venerdì 20 settembre 2019

venerdì 20 settembre 2019

MENU

La piuma bianca

Alex vs Cristo

Blog

Alex Honnold, a 33 anni, sotto l'occhio mediatico di una telecamera, ha scalato un'alta parete rocciosa senza corde né chiodi. Cristo, a 33 anni, è salito sul Cavario con la Croce addosso. Con un diverso senso della vita e della morte


di Sergio Mangiameli

Alex Honnold ha 33 anni, quanti ne aveva Cristo. Il primo ha da poco tentato un’impresa che mai nessun uomo aveva fatto. Il secondo pure. Alex ha scalato 900 metri di parete di El Captain, una montagna, senza corde e senza chiodi, libero. Cristo ha percorso alcuni chilometri di salita a un’altra montagna, il Calvario, con una croce addosso, condannato. Alex vuole lasciare un’impronta unica, un esempio di impavidità, un sorso di potere della concentrazione, un calice di bravura estrema, insomma: la morte si sfida e si vince, per dare un senso alla vita. Cristo, lassù in cima, ha trovato i chiodi per le sue mani e i suoi piedi, e ha sfidato la vita, per dare un senso alla sua morte. Chissà chi sarebbe stato il suo amico filmaker, a riprendere ogni istante di sua assoluta concentrazione, perché c’è stato un amico professionista di Alex, che ha filmato la storica impresa. Ora ne hanno fatto un video, “Free Solo”, attualmente nelle sale negli USA e verrà trasmesso da National Geographic in Italia a primavera. Ossia, nelle case di tutti. Cioè, come esempio spettacolare per tutti. Per non dare valore alla vita, e nemmeno rispetto alla morte. E Cristo? Non l’ha ripreso nessuno.

Alex Hannold scala El Captain (foto di Jimmy Chin)

http://www.nationalgeographic.it/dal-giornale/2018/11/13/news/quando_un_amico_sfida_la_morte-4189304/

https://www.youtube.com/watch?v=FRGF77fBAeM



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 novembre 2018




Sergio Mangiameli

Il senso di appartenenza, come ostinato segnavia, con l’ambiente naturale. Sono presente su Facebook


ULTIMI POST

Un'idea vera e antica

Chi vuol vivere bene, deve conservare gli affetti più profondi. Verità profusa da una donna forte dei suoi 95 anni che vale anche per l'invicibile silenzio della foresta vetusta della Val Cervara, in Abruzzo. La foresta accetta la morte dell’albero, come rifugio per la vita degli altri

Forse una storia d'estate

Il mare guarda e accoglie tutto. Anche il mio ultimo gesto di raccontarmi un’intuizione estiva, inventare la sua storia, cercando come sempre lo scandaglio nuovo per il brivido finale di sorprendermi ancora. Ed emozionare ancora

Il confine non esiste

Il nano Dotto è andato via, ha abbandonato i suoi sei compagni dalla scrivania di Annamaria, la veterinaria. E' andato da don Ugo per suggerirgli un discorso funebre che si chiude con queste parole: «La pace sta nel sentire gli altri che ci sono e ci sono stati esattamente come parte di noi stessi