5 milioni e mezzo di euro per il Fondo regionale 2021 per lo spettacolo. Domande entro il 6 settembre

Omnibus Pubblicati gli avvisi per accedere ai contributi Furs 2021 previsti per le attività teatrali e musicali in favore di associazioni e fondazioni ed enti gestiti da privati, nonché di enti e fondazioni a partecipazione pubblica. Il fondo 2021 ammonta a più di 5,5 milioni di euro di risorse finanziarie previste dalla legge di Stabilità da assegnare al Fondo unico regionale per lo spettacolo istituito con la legge 9/2015

Pubblicati gli avvisi per accedere ai contributi Furs 2021 previsti per le attività teatrali e musicali in favore di associazioni e fondazioni ed enti gestiti da privati, nonché di enti e fondazioni a partecipazione pubblica. Oltre di 5,5 milioni di euro di risorse finanziarie previste dalla legge di Stabilità da assegnare al Furs (Fondo unico regionale per lo spettacolo istituito con la legge 9/2015) per il 2021  a favore di associazioni, fondazioni ed enti teatrali privati, associazioni concertistiche di interesse regionale, provinciale e locale, associazioni e complessi bandistici per lo svolgimento dell’attività ed enti e fondazioni a partecipazione pubblica per l’anno 2021 che potranno fare richiesta entro il 6 settembre.

«Con la pubblicazione di questi avvisi per il Furs si dà piena attuazione agli impegni presi nella finanziaria regionale, di garantire al settore dello spettacolo dal vivo il sostegno necessario per superare questo momento di crisi  –  ha detto l’assessore regionale per lo Spettacolo, Manlio Messina -. Una delle direttrici della mia azione di assessore e del governo Musumeci è sempre stata quella di sostenere concretamente il ricchissimo tessuto di teatri, enti musicali e artistici, che innerva la nostra regione, fonte di ricchezza culturale ma anche grande attrattore turistico diffuso, nonostante anche le difficoltà finanziarie dell’amministrazione regionale».
 
L’assessorato regionale per lo spettacolo ha  previsto uno stanziamento pari al 96% della somma disponibile del Fondo, è cioè di quasi 5,3 milioni, da assegnare a ciascuno degli enti già beneficiari, per l’anno 2019, dei contributi Furs prendendo come riferimento le quote percentuali di partecipazione al riparto. La restante quota del 4% pari a 220mila, euro sarà utilizzata per far fronte a nuove eventuali richieste di contributo le cui modalità di assegnazione saranno individuate successivamente con un nuovo decreto assessoriale. Restano confermate per l’anno 2021, le percentuali di attribuzione del Fondo, pari al 65% ai soggetti privati e in misura pari al 35% ai soggetti a partecipazione pubblica.
Associazioni private
La quota del Fondo per le attività musicali e teatrali gestite da privati per l’anno 2021 è pari a circa 3,4 milioni, di cui la fetta più grossa 2,3 milioni per le attività teatrali, 823mila euro per le attività concertistiche e 275 mila euro per le attività bandistiche.
Enti e Fondazioni a partecipazione pubblica
Per l’anno 2021 è stato determinato l’ulteriore importo di  2,5 milioni di euro (legge regionale 17 marzo 2016, n. 3) riservato esclusivamente in favore di enti,  associazioni e fondazioni a partecipazione pubblica che si aggiunge alla quota del fondo di  circa 1,9 milioni per una dotazione complessiva del fondo Furs, destinata a enti e fondazioni a partecipazione pubblica, per l’anno 2021, è di circa 4,4 milioni. Confermate per l’anno 2021, le aliquote di ripartizione della quota del Fondo, tra il settore lirico-sinfonico e musicale e il Teatro di prosa e danza, per un importo di 4,4 milioni.
Come accedere ai contributi
Per accedere ai contributi i soggetti interessati possono fare istanza al Dipartimento del Turismo, dello sport e dello spettacolo avvalendosi esclusivamente della documentazione predisposta dall’Amministrazione, pubblicata sul sito della Regione Siciliana. L’istanza, completa degli allegati, dovrà pervenire via Pec al Dipartimento all’indirizzo dipartimento.turismo@certmail.regione.sicilia.it entro il 6 settembre 2021.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.