391° Festino di Santa Rosalia

Eventi Il via questa sera (14 luglio) alle ore 19 con lo svelamento della statua che sarà illuminata con led che la faranno brillare sul carro

391° Festino di Santa Rosalia, il carro - foto Lorenzo Gatto

391° Festino di Santa Rosalia, il carro – foto Lorenzo Gatto

Il Festino inizierà alle 21 sul Piano della Cattedrale con “Rosalia è Palermo”, il lavoro teatrale costruito dal direttore artistico Lollo Franco: la storia della santa spettacolarizzata, tra coreografie, sand art e straordinari videomapping proiettati sulla facciata della Cattedrale che daranno l’impressione di vederla animata ora come un salone della corte normanna, ora come una città assediata dalla peste. Coinvolti otto attori principali e quaranta artisti che racconteranno la Vergine fanciulla che fugge la corte di re Ruggero per ritirarsi in eremitaggio; poi l’arrivo della peste, il ritrovamento delle ossa della santa e la salvezza finale. Ieri sera la prova è stata seguita da oltre 1500 spettatori che hanno salutato alla fine con un lungo applauso il direttore artistico Lollo Franco: a lui è stato riconosciuto l’impegno enorme di costruire un Festino low cost in soli quindici giorni, coinvolgendo soltanto artisti e maestranze palermitane. Sempre ieri il Carro trionfale disegnato da Sergio Pausig – la “nave” degli scorsi anni è stata interamente ricoperta di juta e poi dipinta in oro e blu, con borchie ed elementi decorativi color oro; la statua della Santuzza era ancora coperta ma se ne intuisce il saio da eremita e il lungo manto blu che avvolge la prua del Carro – è stato spostato con una gru dal Piano della Cattedrale all’inizio del Cassaro. Oggi alle 19 la scopertura della Statua: presenti il sindaco Orlando e il cardinale Romeo. La statua sarà illuminata con luci led che la faranno brillare sul Carro.

391° Festino di Santa Rosalia, il dodecaedro - foto Lorenzo Gatto

391° Festino di Santa Rosalia, il dodecaedro – foto Lorenzo Gatto

Finito lo spettacolo, partirà il corteo: davanti al Carro disegnato da Sergio Pausig – che muoverà dal Piano della Cattedrale verso le 22 –, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che avrà al suo fianco l‘Oberbürgermeister di Düsseldorf, Thomas Geisel; quindi verranno gli attori e i danzatori che hanno preso parte alla rappresentazione; gli orchestrali, una rappresentanza di extracomunitari e disabili, le varie confraternite e congregazioni della città, con i loro vessilli. Il Carro, sarà tirato dai giovani del PYC Palermo Youth Centre, dell’UDU Unione degli Universitari, da migranti indicati dalla Consulta delle Culture, da giocatori dello Sharks Palermo Football Americano. Sul carro saliranno i musicisti dei Cialoma: Sebastiano Zizzo (violino), Giuseppe Girgenti (fisarmonica), Raffaele Pullara (mandolino), Sergio Bruno (friscaletto), Michele Piccione (tamburelli), Piero Giovenco (percussioni), Davide Morici (chitarra); il compositore Ruggiero Mascellino, e personaggi simbolici scelti da Lollo Franco per indicare le categorie deboli: bambini, una donna, un anziano, un disoccupato, un disabile, un senzatetto e un detenuto.

391° Festino di Santa Rosalia - foto Lorenzo Gatto

391° Festino di Santa Rosalia – foto Lorenzo Gatto

Il Carro proseguirà per le diverse “stazioni”: ai Quattro Canti salirà il sindaco che offrirà i fiori alla santa al tradizionale grido di Viva Palermo, Viva Santa Rosalia. Qui è previsto un momento di spettacolarizzazione danzato nelle fontane dei Quattro canti. Quindi, percussioni e musica all’incrocio con via Roma, danza a piazza Marina e a Porta Felice, dove si scioglierà il corteo e il pubblico si riverserà sul Foro Italico per assistere ai fuochi d’artificio, previsti per mezzanotte; i giochi pirotecnici sono curati da Giuseppe La Rosa, dureranno mezz’ora e promettono forti emozioni. Le luminarie lungo corso Vittorio Emanuele e l’intero percorso del carro, sono invece un lavoro di Pietro Ribaudo.
Dalle 22, in contemporanea al corteo che si potrà comunque seguire su un grande schermo a led, il Foro Italico ospiterà il concerto. Sul palco, Minutella&Lab Orchestra con guest Lello Analfino; Daria Biancardi con la sua band, performance dei comici Matranga&Minafò. Conducono Beppe Palmigiano ed Eliana Chiavetta.

391° Festino di Santa Rosalia - foto Lorenzo Gatto

391° Festino di Santa Rosalia – foto Lorenzo Gatto

IL PROGRAMMA

ore 18 – Porto di Palermo
Prima esecuzione, Sirene per mare – Sinfonia per grandi navi alla banchina Piave del porto di Palermo. Una sinfonia commissionata per il Festino al compositore americano Alvin Curran; chiude il progetto “Palermo per Kantor”, promosso dall’assessorato comunale alla Cultura, ed è prodotta dalla Fondazione Teatro Massimo in collaborazione con l’Ente Porto. Sette navi da crociera a far da soliste con le loro sirene e decine di barche dei diportisti “rispondere”, proprio come in un’orchestra.

ore 21 – Via al Festino di Santa Rosalia Piano della Cattedrale
ore 22 – il corteo inizia a spostarsi verso i Quattro Canti con un susseguirsi di spettacoli; raggiunge Porta Felice; tappa finale al Foro Italico dove, dalle 22,15, inizia il concerto. Sul palco, Lab Orchestra, guest Lello Analfino; Daria Biancardi e band; performance Matranga&Minafò. Conducono gli speaker di Radio Action.

ore 24 – Fuochi d’artificio
Il 14 e il 15 luglio, la mostra “VIA CRUCIS. La pasión de Cristo” di Botero, in corso a Palazzo Reale (ingresso Piazza Indipendenza), resterà aperta dalle 8,15 alle 21 (ultimo biglietto ore 20,00). Il costo del biglietto, per la sola mostra, sarà di 2€ per tutti. I ragazzi tra 14 e 17 anni e gli studenti in visita didattica pagheranno un biglietto di 1€.

In piazza Bologni una speciale postazione delle Poste Italiane per rilasciare l’annullo speciale con l’immagine stilizzata di Santa Rosalia.

Diretta televisiva del Festino su Trm (canale 13) a partire dalle 21,15. Diretta radiofonica – a partire dalle 20 – a cura di RadioAction

 

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.