Melvil Poupaud al Sicilia Queer filmfest

Melvil Poupaud

Melvil Poupaud

Comincia a svelare le prime carte il Sicilia Queer filmfest giunto alla quinta edizione, che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo dal 25 al 31 maggio 2015. Tra gli ospiti di punta viene annunciata la presenza dell’attore e regista francese Melvil Poupaud, protagonista di film come Laurence Anyways di Xavier Dolan e Le temps qui reste di François Ozon, nonché uno dei più importanti attori francesi che ha lavorato con registi come Eric Rohmer, James Ivory, Lana e Andy Wachowski, Jean-Jacques Annaud e che rivedremo presto sugli schermi a fianco di Brad Pitt e Angelina Jolie in By the Sea, il primo film diretto dall’attrice hollywoodiana. Poupaud ha esordito a dieci anni nel film La ville des pirates di Raúl Ruiz, ed è proprio a Ruiz che il festival dedicherà un piccolo omaggio ricordando il regista cileno a quattro anni dalla scomparsa, nella sezione di storia del cinema Carte postale à Serge Daney, intitolata al grande critico dei Cahiers du cinéma, di Libération e fondatore di Trafic.

 

«Poupaud è un cine-figlio, è nato nel cinema e rappresenta per noi un anello di congiunzione tra l’anima popolare del cinema e quella cinefila, due dimensioni che ci piace tenere strettamente legate – commenta il direttore artistico Andrea Inzerillo -. Avremo l’occasione rarissima di presentare tra l’altro alcuni dei suoi film più underground, esplorando ancora una volta tutta l’estensione di un concetto come quello di queer nella sua accezione più ampia, che da sempre caratterizza il lavoro del nostro festival».

Dopo Roberta Torre, Stefano Savona, Vincent Dieutre e Paul Vecchiali, il trailer della manifestazione sarà realizzato quest’anno dal regista Arnold Pasquier, che si ispirerà al mondo della danza coinvolgendo quattro protagonisti del Tanztheater Wuppertal-Pina Bausch: Damiano Ottavio Bigi, Clémentine Deluy, Pascal Merighi, Thusnelda Mercy.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.