giovedì 15 novembre 2018

giovedì 15 novembre 2018

MENU

A Palermo il summit dei più importanti filosofi del mondo

Pensiero

Il 7 e l'8 settembre sono attesi Anthony Kenny, Gilles Kepel, Dimitri Gutas, Christof Rapp per un confronto sulle filosofie del Mediterraneo


di Redazione SicilyMag

Tra il XII e il XIII secolo, grazie ai Normanni prima e a Federico II di Svevia poi, si realizzò nel Mediterraneo e specialmente in Sicilia, l’incontro della filosofia greca con quella islamica e cristiana. Un confronto senza barriere, dove il dialogo tra le religioni andava di pari passo con quello tra arti e culture. Da lì, proprio da quell'incontro nel Mediterraneo, si sono sviluppati alcuni elementi chiave della cultura e della società occidentale moderna. Palermo Capitale Italiana della Cultura non poteva non stimolare il dibattito: si ritroveranno qui, il 7 e l’8 settembre – preceduti da una Summer School dal 2 al 6 settembre nel Castello di Falconara (Butera – CL) – alcuni tra i più importanti filosofi del mondo, provenienti dall'Europa, dai Paesi anglosassoni e dal Medio Oriente. Si confronteranno attorno a “La metafisica di Aristotele ieri e oggi”, primo meeting di un più ampio progetto, a cadenza annuale, su “Le filosofie del Mediterraneo ieri e oggi”.

Kevin Mulligan

Un incontro che assume inevitabilmente oggi anche un forte valore simbolico di fronte ad una cronaca che narra di presunte civiltà e culture superiori. Promotori e finanziatori dell'iniziativa sono l'Università della Svizzera Italiana di Lugano, insieme all'Università di Lucerna, con il patrocinio di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Il convegno - che si svolgerà tra i nobili palazzi Lanza Tomasi e Sant’Elia, e lo Spasimo di Palermo - è stato ideato da uno dei più noti filosofi al mondo, Kevin Mulligan (ordinario di Filosofia all’Università della Svizzera Italiana di Lugano e professore emerito di Filosofia analitica all’Università di Ginevra) e da Giovanni Ventimiglia (ordinario di Filosofia e prodecano all'Università di Lucerna). L'idea chiave del convegno è dunque duplice: da una parte fare il punto sugli studi relativi all'incontro, unico, realizzatosi alla corte normanna in Sicilia nel XII e XIII secolo fra la filosofia greca, quella musulmana, quella ebraica e quella cristiana; dall'altra mostrare la fecondità della filosofia che si pratica oggi nel Mediterraneo nel più ampio contesto dei dibattiti internazionali.

Christof Rapp

Al convegno parteciperanno alcuni degli storici della filosofia e dei filosofi più importanti: Christof Rapp, dell'Università di Monaco di Baviera, autorità indiscussa a livello internazionale nel campo degli studi aristotelici; Dimitri Gutas dell'Università di Yale, tra i massimi specialisti al mondo del pensiero filosofico musulmano; noti filosofi di orientamento aristotelico come Peter Simons del Trinity College di Dublino, Gyula Klima della Fordham University di New York, Anna Marmodoro delle Università di Oxford e di Durham, Manuel García-Carpintero, dell'Università di Barcelona, Mélika Ouelbani, dell'Università di Tunisi. Saranno presenti a Palermo, Gilles Kepel, professore all'École Normale Supérieure di Parigi, tra i più noti esperti al mondo di Islam contemporaneo; e Sir Anthony Kenny, uno dei massimi filosofi viventi, già presidente della British Academy, della British Library, già vice Rettore dell’Università di Oxford, e preside del Balliol College, 12 lauree honoris causa, più di 40 libri al suo attivo, tra cui la più importante Nuova storia della filosofia occidentale oggi in commercio. Sir Kenny, che ha tenuto la sua ultima conferenza pubblica pochi mesi fa, ha deciso di partecipare comunque alla Summer School a Falconara e al convegno palermitano, da semplice “studente”: un segno inequivocabile dell’interesse che stanno suscitando le giornate di studio siciliane in seno alla comunità filosofica internazionale.

Tra le numerose conferenze si segnalano in particolare – anche per il pubblico di non addetti ai lavori – l’incontro pubblico (in lingua italiana, mentre quasi tutto il convegno si svolgerà in inglese) di Dimitri Gutas, venerdì 7 settembre alle 21 allo Spasimo. Il professor Gutas ha scelto con attenzione il tema della conferenza – “Dal greco all’arabo al latino (le lingue storiche della Sicilia): traduzione e civiltà nell’Occidente (rispetto all’India) medievale” – come anche Gilles Kepel su “Il Mediterraneo oggi” (ancora in italiano) sabato 8 settembre alle 9 a Palazzo sant’Elia.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 03 settembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Elvira Seminara: «Riprendiamoci la "grazia"»

La scrittrice catanese è la rappresentante italiana del "vocabolario europeo" del Festival letterario di Mantova. La parola che ha scelto è "grazia" divulgata il 10 settembre, nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria: «E' l'unico argine contro il becerume intellettuale. Non è una bellezza commerciale, perché è legata allo spirito»

La luce tra fede e scienza, a Catania il "Cortile dei Gentili"

Il 18 e 19 marzo a Catania una nuova tappa del ‘Cortile dei Gentili’: conversazioni e confronti, mostre di pittura e fotografia sul tema della luce, interventi musicali, uno spettacolo teatrale e l’esposizione della preziosa Bibbia del Cavallini

Latouche a Catania per ricordarci le menzogne dell'economia

Il 2 dicembre nell'aula magna della Scuola Superiore di Catania il filosofo e economista parigino fiero sostenitore della "decrescita conviviale" e del "localismo". Tutto l'opposto dello sviluppo sostenibile e della globalizzazione