Le Terme Achilliane di Catania si illuminano di nuova luce… a led

Video Predisposto un nuovo impianto di illuminazione non invasivo e a basso impatto ambientale nel monumento sotterraneo di epoca romana, che da oggi si potrà visitare grazie a un'app

Le strutture dell’impianto termale, costruito nel II secolo d.C. e posizionato proprio sotto piazza Duomo, a Catania, da oggi si potranno visitare grazie ad un nuovo impianto di illuminazione non invasiva a basso impatto ambientale sviluppato con tecnologie led di ultima generazione. La nuova illuminazione, curata e diretta da Marzia Paladino con la collaborazione del team di ricercatori e tecnici dell’Ibam, è stata inserita fra gli eventi dell’International Year of Light and Light-based Technologies 2015, un’iniziativa sostenuta dall’Unesco. Attraverso lo studio degli angoli di emissione della luce, della distanza, dei flussi e dell’intensità luminosa, è stato possibile ottenere una corretta percezione dei colori e dei contrasti cromatici. La precisione dei led utilizzati permette di distinguere in modo più chiaro anche le diverse stratificazioni nella costruzione dell’edificio e permette di creare, tra giochi e alternanze di ombre, ambienti dal diverso impatto emotivo.

Alle Terme Achilliane è stata dedicata anche una nuova app che, coniugando rigore scientifico e capacità comunicative, offre una nuova esperienza di visita del monumento consentendo di esplorarne ogni angolo, grazie alle tecniche tipiche dell’archeologia immersiva. L’app (in italiano e in inglese) per IPhone, Ipad e Smartphone, è già disponibile su Google play oppure scaricabile dal sito www.cataniaarcheologica.it.

Il progetto è stato portato avanti dal Cnr e dall’Ibam di Catania in sinergia con il Comune di Catania e la Sovrintendenza ai Beni culturali

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.