venerdì 19 ottobre 2018

venerdì 19 ottobre 2018

MENU

Il Parco di Selinunte tra nuove scoperte e possibili restauri

Archeologia

L'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha annunciato un'azione di recupero sul Tempio G grazie al supporto economico di un mecenate durante un convegno nel quale i geomorfologi dell'Università di Camerino presentavano i primi risultati delle loro ricerche, tra cui delle probabili vasche sotto il Tempio M


di Redazione SicilyMag

Durante il convegno "Valorizzazione e tutela dai rischi geologici della polis di Selinunte" che si è tenuto al parco archeologico di Selinunte, l'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha annunciato che entro marzo, grazie al supporto di un probabile mecenate privato con cui è personalmente in contatto, potrebbe iniziare un’azione di recupero del Tempio G di Selinunte, le cui colonne potrebbero essere nuovamente messe in piedi entro 7 mesi dall’inizio dei lavori.

Il Tempio C del Parco archeologico di Selinunte

L’annuncio durante il convegno nel quale sono stati presentati i risultati del primo anno di ricerca che i geomorfologi dell'Università di Camerino stanno compiendo sul sito, e che nei giorni scorsi hanno annunciato un incredibile ritrovamento. Grazie all’utilizzo di una termocamera i geologi hanno rilevato sul terreno dell'area archeologica di Selinunte delle anomalie, verosimilmente delle strutture che dal Tempio M scendono verso il porto, risalenti a circa 2700 anni fa. Potrebbe trattarsi, secondo quanto annunciato da Fabio Pallotta, geoarcheologo consulente dell'Università di Camerino del Parco Archeologico di Selinunte, di un susseguirsi di templi e di vasche colme di acqua sorgiva che ruscellava verso il mare africano per offrire prezioso ristoro ai viaggiatori di confine.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 18 gennaio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

L'Oro di Atlantide è in mostra a Gela

Al Museo archeologico regionale la Soprintendenza del Mare presenta i reperti subacquei recuperati durante le campagne di indagine, tra cui i lingotti che facevano parte di un prezioso carico e due elmi corinzi

La Villa Romana del Casale risplende
grazie a una partnership pubblico-privato

Grazie a un accordo tra l’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana e il Sicilia Outlet Village nei prossimi mesi partirà il progetto di restauro e valorizzazione del sito di Piazza Armerina

Puglisi: «Nessun sito siciliano rischia l'esclusione dall'Unesco»

Il presidente emerito della Commissione nazionale italiana per l'Unesco, oggi rettore della università Kore di Enna, è categorico: «Purtroppo questo unicum non è adeguatamente valorizzato ma nessun sito rischia». E sui punti di debolezza dei nostri siti: Tranne qualche eccezione, vedi le aree di Palermo e Catania, non vi sono politiche culturali adeguate»

Sentinelle dell'arte, quando l'archeologia sposa la legalità

L’iniziativa è promossa dalla Soprintendenza ai beni culturali di Siracusa con i Carabinieri del nucleo tutela patrimonio artistico della Sicilia che coinvolge alcune scuole superiori aretusee. Fino al 30 aprile alla Sala Caravaggio in esposizione cento reperti recuperati dai Carabinieri nel corso di operazioni portate a termine in Sicilia negli ultimi 50 anni

Tornerà in Sicilia il Barbablù restituito dal Getty Museum

Dopo gli accordi del 2010, ancora una importante restituzione all'Italia da parte del museo californiano. Il 29 tornerà la testa del dio Ade trafugato alla fine degli Anni 70 nei pressi del Santuario extraurbano di San Francesco Bisconti a Morgantina

Ad Amsterdam una mostra sul patrimonio subacqueo siciliano

L'Allard Pierson Museum dell’Università di Amsterdam ospiterà, dall'8 ottobre al 17 aprile, la mostra "Mirabilia maris/Sicily and the sea” dedicata alle testimonianze storico-archeologiche subacquee provenienti dai fondali siciliani. Sebastiano Tusa: «Il silenzio della Regione è stato assordante»