A Catania “La bottega del caffè” con Michele Placido

Dal 15 al 23 gennaio (solo nei week end) al Teatro Abc l’attore pugliese è il protagonista della commedia scritta da Carlo Goldoni e portata in scena da Paolo Valermo

Michele Placido è il protagonista assoluto de “La bottega del caffè”, in scena al Teatro ABC di Catania da sabato 15 gennaio per il terzo appuntamento della stagione di prosa “Turi Ferro” 2021/2022 organizzata da ABC Produzioni.

Il nuovo allestimento della celebre commedia di Carlo Goldoni, una delle “sedici commedie nuove” composte dall’autore veneziano nel 1750, è firmato da Paolo Valerio. «Accogliamo appieno e portiamo sulla scena tutta la vitalità e il divertimento della commedia – spiega il regista – la comprensione che Goldoni mostra per l’uomo, di cui ritrae con sottigliezza le virtù ed i lati oscuri, il suo amore viscerale per il teatro, per la scrittura, per gli attori, sulle cui potenzialità costruiva personaggi universali. Di questo testo meraviglioso è protagonista un microcosmo di persone che gravitano in un campiello veneziano».

Un bravissimo e carismatico Michele Placido interpreta Don Marzio, il nobile napoletano che osserva seduto al caffè questo piccolo mondo e con malizia ne intriga i destini Lo attorniano figure tutte importanti, ognuna ambigua e interessante: una coralità in cui la pièce trova il fulcro del suo impeccabile meccanismo, che imprime ritmi vorticosi alle interazioni fra i personaggi. Moderna e complessa, ricca di ironie e acutezze, “La bottega del caffè” unisce una sapiente scrittura drammaturgica corale all’italiano settecentesco parlato, superando la stessa caratterizzante unità d’ambiente – un campiello veneziano da mattina a sera – in uno spaccato di vita quotidiana, che mette insieme lo spazio aperto di un caffè e quello chiuso di una casa da gioco clandestina. Lo sfaccettato affresco sociale e umano che Goldoni ritrae nella commedia è in costante movimento attorno alla bottega del titolo, gestita con oculatezza da Ridolfo con il suo aiutante Trappola. Sullo stesso campiello si affaccia anche un luogo assai meno onorato: la casa da gioco di Pandolfo.
Cosa succede? Nulla di clamoroso: qualcuno si rovina al gioco, due amanti si ritrovano e si perdonano, qualche sogno s’infrange… ma soprattutto si spettegola. È Venezia – come dice Don Marzio – un paese in cui tutti vivono bene, tutti godono la libertà, la pace, il divertimento.

In scena con Michele Placido ci sono: Luca Altavilla, Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Anna Gargano, Armando Granato, Vito Lopriore, Francesco Migliaccio, Michelangelo Placido, Maria Grazia Plos. All’imponente e accurato allestimento, frutto della collaborazione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con Goldenart Production e la Fondazione Teatro della Toscana, hanno contribuito il lavoro della scenografa Marta Crisolini Malatesta, i ricchi costumi di Stefano Nicolao, il disegno luci concepito da Gigi Saccomandi, le musiche composte da Antonio Di Pofi e i movimenti di scena curati da Monica Codena.

Lo spettacolo andrà in scena al Teatro ABC sabato 15 gennaio (ore 21), domenica 16 (ore 18), venerdì 21 (ore 21), sabato 22 (ore 17.30 e 21), domenica 23 (ore18). Per informazioni 333 7781632 – 095 538188 – 345 3993368. Orario botteghino: da martedì a sabato 16:00/20:00, giovedì anche 10:00/13:00.

Data

Dal 16 Gen 2022 al - 23 Gen 2022

Ora

21:00 - 18:00

Luogo

Teatro Abc Catania
Catania Via Pietro Mascagni 94
Categoria
Organizzatore: Teatro Abc
Sito web:

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.

Commenti

Post: 0