A Catania San Valentino con “La cucina dell’Amore” di Carmelo Chiaramonte

Venerdì 14 febbraio una vera e propria lezione di cucina a teatro con il “Cuciniere errante”: due ore di affabulazione teorica e pratica, dalla cucina dell’innamoramento a quella dei piatti d’amorosi sensi

Cucinare. Per piacere. Per amore. Se c’è una triade di parole indissolubilmente legate, secondo Carmelo Chiaramonte, “il cuciniere errante”, non c’è dubbio che sia questa. E di questa triade mette in scena – nel vero senso della parola – racconti, ricette, ricordi, riflessioni. La scena è quella del Teatro Stabile di Catania e il giorno è quello più indicato e festeggiato dagli amanti: il 14 febbraio, festa di San Valentino.

Nel giorno dell’amore l’Associazione culturale Isola Quassùd presenterà allo Stabile La Cucina dell’Amore, una vera e propria lezione di cucina a teatro. Due ore di affabulazione teorica e pratica, che si dipaneranno – dialogando con 30 testi densi di racconti e storie – dalla cucina dell’innamoramento, quella dei piatti d’amorosi sensi, fino ai rimedi afrodisiaci e agli stimoli gastronomici per la coppia in crisi, parcheggiata oramai sul divano, davanti ad una pizza triste.

«Se la pastasciutta è il piatto più diffuso in Italia», dice Chiaramonte «è pur vero che la frase più masticata fa così: ‘In cucina ci vuole amore e passione’. Perché noi italiani siamo gli unici europei che amano parlare di cibo anche a tavola, specialmente quando le pance sono piene e l’ammazza-caffè è già un ricordo. Ma l’amore ha tanti modi di mostrarsi: fuoco sacro, passione, gentilezza, tatto, compassione, senso del possesso, cura e persino pietà. Ad ogni inclinazione dei nostri sentimenti corrispondono modi di accudire e quindi di cucinare: per gli ammalati, per rallegrare gli amici tristi, per i parenti in lutto, per i propri figli avidi di focacce, per i viandanti indigenti e per i professionisti stressati da 9 ore di ufficio. Poi c’è l’erotismo, gli afrodisiaci, la voluttà. In tanti credono che il cibo porti a letto ma è la cucina, cioè lo spazio di cottura, ad avere il privilegio di essere un luogo duplice: dove ci si cuoce e ci si abbandona all’amore. In camera da letto non ci sono fornelli».

Il cuciniere errante squaderna la matassa delle sue riflessioni, dialogando con il pubblico e muovendosi tra un tavolo da cucina, due fornelli e i 30 libri che invitano esplicitamente ad approfondire ciò che, diversamente, si può apprendere da molti racconti popolari in giro per l’Italia, ma non solo: con lui ci saranno diversi ospiti, tra cui Rita Botto e la Banda di Avola, con due camei musicali bellissimi.
I temi della lezione? Eccoli: Chimica del piacere e ossitocina, Il peccato originale, Adolescenza e appetito da bulldozer, L’amore in casa e la cucina contro l’amore, Il banchetto di consolazione funebre, Food sexy toys, Afrodisiaci e falsi eccitanti, Deodorante o Profumo?, I mangiatori solitari e la solitudine del frigorifero.

Il monologo, composto sulla scia delle performances che hanno già visto spesso Chiaramonte protagonista delle Lezioni di Cucina all’Auditorium Parco della Musica di Roma, diventa naturalmente anche una conversazione intorno al Mediterraneo, tra ricette raccontate e immagini che mostrano quanto siamo circondati da forme di gastronomia voluttuosa, che prenderanno forma nel cooking show del cuoco sul palco.

Data

14 Feb 2020

Ora

21:00 - 23:00

Luogo

Teatro Verga
Catania via Giuseppe Fava 35
Categoria

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.

Commenti

Post: 0