti notizie di stampa – come scrive il manager della sanità siciliana – relative alle posizioni assunte dal presidente del Comitato tecnico scientifico in riferimento al bilancio rischi/benefici circa la somministrazione del vaccino Vaxzevria ai soggetti di età inferiore ai 60 anni e in attesa di un pronunciamento ufficiale da parte dell’organo”. Le seconde dosi di vaccino AstraZeneca sono possibili anche se già si ascoltano opinioni contrarie – si è già espressa in tal senso la professoressa Antonella Viola in diretta a “Otto e mezzo” di Lilli Gruber – sull’opportunità di proseguire con il vaccino anglo-svedese per gli under 60.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.