Leo Gullotta riapre il sipario del Regina Margherita di Caltanissetta

La Stagione 2021-2022 del teatro comunale nisseno sarà inaugurata da “Minnazza” spettacolo firmato da Fabio Grossi attraverso cui l’attore catanese fa rivivere alcune delle più belle ed emozionanti pagine della letteratura siciliana

Il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta è pronto a riaprire il sipario. La stagione proposta dall’Amministrazione comunale e impaginata dall’assessora alla cultura Marcella Natale, prende il via giovedì 18 novembre alle ore 21 con uno spettacolo di grande successo che vede in scena l’amatissimo attore catanese Leo Gullotta. La stagione 2021/2022 del Teatro Regina Margherita sarà inaugurata, infatti, da “Minnazza”, spettacolo teatrale di successo attraverso cui rivivono alcune delle pagine più belle ed emozionanti della letteratura siciliana, un racconto che si snoda dalle origini della letteratura dell’isola dei Ciclopi fino ai nostri giorni. Uno spettacolo per voce solista su prose e liriche siciliane, antiche e moderne, che prendendo spunto dall’immagine antica della Madre Terra, “La Grande Madre”, e si snoda come un racconto sonoro: un viaggio tra i Miti e il quotidiano, tra il sorriso e la denuncia civile.
Voce solista sarà quella di Leo Gullotta che frequentando la lingua di contemporanei illustri guiderà il pubblico attraverso le pagine dei capolavori letterari e le righe dei loro componimenti poetici, costruiti drammaturgicamente da Fabio Grossi, che firma anche la regia. La scena è accompagnata dalle musiche originali del maestro Germano Mazzocchetti, suonate dal vivo dai fisarmonicisti Valerio Russo e Andrea Di Giacomo, che aiuteranno a scandire i capitoli di questo viaggio arricchito anche dai video di Mimmo Verdesca.

“Minnazza” è un volo radente sulla letteratura italiana attraverso penne siciliane – Giovanni Meli, Tomasi di Lampedusa, Luigi Pirandello, Pippo Fava, Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta e Andrea Camilleri, solo per citarne alcuni – che prova a stimolare un pensiero critico sulla società moderna, confrontandola con riflessioni di oggi e di ieri. Una considerazione sul coraggio, sia inteso in senso civile che pratico, come attestazione di vita: non semplice, ma degna di essere vissuta. Così autori e protagonisti che con coraggio hanno difeso le loro idee, qua prendono forma attraverso la vocalità e la sonorità di un interprete di schietto atteggiamento e chiari propositi.

Leo Gullotta in “Minnazza”

La stagione 2021/2022 del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta – che quest’anno ha scelto un minor numero di spettacoli, pur mantenendo alto lo standard qualitativo, per integrarsi in modo armonico nella vasta proposta culturale della città – prosegue martedì 14 dicembre con una produzione del Teatro Biondo di Palermo che vedrà in scena una delle più grandi attrici italiane interpretare le parole di un grandissimo autore. Galatea Ranzi sarà la protagonista di “In nome della Madre” di Erri De Luca. Giovedì 3 febbraio l’eclettico Tullio Solenghi, con la sua sapiente ironia e prorompente personalità, si unirà al Trio d’archi di Firenze per portare in scena “Mittente: Wolfgang Amadé Mozart”, mentre venerdì 11 marzo sarà la volta di “Ombre”, nuovo spettacolo di Gaetano Aronica, ancora in attesa di debutto. La drammaturgia, scritta a quattro mani con Adriana Sabbatini, è asciutta, iperrealista, quasi cinematografica.  La storia, portata in scena dallo stesso Aronica con la Compagnia del Teatro Pirandello (Franco Bruno, Emanuele Carlino, Silvia Frenda, Marcella Lattuca, Fabrizio Milano, Viola Provenzano e Nicola Puleo) è quella di un giudice siciliano da una parte e una studentessa in attesa di discutere la tesi dall’altra. Due anime, due storie, due mondi apparentemente distanti che, viaggiando su rette parallele e piani distinti, sembrano non potersi incontrare mai. Firma scene e costumi di questo spettacolo Flavia Cocca, scenografa, costumista e illustratrice nissena, particolarmente attenta all’eco-sostenibilità, che ha già all’attivo prestigiose collaborazioni anche in campo cinematografico.

Mercoledì 30 marzo il matematico e saggista Piergiorgio Odifreddi sarà la voce narrante di “Verso l’infinito”, spettacolo musicale dei violinisti Giovanna Polacco e Carlo De Martini dedicato al geniale Johann Sebastian Bach, mentre giovedì 7 aprile conclude la stagione “Medea” da Jean Anouilh portata in scena dal regista Sebastiano Mancuso con Luana Toscano nel ruolo del titolo e il nisseno Liborio Natali in quello di Giasone.

INFORMAZIONI

È già possibile acquistare l’abbonamento alla Stagione comunale del Teatro Regina Margherita, convenzionato con Carta del Docente e 18app. Biglietteria on line: www.liveticket.it/caltanissetta Informazioni ai numeri 0934.547034 – 3791671142

ABBONAMENTO BIGLIETTI
Platea e
I fila palchi centrali
€. 100,00 €. 20,00
I fila palchi laterali e
II fila palchi centrali
€. 80,00 €. 15,00
II fila palchi laterali €. 60,00 €. 12,00
III fila palchi centrali €. 70,00 €. 13,00
III fila palchi laterali €. 50,00 €. 12,00
Under 25 e over 60: I, II, III fila palchi laterali €. 50,00 /
Cral e Club Service e Associazioni Sconto del 10 % /
Abbonati altre stagioni teatrali o musicali Sconto del 10 % /
Gruppi organizzati di almeno 10 persone Sconto del 10 % /
Invalidi  non autosufficienti Gratuito Gratuito
Studenti Sconto del 50 % /
Famiglie Sconto del 50 % /

Data

18 Nov 2021

Ora

21:00 - 22:30

Maggiori informazioni

Continua a leggere

Luogo

Teatro Regina Margherita Caltanissetta
Caltanissetta Corso Vittorio Emanuele II 1
Categoria
Organizzatore: Comune di Caltanissetta

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.

Commenti

Post: 0