giovedì 21 febbraio 2019

giovedì 21 febbraio 2019

MENU

La piuma bianca

Alex vs Cristo

Blog

Alex Honnold, a 33 anni, sotto l'occhio mediatico di una telecamera, ha scalato un'alta parete rocciosa senza corde né chiodi. Cristo, a 33 anni, è salito sul Cavario con la Croce addosso. Con un diverso senso della vita e della morte


di Sergio Mangiameli

Alex Honnold ha 33 anni, quanti ne aveva Cristo. Il primo ha da poco tentato un’impresa che mai nessun uomo aveva fatto. Il secondo pure. Alex ha scalato 900 metri di parete di El Captain, una montagna, senza corde e senza chiodi, libero. Cristo ha percorso alcuni chilometri di salita a un’altra montagna, il Calvario, con una croce addosso, condannato. Alex vuole lasciare un’impronta unica, un esempio di impavidità, un sorso di potere della concentrazione, un calice di bravura estrema, insomma: la morte si sfida e si vince, per dare un senso alla vita. Cristo, lassù in cima, ha trovato i chiodi per le sue mani e i suoi piedi, e ha sfidato la vita, per dare un senso alla sua morte. Chissà chi sarebbe stato il suo amico filmaker, a riprendere ogni istante di sua assoluta concentrazione, perché c’è stato un amico professionista di Alex, che ha filmato la storica impresa. Ora ne hanno fatto un video, “Free Solo”, attualmente nelle sale negli USA e verrà trasmesso da National Geographic in Italia a primavera. Ossia, nelle case di tutti. Cioè, come esempio spettacolare per tutti. Per non dare valore alla vita, e nemmeno rispetto alla morte. E Cristo? Non l’ha ripreso nessuno.

Alex Hannold scala El Captain (foto di Jimmy Chin)

http://www.nationalgeographic.it/dal-giornale/2018/11/13/news/quando_un_amico_sfida_la_morte-4189304/

https://www.youtube.com/watch?v=FRGF77fBAeM



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 novembre 2018




Sergio Mangiameli

Il senso di appartenenza, come ostinato segnavia, con l’ambiente naturale. Sono presente su Facebook


ULTIMI POST

Vivi Napoli. E non muori

Per uno che ama la montagna, Napoli è una città dove silenzio, solitudine e orizzonti naturali non ci stanno. A Napoli niente è preciso ma tutto si compone in una forma di esattezza che riflette qualcosa che appartiene all’essenza della natura: nessun tramonto è uguale a un altro. La contagiosa creatività è dovuta, chissà, alla spaventosa energia vulcanica che questa terra tiene

Il giro dell'oca e il punto

Così oggi finisce un anno e domani ne comincia un altro. Un giro sta finendo. Questo mondo sta compiendo la sua danza attorno al Sole, ancora una volta dopo quattro miliardi e passa di altre prima. Dunque, si svolta, ma con un certo modo. Il nostro punto importante. La nostra indagine profonda del bilancio necessario, quasi fondamentale...

Restare o andarsene? Nel nome di Empedocle noi rimaniamo

Perché abbandonare un gruppo WhatsApp nato per una rimpatriata fra gli ex giovani di via Empedocle? Perché qualcuno si oppone al blocco della nave Diciotti al porto di Catania e lo scrive? Nel nome del filosofo che duemila e cinquecento anni fa combattè la tirannia, dovremmo rimanere. Siamo stati, siamo e solo così saremo persone aperte. Rimanendo