lunedì 29 maggio 2017

lunedì 29 maggio 2017

MENU

The Djoon Experience, Favignana come Ibiza

Eventi

A settembre la terza edizione dell'evento house che propone pool party, boat party in tour per le isole Egadi con i migliori dj internazionali, aperitivi al tramonto in riva al mare, live, feste e albe da assaporare in contesti naturali mozzafiato


di Redazione SicilyMag

Un momento di incontro tra la musica soulful house e un pubblico internazionale, in una cornice naturale mozzafiato al termine della stagione estiva. Tutto questo è “The Djoon Experience Favignana”, il festival soulful house nato dalla partnership tra la società trapanese “Making Partners” e il “Djoon Club” di Parigi, etichetta discografica e club tra i più importanti della scena dance globale, che dal 7 all'11 settembre 2017 torna a Favignana per la sua terza edizione

Afshin Assadian, Giusy Montoleone e Francesco Culcasi

Il format, già sperimentato nelle prime due edizioni, interesserà l’intero arco delle giornate: pool party e boat party in tour per le isole Egadi, aperitivi al tramonto in riva al mare e nei locali tipici del centro storico dell’isola, concerti live e feste che accenderanno le notti. Ma ci sarà spazio anche per assaporare l’alba in un contesto naturale mozzafiato attraverso un unico filo conduttore che è lo spirito di armonia con la natura e i meravigliosi paesaggi delle isole Egadi con lo scopo di abbattere le barriere culturali e di unire i popoli attraverso la musica.

Quest’anno, in più, ci sarà una nuova location nella mappa sull’isola. Si tratta del Villaggio “Approdo di Ulisse”, che si affaccia su uno dei due fari di Favignana e guarda l’isola di Marettimo. All’interno si respirerà la club culture nata tra i garage di Chicago e New York nella prima metà degli anni Ottanta. Cultura house a 360° gradi tra incontri, showcase e workshop, pittura, conditi da momenti di relax e sport. Tra gli appuntamenti principali dell’evento i tipici Boat Party, feste a tema in barca in tour per le tre isole al ritmo di musica house che si svolgono durante le ore diurne. A bordo dalla consolle si alterneranno i migliori dj che spazieranno dalla musica house americana “Chicago-Detroit” alle sonorità afro-tribali dei party “Ancestral” fino alla dance culture che celebra il funky e la streetdance, tipo di danza nata tra le strade e i club negli anni ottanta.

Favignana - ph Sicilymag

La scosa edizione sono stati 2.000 i partecipanti residenziali all’edizione dello scorso anno, con un numero di visitatori complessivo stimato in 10.000 persone. Musica e territorio, con l’obiettivo di «destagionalizzare». È il leit motive del festival, il cui promoter in Italia è Francesco Culcasi. «Alle Egadi abbiamo studiato una formula che abbina la buona musica alle bellezze dell’isola – spiega – per far conoscere Cala Rossa o lo stesso ex stabilimento Florio con una formula nuova e attraente a tutti coloro che arriveranno da ogni parte del mondo. Abbiamo pensato a un festival di musica che sia sostenibile con le realtà dell’isola: dall’Area marina protetta, al rispetto dei beni culturali, al decoro urbano. L’obiettivo è quello di allungare la stagione estiva e fare arrivare a settembre flussi turistici soprattutto da Paesi oltre le Alpi». «Come Amministrazione siamo aperti alle collaborazioni di chi alle Egadi vuole promuovere iniziative sostenibili col nostro ambiente» ha detto l’assessore Giusy Montoleone. «La formula del festival attrae moltissimi ragazzi provenienti da tutto il mondo – ha detto il direttore generale di Federturismo, Antonio Barreca – noi sappiamo che questo tipo di offerta in altre parti d’Europa, come Ibiza, attrae moltissimi giovani, porta ricchezza e occupazione. Il mio plauso agli organizzatori e all’Amministrazione comunale che ci ha creduto».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 aprile 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

25 anni dopo Capaci, nel nome di Falcone, Morvillo, Schifani, Montinaro e Dicillo

Numerose le manifestazioni previste per ricordare il sacrificio delle vittime della mafia, nel 25° anniversario della Strage di Capaci, quando alle 17,58 del 23 maggio 1992 un attentato mafioso pose fine alle vicende terrene del giudice Giovanni Falcone, del magistrato Francesca Morvillo, consorte di Falcone, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo

Conoscenza contro potere economico: il contro summit di Antonio Presti

Il mecenate di Fiumara d'Arte organizza dal 25 al 28 maggio, ovvero negli stessi giorni del G7 di Taormina al quale presenzieranno i potenti del pianeta, il summit della poesia tra Savoca, Castiglione di Sicilia, Linguaglossa e il Bosco delle Betulle sull'Etna, al quale parteciperanno 37 tra poeti, intellettuali e scrittori contemporanei, nazionali e internazionali

Il ritorno in Sicilia del Dalai Lama Tenzin Gyatso

Il leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace dal 16 al 18 settembre sarà a Messina e Palermo

Isabel Allende inaugura a Catania la VII edizione di Taobuk

La scrittrice cilena il prossimo 3 giugno riceverà il “Premio Sicilia” al Teatro Massimo Bellini, l'evento (in esclusiva per l'Italia) è l’anteprima del festival letterario che si svolgerà a Taormina dal 24 al 28 giugno

Settimana delle culture, Palermo ponte di dialogo internazionale

Con un'anteprima l'11 maggio, dal 12 al 23 maggio il capoluogo siciliano si apre per due settimane a linguaggi d'arte provenienti da tutto il pianeta. Si chiude il 23 maggio con l'omaggio a Giovanni Falcone e alle vittime della strage di Capaci 25 anni dopo l'attentato mafioso

Mostra, concerto e restauro per il doppio compleanno del Massimo

Quest’anno un doppio anniversario, i 120 dall’inaugurazione (16 maggio) e i 20 dalla riapertura (12 maggio), per il teatro lirico palermitano, il terzo per ordine di grandezza in Europa. L'11 pomeriggio si inaugura la mostra di costumi di scena “Artisti e artigiani di eccellenza”, il 12 è prevista la Seconda Sinfonia di Mahler “Resurrezione”. E tra qualche giorno pariranno i lavori di recupero di due scale storiche, primo di sette interventi totali per un importo di 20 milioni di euro