mercoledì 17 luglio 2019

mercoledì 17 luglio 2019

MENU

Il Parco di Selinunte tra nuove scoperte e possibili restauri

Sicilia antica

L'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha annunciato un'azione di recupero sul Tempio G grazie al supporto economico di un mecenate durante un convegno nel quale i geomorfologi dell'Università di Camerino presentavano i primi risultati delle loro ricerche, tra cui delle probabili vasche sotto il Tempio M


di Redazione SicilyMag

Durante il convegno "Valorizzazione e tutela dai rischi geologici della polis di Selinunte" che si è tenuto al parco archeologico di Selinunte, l'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha annunciato che entro marzo, grazie al supporto di un probabile mecenate privato con cui è personalmente in contatto, potrebbe iniziare un’azione di recupero del Tempio G di Selinunte, le cui colonne potrebbero essere nuovamente messe in piedi entro 7 mesi dall’inizio dei lavori.

Il Tempio C del Parco archeologico di Selinunte

L’annuncio durante il convegno nel quale sono stati presentati i risultati del primo anno di ricerca che i geomorfologi dell'Università di Camerino stanno compiendo sul sito, e che nei giorni scorsi hanno annunciato un incredibile ritrovamento. Grazie all’utilizzo di una termocamera i geologi hanno rilevato sul terreno dell'area archeologica di Selinunte delle anomalie, verosimilmente delle strutture che dal Tempio M scendono verso il porto, risalenti a circa 2700 anni fa. Potrebbe trattarsi, secondo quanto annunciato da Fabio Pallotta, geoarcheologo consulente dell'Università di Camerino del Parco Archeologico di Selinunte, di un susseguirsi di templi e di vasche colme di acqua sorgiva che ruscellava verso il mare africano per offrire prezioso ristoro ai viaggiatori di confine.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 18 gennaio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

«La torre ottagonale di Enna? Fu costruita dai Siculi, non da Federico»

La prima "imbeccata" risale al 1979, ma solo dopo vent'anni di ricerche l'ennese con la passione per l'inchiesta storica è riuscito a trovare ciò che cercava, e a pubblicare anche un libro in cui sostiene, documenti alla mano, che la Torre ennese, ritenuta medievale, sarebbe in realtà un osservatorio astronomico-geodetico costruito dai Siculi

Nuovo vincolo della Regione su Casa Cuseni, a Taormina

La raccolta libraria della sede del Museo delle Belle Arti entra nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione siciliana. Parallelamente il Castello di Donnafugata si prepara a far parte dell'Ecomuseo di Ragusa. Entrambe le dimore fanno parte della rete nazionale Case delle Memorie

A Palermo tornano a "ruggire" i leoni del Palazzo Reale

Presentate le due statue marmoree del XII secolo che, dopo il restauro, dal 14 febbraio sono esposte nella sala di Re Ruggero

Ponti sul Simeto, millenni di storia nel culto dell'acqua

Leggere i territori attraverso le infrastrutture antiche. Nel periodo romano c'è stata la prima regolamentazione delle acque delle sorgenti della Valle del Simeto che sono state incanalate in acquedotti e convogliate in stabilimenti termali. Il più importante acquedotto della Sicilia romana nel periodo imperiale, conduceva l'acqua da Santa Maria di Licodia a Catania

Uscibene, un pezzo di storia palermitana alla mercé dell'abusivismo

Nonostante sia un bene vincolato dalla Soprintendenza, il complesso monumentale del capoluogo siciliano, risultato di una stratificazione plurisecolare che probabilmente inizia nel periodo romano e vede i migliori risultati con la cultura musulmana, dopo aver vissuto varie fasi di abbandono e di restauro è stato abbandonato al degrado di oggi

L'Oro di Atlantide è in mostra a Gela

Al Museo archeologico regionale la Soprintendenza del Mare presenta i reperti subacquei recuperati durante le campagne di indagine, tra cui i lingotti che facevano parte di un prezioso carico e due elmi corinzi