sabato 23 settembre 2017

sabato 23 settembre 2017

MENU

1

The Djoon Experience, Favignana come Ibiza

Eventi

A settembre la terza edizione dell'evento house che propone pool party, boat party in tour per le isole Egadi con i migliori dj internazionali, aperitivi al tramonto in riva al mare, live, feste e albe da assaporare in contesti naturali mozzafiato


di Redazione SicilyMag

Un momento di incontro tra la musica soulful house e un pubblico internazionale, in una cornice naturale mozzafiato al termine della stagione estiva. Tutto questo è “The Djoon Experience Favignana”, il festival soulful house nato dalla partnership tra la società trapanese “Making Partners” e il “Djoon Club” di Parigi, etichetta discografica e club tra i più importanti della scena dance globale, che dal 7 all'11 settembre 2017 torna a Favignana per la sua terza edizione

Afshin Assadian, Giusy Montoleone e Francesco Culcasi

Il format, già sperimentato nelle prime due edizioni, interesserà l’intero arco delle giornate: pool party e boat party in tour per le isole Egadi, aperitivi al tramonto in riva al mare e nei locali tipici del centro storico dell’isola, concerti live e feste che accenderanno le notti. Ma ci sarà spazio anche per assaporare l’alba in un contesto naturale mozzafiato attraverso un unico filo conduttore che è lo spirito di armonia con la natura e i meravigliosi paesaggi delle isole Egadi con lo scopo di abbattere le barriere culturali e di unire i popoli attraverso la musica.

Quest’anno, in più, ci sarà una nuova location nella mappa sull’isola. Si tratta del Villaggio “Approdo di Ulisse”, che si affaccia su uno dei due fari di Favignana e guarda l’isola di Marettimo. All’interno si respirerà la club culture nata tra i garage di Chicago e New York nella prima metà degli anni Ottanta. Cultura house a 360° gradi tra incontri, showcase e workshop, pittura, conditi da momenti di relax e sport. Tra gli appuntamenti principali dell’evento i tipici Boat Party, feste a tema in barca in tour per le tre isole al ritmo di musica house che si svolgono durante le ore diurne. A bordo dalla consolle si alterneranno i migliori dj che spazieranno dalla musica house americana “Chicago-Detroit” alle sonorità afro-tribali dei party “Ancestral” fino alla dance culture che celebra il funky e la streetdance, tipo di danza nata tra le strade e i club negli anni ottanta.

Favignana - ph Sicilymag

La scosa edizione sono stati 2.000 i partecipanti residenziali all’edizione dello scorso anno, con un numero di visitatori complessivo stimato in 10.000 persone. Musica e territorio, con l’obiettivo di «destagionalizzare». È il leit motive del festival, il cui promoter in Italia è Francesco Culcasi. «Alle Egadi abbiamo studiato una formula che abbina la buona musica alle bellezze dell’isola – spiega – per far conoscere Cala Rossa o lo stesso ex stabilimento Florio con una formula nuova e attraente a tutti coloro che arriveranno da ogni parte del mondo. Abbiamo pensato a un festival di musica che sia sostenibile con le realtà dell’isola: dall’Area marina protetta, al rispetto dei beni culturali, al decoro urbano. L’obiettivo è quello di allungare la stagione estiva e fare arrivare a settembre flussi turistici soprattutto da Paesi oltre le Alpi». «Come Amministrazione siamo aperti alle collaborazioni di chi alle Egadi vuole promuovere iniziative sostenibili col nostro ambiente» ha detto l’assessore Giusy Montoleone. «La formula del festival attrae moltissimi ragazzi provenienti da tutto il mondo – ha detto il direttore generale di Federturismo, Antonio Barreca – noi sappiamo che questo tipo di offerta in altre parti d’Europa, come Ibiza, attrae moltissimi giovani, porta ricchezza e occupazione. Il mio plauso agli organizzatori e all’Amministrazione comunale che ci ha creduto».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 aprile 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Letterature migranti, 50 rilessioni per capire il Contemporaneo

Torna a Palermo dal 4 all'8 ottobre il festival, diretto da Davide Camarrone, che vuole raccontare - tra libri, musica e arti visive - le migrazioni come condizione ordinaria, e non più straordinaria, della vita dei popoli. Camarrone: «100 incontri per 50 libri di 50 autori, non tutti ancora in vita, che giudichiamo essenziali alla comprensione del Contemporaneo»

Le vie dei tesori 2017, l'itinerario contemporaneo di Palermo

Una caccia al tesoro alla scoperta dell’arte contemporanea, rintracciando passo dopo passo i luoghi che la custodiscono e la propongono al pubblico

Le vie dei tesori 2017, i siti da scoprire

I ventuno siti da scoprire a Palermo e sette siti nelle altre quattro città - Agrigento, Messina, Caltanissetta e Siracusa -, dell'edizione di quest'anno

Non solo Palermo, con Le vie dei tesori la Sicilia si mette in mostra

Nei weekend del 15-17 e del 22-24 settembre, iI festival, arrivato all'undicesima edizione, si allarga dal capoluogo siciliano a Agrigento, Caltanissetta, Messina e Siracusa, prima di dedicare 5 week end, tra 29 settembre ed il 29 ottobre, alla futura Capitale italiana della Cultura 2018. Il ministro Franceschini: «Valorizza il patrimonio di bellezze storico artistiche diffuse sul territorio siciliano

Catania si tinge di mille colori con Ursino Buskers

Dal 14 al 17 settembre il centro storico della città etnea sarà animato dagli oltre 50 artisti del Festival internazionale di arti di strada organizzato dall'Associazione Gammazita. Tra le novità di questa edizione la partecipazione dei “CaraA’s free spirits”, un collettivo artistico ospite del Centro di accoglienza di Mineo

La grande festa per i 20 anni del Cous Cous Fest

Dal 15 al 24 settembre a San Vito Lo Capo si festeggia con i big della musica italiana e internazionale, grandi chef, giornalisti e ospiti prestigiosi all'insegna del gusto, della pace e dell'integrazione