venerdì 14 dicembre 2018

venerdì 14 dicembre 2018

MENU

Aldo Rapè: «Porto il teatro di Caltanissetta "in altro mare"»

Teatro

Il nuovo direttore artistico del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta ha presentato la stagione 2018/2019. Oltre 40 appuntamenti in calendario fino al 20 giugno che spaziano dalla prosa alla commedia, dal teatro internazionale alla danza, con occhio attento alle produzioni del territorio. Il via il 10 dicembre con Amandra Sandrelli in "La locandiera"


di Redazione SicilyMag

Una stagione teatrale con il vento in poppa trasforma il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta in una grande imbarcazione che solca i mari della cultura in modo trasversale. E’ una stagione affidata ai grandi venti, il Maestrale e il Libeccio anzitutto, quella impaginata dal nuovo direttore artistico, l’attore e regista (anche cinematografico) nisseno Aldo Rapè: oltre 40 appuntamenti in calendario, dal 10 dicembre al 20 giugno che spaziano dalla prosa alla commedia, dal teatro internazionale alla danza, fino alla musica, con un occhio attento alle produzioni del territorio nisseno.
«La stagione teatrale del Comune di Caltanissetta, riparte con un direttore artistico di caratura internazionale – dice il sindaco Giovanni Ruvolo -. Aldo Rapè essendo un nisseno potrà esprimere tutte le potenzialità del sistema culturale della città. Sarà una stagione teatrale innovativa, diffusa, capace di coinvolgere non solo le compagnie locali ma anche diversi attori protagonisti della scena artistica, a partire dall'istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini. Sono fiducioso del fatto che l'impegno di questi anni consoliderà la stagione del teatro comunale Regina Margherita di Caltanissetta come uno degli appuntamenti artistici e culturali più seguiti nel panorama siciliano».

Il direttore artistico Aldo Rapè

Sulla nave-teatro del Regina Margherita quest’anno ci sono tutti, per una stagione di ampio respiro che Aldo Rapè che ha voluto intitolare In AltRo Mare. Una stagione che si apre alla città, perché il teatro sia di tutti e per tutti.
«“Cominciare e ricominciare il viaggio. Sempre” per dirla con le parole dello scrittore portoghese, e Nobel per la letteratura, José Saramago – dice Aldo Rapè -. Un teatro che viaggia, un teatro forte della sua identità ma sempre in alto mare, nomade, diverso, senza frontiere. Un teatro che accoglie, che ascolta i venti del confronto, le onde e le maree della modernità che giungono da altri luoghi. Attori e spettatori, tutti eguali e stranieri, tutti nella stessa barca, in movimento, scomodi, erranti. Un teatro che nell’errare non ha paura di sbagliare. Un teatro dell’uomo e per l’umanità dell’uomo. Un teatro vivo. Per una nuova stagione ricca di venti e di approdi. La nostra rotta ed il nostro viaggio sarà battuto da due venti, il Maestrale, il maestro dei venti che porta l’inverno, e il Libeccio, il vento africo del Mediterraneo, tempestoso e potente, che porta sconvolgimenti ma infine cieli sempre sereni».
E saranno proprio il Maestrale e il Libeccio le due tipologie di abbonamento previste per la Stagione 2018_2019
a cui si aggiungono tantissimi altri appuntamenti della sezione Approdi, fuori abbonamento, la Stagione concertistica organizzata in sinergia con l’Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta e alcuni laboratori di teatro e danza aperti alla città.

IN ALTRO MARE -MAESTRALE
E’ il cartellone principale di In AltRo Mare che consta di 11 appuntamenti, dal 10 dicembre al 5 maggio. Il via il 10 dicembre con un grande classico, “La locandiera” di Carlo Goldoni, considerato un autentico capolavoro del teatro di tutti i tempi, nell’adattamento Francesco Niccolini. In scena, diretti da Paolo Valerio e lo stesso Francesco Niccolini, l’amatissima Amanda Sandrelli con Alex Cendron, Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci.
Si prosegue il 16 dicembre con la compagnia svizzera Interface, una tra le compagnie di teatro danza più longeve e più riconosciute al mondo, che arriva a Caltanissetta dopo una tournée internazionale con “Vive la Vie”, uno spettacolo potente che inneggia alla vita ed alle sue continue trasformazioni. Un viaggio attraverso i linguaggi del teatro danza, del circo e della musica che attraverserà un secolo di scoperte scientifiche e cambiamenti nel nostro stile di vita.
Il 13 gennaio
sarà la volta di “Ridiculosa Commedia”, il pluripremiato spettacolo di commedia dell’arte de I Nuovi Scalzi (“Migliore produzione 2015” alFestival Internazionale di Teatro di Mont-Laurier -Canada; “Migliore recitazione” Doit2015 Festival-Roma; “Migliore produzione, Migliore attrice protagonista e miglior secondo attore” all’International Theatre Festival for Youth Sharm El Sheikh – Egitto;“Migliore spettacolo” al XIV Festival Internazionale di Teatro ProContra – Polonia). Uno spettacolo emozionante e comico, fresco e dinamico con cui la compagnia pugliese I Nuovi Scalzi ha conquistato il pubblico internazionale grazie alla loro capacità di giocare dentro e fuori la scena in un ritmo incalzante di avvenimenti, lazzi, musiche dal vivo, suoni, poesia e bravura attoriale. Il puro gioco del teatro.

Ridiculosa Commedia

Il 24 gennaio andrà in scena “Frame”, spettacolo che si ispira all'universo pittorico di Edward Hopper, di Cantieri Koreja: una novella visiva, senza trama e senza finale, per dirla come Cechov, una porta semiaperta per un istante su una casa sconosciuta e subito richiusa.
L’1 febbraio arriva al Teatro Regina Margherita
uno spettacolo di Teatri Uniti di Napoli (il laboratorio permanente per la produzione e lo studio dell'arte scenica contemporanea fondato da Mario Martone, Toni Servillo e il compianto Antonio Neiwiller), che portano a Caltanissetta quattro formidabili attori in un’esilarante commedia che ricorda Aristofane, Eduardo e Woody Allen, i Soprano e la Commedia dell’Arte, Quevedo e l’Avanspettacolo, Totò e Godot, e che attinge alle radici stesse del teatro popolare napoletano e ai Maestri della Farsa: Enrico Ianniello, Tony Laudadio, Andrea Renzi e Luciano Saltarelli in “New Magic People Show”. A dieci anni dal suo debutto torna in scena il feroce e colorito avanspettacolo pop, in una nuova versione che mescola l’opera buffa e il dramma, fatto di ridicoli mostri drogati dal sogno del denaro, di prigionieri illusi di essere liberi, di gaudenti che hanno seppellito la passione e l’amore: un nuovo capitolo del tragicomico romanzo teatrale dell’Italia malata di questi ultimi anni. Lo spettacolo sarà preceduto – giovedì 31 gennaio, ingresso gratuito - dalla proiezione del documentario “Il Teatro al lavoro” di Massimiliano Pacifico con Toni Servillo e Petra Valentini, prodotto da Teatri Uniti mcon Rai Cinema e Kio Film.
Il 17 febbraio sarà la volta di Pamela Villloresi interprete di “Il canto di Shakespeare”, spettacolo di teatro-canzone che la vedrà in scena con l’esemble Musica Antiqua Latina diretta da Giordano Antonelli e con il tenore Andrès Montilla Acurero, mentre il 28 febbraio sarà proposto “Proprietà e atto”, testo inedito del drammaturgo americano Will Eno, portato in scena per la prima volta in Italia da Francesco Mandelli con la regia di Leonardo Lidi.
Il 18 marzo
arriva a teatro la Compagnia De Filippo con “Questi Fantasmi!” una delle commedie più importanti di Eduardo, tra le prime ad essere rappresentata all’estero che ha raccolto unanimi consensi in tutte le sue diverse edizioni: un successo assoluto ascrivibile allo straordinario meccanismo di un testo che, nel perfetto equilibrio tra comico e tragico, propone uno dei temi centrali della drammaturgia eduardiana: quello della vita messa fra parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera imposta agli uomini dalle circostanze.

Questi Fantasmi! della Compagnia De Filippo

Il 28 marzo sarà messa in scena una storia d’amore che si sviluppa ai tavolini di un bar, tra calcio, meravigliosi brani musicali e ricerca della felicità tra senso di solitudine, rassegnazione e sconfitta. E’ “La guerra di Ruggine” dell’autore e regista nisseno Antonello Capodici (scritto a quattro mani con Aldo Giordano, che firma anche le musiche originali) che sarà in scena con Vincenzo Volo, Ilenia Maccarrone e i musicisti Aldo Giordano (pianoforte), Peppe Sferrazza (basso elettrico), Patrizia Capizzi (voce, chitarra e percussioni) e Salvo Montante (batteria).

Il 16 aprile il Teatro Regina Margherita sarà protagonista di un grande evento, ospiterà infatti il nuovo progetto dei Fratelli Mancuso, pensato e realizzato per la stagione nissena all’interno della settimana dei riti sacri della Santa Pasqua. Si tratta di “Per aver in vita troppi pesi portato”, spettacolo che prende spunto nel titolo da un verso di Livia Chandra Candiani e dà un senso profondo alla poetica musicale di questo concerto: cioè di un canto che è urlo e sommessa religiosa preghiera di chi inciampa nelle storture del mondo. Il 5 maggio, infine, sarà la compagnia siciliana Carullo Minasi, tra le più interessanti nel panorama teatrale contemporaneo, a concludere il cartellone Maestrale con il pluripremiato “Due Passi Sono” (Premio Scenario per Ustica 2011; Premio In-Box 2012; Premio Internazionale Teatro Pomodoro 2013).

Il duo Carullo Minasi

IN ALTRO MARE -LIBECCIO
E’ una selezione di sei degli undici spettacoli di Maestrale, con spettacoli dedicati ai nuovi linguaggi, e che compongono un abbonamento a parte: 16 dicembre, “Vive la Vie” della compagnia svizzera Interface; 13 gennaio, “Ridiculosa Commedia” de I Nuovi Scalzi; 24 gennaio “Frame” di Cantieri Koreja; 28 febbraio, “Proprietà e atto” di Will Eno con Francesco Mandelli; 28 marzo “La guerra di Ruggine”, di e con Antonello Capodici; 5 maggio “Due Passi Sono” di e con Carullo Minasi.

APPRODI – GRECALE
Il vento di Grecale, un vento freddo e asciutto ma che porta bel tempo, fa approdare la nave-teatro Regina Margherita all’Isola delle Femmine al centro della quale c’è la donna che, con coraggio, combatte e si batte per un cielo sempre più sereno. Due spettacoli fuori abbonamento, il 9 e il 10 marzo, che si svolgeranno uno al Centro Michele Abbate (Ex Macello) e uno al Regina Margherita. Si inizia il 9 marzo al centro Michele Abbate con “Finalmente sola”, pluripremiato spettacolo di e con Paola Giglio (Premio Anima e Corpo del Personaggio Femminile, Ass. Candoni, 2015; ‘Premio MaldiPalco 2016, Teatro Tangram, Torino; Menzione speciale Premio Giovane Scena delle Donne, Sesto al Reghena;‘Miglior Attrice Protagonista e Miglior Allestimento Premio Nazionale Città di Leonforte 2018), che affronta il tema dell’amore e, soprattutto, delle relazioni pericolose travestite d’amore.Il 10 marzo, invece, al Teatro Regina Margherita sarà la volta di “Mafia Pride” di Salvo Giorgio con la regia di Giampaolo Romania, uno spettacolo tutto al femminile che offre con ironia una chiave di lettura a fatti che hanno indelebilmente sporcato la Storia.

Una scena di La guerra di Ruggine

APPRODI – LEVANTE
Il vento di Levante, che soffia con leggera intensità ma è capace di portare pioggia e tempeste, porta la nave teatro Regina Margherita a un altro approdo, quello più interessante, l’Isola Centro. E’ l’isola delle realtà che lavorano a Caltanissetta da sempre, sperimentando e dialogando con il territorio, alcune volte nell’anonimato. E’ l’approdo che sa di ripartenza e burrasca, capacità di stravolgere e stupire. E’ l’approdo che sa di “casa”. Fanno parte di questa sezione sei spettacoli fuori abbonamento, che si snoderanno dal 17 gennaio al 31 marzo. Si inizia con “La donna scheletro”, teatro danza della compagnia Ccu i Pedi di fora realizzato in residenza, tratto dal libro “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estè con i performer Josephine Giadone, Fara Romano e Bruno Sari, e con Michele Albano. Il 23 febbraio il Laboratorio teatrale C.G.S D. Bosco di San Cataldo propone “Il Berretto a Sonagli” di Luigi Pirandello di cui firma adattamento e regia Angelo Iacona, mentre il 3 marzo sarà la volta di “Miniere. La Storia e l’Amore” dell’Associazione Culturale Arte Cinema e Altro: una nuova produzione sulla memoria e le tradizioni della città di Caltanissetta, il mondo minerario come mai rappresentato sino ad ora, scritta da Gianni Amico e diretta da Tony Gangitano. Il 15 marzo il Piccolo Teatro Stabile di Sommatino propone “La cena dei cretini”, la commedia brillante di Francis Veber, adattamento e regia Giovanni Gagliano, mentre il 31 marzo la Compagnia Il Sipario di Caltanissetta porterà in scena “Mio marito aspetta un figlio” commedia di Mimmo Venditti di cui firma adattamento e regia Massimo Pacetto. Ultimo spettacolo di questa sezione è “My name in… 877!” di Officine Teatro, dramma di e con Michele Celeste, che affronta la vicenda umana del poeta e pittore afgano Arian Sadiq, numero di matricola 877, che è stato posto anche sulla sua lapide.

APPRODI – SCIROCCO
Il vento di Scirocco, il vento del sud che danzando e suonando porta caldo, ci porta fino all’Isola Magica, un approdo che per tre giorni l’arte i trasformerà in luogo magico, di incontro e ricerca. Tre appuntamenti che si svolgeranno dal 5 al 7 aprile negli spazi del centro Michele Abbate, che includono musica e danza. Si inizia il 5 aprile con il concerto di Davide Campisi, percussionista e cantautore ennese, che presenta a Caltanissetta il suo ultimo disco “Democratica”, progetto attraverso il quale l’artista racconta il vivere contemporaneo tra ironia e ritmo, il risultato di un percorso di sperimentazione che parte dalla volontà di tracciare un legame tra l’identità profonda del proprio essere e l’apertura al mondo circostante. Le vibrazioni del tamburo da una parte, a scandire la certezza di un’appartenenza, e le progressioni rock dall’altra, come apertura a nuove forme di libertà espressiva. Il 6 aprile ancora musica con “Assolo” di Marco Vinicio Carnicelli, Maestro di chitarra classica e latina di origini nisseni, oggi noto a livello internazionale per la sua capacità di trasmettere vitalità sfruttando l’eloquenza di toni silenziosi. Il 7 aprile, infine, sarà proposto “Clown” lo spettacolo di danza e mimo ideato dalla coreografa Giovanna Velardi che sarà in scena con il danzatore Giuseppe Muscarello. Uno spettacolo onirico, poetico, romantico e divertente. Uno spettacolo per tutti, adatto anche ai bambini; una danza a due con il tentativo di riuscire a fare emergere un clown danzante.

Il musicista Davide Campisi

EVENTI SPECIALI
Si tratta di tre omaggi a Caltanissetta, alle sue arti e ai suoi artisti. Tre appuntamenti che toccano teatro, cinema e musica, nelle sue eccellenze. Il primo non poteva che essere un omaggio a Pier Maria Rosso di San Secondo, il Dante Alighieri di Caltanissetta, con la messa in scena l’11 gennaio (ingresso libero) di “La Bella addormentata in Rosso”, una rilettura del famoso testo di Rosso di San Secondo a quasi cento anni dalla sua messa in scena (5 agosto 1919, teatro Olimpia di Milano) e dalla sua pubblicazione, Laura Tedesco (che firma l’adattamento) e Rosario Tedesco (che firma la regia).Il 14 febbraio la sala del Teatro Regina Margherita si trasformerà per una sera in cinema per un omaggio alla memoria della città con la proiezione in prima nazionale di “U Chiantu” (ingresso libero), documentario di Andrea Valentino e Aldo Rapè. Un road movie esilarante e grottesco che attraversa Caltanissetta, Montedoro, Sommatino, Marianopoli, San Cataldo, Delia, Riesi e Serradifalco per salvare una miniera siciliana che sta piangendo, sta imbarcando acqua e rischia di cancellare definitivamente macchinari e storia, quindi la Memoria di queste terre. Il 17 aprile, infine, il Teatro Regina Margherita ospiterà un evento musicale unico, con tre tra i più affermati cantautori nisseni: Miele, Cesare Livrizzi e Zafarà, che per una sera saranno insieme sul palco per proporre nel live Valige le loro canzoni e le loro storie: storie di amori, viaggi, partenze, approdi e ritorni.

LA STAGIONE CONCERTISTICA
Quattordici concerti di musica classica (vedi calendario per le date), organizzati dall’Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta quest’anno per la prima volta inglobati all’interno della stagione teatrale, completano l’offerta della stagione 2018/2019 del Teatro Regina Margherita.
«Dal 12 gennaio al 20 giugno si alterneranno solisti di fama internazionale – scrive il M° Angelo Licalsi, Direttore dell’ I.S.S.M Vincenzo Bellini e direttore artistico della Stagione Concertistica 2018/2019 - per dar vita a una serie di appuntamenti gratuiti che affiancano e ampliano la vasta offerta formativa che l’Istituto Superiore propone ai propri studenti, nella convinzione che il loro bagaglio culturale possa essere ulteriormentearricchito anche dalla fruizione diretta del repertorio classico eseguito da grandi interpreti della scena europea e internazionale. La Stagione comprende esibizioni molto diversificate che impiegano diversi strumenti musicali e sarà inaugurata dal Trio d’ Ance composto dalle prime parti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Seguiranno i Recital dei Maestri Gorka Hermosa (fisarmonica), Steven Mead (eufonio),Marco Toro (tromba),Giorgio Caoduro (baritono),Marcyn Dilla (chitarra),Andrea Lucchesini (pianoforte), Silvia Careddu(flauto), Silvano Rodi (organo),“I Solisti dei Berliner Philarmoniker” (Marie - Pierre Langlamet e Martin Löhr) e il “Trio di Parma”. Si esibiranno da solisti con l’Orchestra dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” i Maestri Alessandro Milani e Luca Ranieri, rispettivamente 1° Violino spalla e Prima Viola spalla dell’ Orchestra Nazionale della Rai di Torino. Inoltre, la Stagione non trascura la musica contemporanea e le dedica uno spazio con la chitarra di Arturo Tallini nel concerto “Rosso Improvviso” e con i saxofoni di Marie Bernardette Charrier nel concerto “Cluster” (saxofoni ed elettronica) che sarà coadiuvata dall’Ingegnere del suono Christophe Havel. Un doveroso ringraziamento va agli organi di governo dell’Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini, che con il loro prezioso contributo e sostegno ci permettono di realizzare la Stagione Concertistica, e all’Amministrazione Comunale e al direttore artistico Aldo Rapè, per aver contribuito alla realizzazione della Stagione concertistica in una location di prestigio come il Teatro Regina Margherita. Adesso ci auguriamo che i nostri sforzi trovino benevole accoglienza nella nostra Città e non solo: ciò ci consentirà di continuare il nostro impegno per assicurare una serie costante di validi appuntamenti con la “buona musica”».

Il coreografo e danzatore Giuseppe Muscarello

LABORATORI
Tra le attività collaterali alla stagione teatrale sono stati organizzati alcuni laboratori per una formazione continua ed un avvicinamento al teatro come forma di comunicazione, confronto e conoscenza. Il centro culturale Michele Abbate di Caltanissetta diviene così il cuore pulsante di alti momenti formativi perché un territorio che si dedica al teatro e alla scuola, è un territorio che attraverso la cultura si conosce e si confronta.

Laboratorio Commedia dell’Arte – I Nuovi Scalzi
Il laboratorio si concentra sulla base fondamentale necessaria per attivare il codice espressivo delle maschere, al fine di riportare in vita i personaggi della Commedia dell'Arte, nobile tradizione inventata dagli attori italiani nel corso del XVI secolo che si diffuse in tutta Europa fino in Russia. L'incontro con la maschera ha qualcosa di magico, perché si attivano energie di amplificazione e trasformazione che richiedono la ricettività del corpo.

Laboratorio Book Hospital – Liber Theatrum
Curarsi con i libri liberamente ispirato al libro di Ella Berthoud e Susan Elderkin. Un laboratorio teatrale sui testi dello spettacolo per una successiva messa in scena in un luogo aperto ancora tutto da definire. Un workshop volutamente in itinere come itinerante sarà lo spettacolo finale. Costruito ad hoc, gli spettatori saranno da subito immersi in un'atmosfera surreale, in cui confrontare e condividere le proprie malattie e dipendenze, le immancabili paranoie, i propri disagi dell'anima e non solo, cercando e trovando nei libri i rimedi letterari per ogni tipo di malanno.

Masterclass di danza con Giuseppe Muscarello
La danza in una giornata dedicata ai clown, poeti danzanti. Il laboratorio è rivolto a tutti coloro che scelgono il movimento “creativo” come supporto per la propria formazione professionale, attraverso la valutazione delle potenzialità e delle peculiarità espressive individuali. Gli argomenti trattati saranno: studio di tecniche corporee di base, lavoro a terra, stimolo della propria creatività, improvvisazione, consapevolezza dello spazio e relazione con esso, relazione tra parola e movimento.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 novembre 2018
Aggiornato il 04 dicembre 2018 alle 15:58





TI POTREBBE INTERESSARE

Da chiesa a teatro
Chiaramonte Gulfi punta sulla cultura

Il comune ibleo inaugura il 7 dicembre il nuovo Teatro comunale Leonardo Sciascia realizzato negli spazi dell'ex Chiesa di San Francesco. La direzione artistica è stata affidata a Mario Incudine: sei gli spettacoli in cartellone fino al 6 aprile, si parte con "Filippo Mancuso e Don Lollò" di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale con Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina

Calbi: «Siracusa sarà la capitale internazionale del teatro antico»

Il nuovo Sovrintendente dell'Istituto nazionale del dramma antico, durante l'inaugurazione della sede ristrutturata dell'Accademia d'arte del dramma antico, mette in chiaro le linee guida del suo progetto per l'Inda

Una Stagione a 4 Stelle, si va avanti nel nome di Gilberto Idonea

Ci sono legami talmente forti che neanche la morte può spezzare, come quello tra un attore e il suo pubblico. Per questo motivo il figlio Alessandro ha annunciato che la stagione impaginata da suo padre si farà comunque «Perché lui avrebbe voluto così. Riaprire il copione su cui già aveva iniziato a lavorare mi è di conforto»

Orazio Torrisi, Teatro della Città: «La vivacità dei privati non è premiata»

Il lavoro svolto tra Brancati e Piccolo ha permesso all'ente teatrale catanese, che ha annunciato i nuovi cartelloni, di diventare Centro di produzione nazionale: «Il Ministero, però, per uno sforzo organizzativo di gran lunga maggiore ci dà solo il 5% di contributi in più. La Regione, poi, dovrebbe dividere più equamente le risorse tra teatri pubblici e privati»

Simone Mannino: «In Sicilia è arrivato il momento di fare una rivoluzione»

L'eclettico artista palermitano, rientrato dalla Turchia dopo il fallito golpe del 2016, porta nella sua città "Hard to be Pinocchio" che debutta in anteprima nazionale sabato 29 settembre. «In questi mesi ho apprezzato il privilegio di vivere in una società che mi permette di muovermi liberamente - dice - ma è il momento di affidare ai giovani la gestione di teatri e musei»

Antonio Calbi è il Sovrintendente dell'Inda di Siracusa

Il Ministro dei Beni culturali ha nominato il manager culturale lucano, attuale direttore del Teatro di Roma - Teatro Nazionale, come nuovo Sovrintendente della Fondazione dell'Istituto nazionale del dramma antico di Sirfacusa. Il cda dell'Inda aveva selezionato tre nomi dal bando dello scorso maggio